Icardi torna al gol: da Bologna l'Inter torna con tre punti

di Luigi Laguaragnella
Dopo l'anticipo del turno infrasettimanale di serie A, l'Inter, almeno per una notte torna prima in classifica. Lo fa, come le partite precedenti: mai strabiliante sul piano del gioco e dello spettacolo, vincendo di misura. A Bologna l'1-0 è firmato Icardi. Il capitano, che dopo lo stop a Palermo, ha subito le prime critiche per le sue prestazioni opache. La vittoria contro i rossoblu arriva anche grazie ad una perla, al termine della gara, dell'altro top player dei nerazzurri: allo scadere è miracolosa la parata di Handanovic sul tiro a botta sicura di Destro. Icardi e Handanovic regalano i tre punti all'Inter che, come in Sicilia, si è svegliata in inferiorità numerica. Al Dall'Ara, Felipe Melo, infatti, lascia la sua squadra in dieci.
Per gran parte della partita i nerazzurri hanno disputato una partita sonnolenta, con gli occhi rimasti aperti solo per il giallo fosforescente della divisa. Il Bologna di Delio Rossi non sta a guardare: con Mancosu e Masina tenta di superare la retroguardia avversaria, orfana di Murillo, ma non riesce ad avere il tocco finale per passare in vantaggio.
La partita offre spunti alla cronaca nel secondo tempo. Il doppio cartellino giallo di Felipe Melo, mette in scena il diverbio a distanza tra l'arbitro Banti e Mancini, che verrà mandato negli spogliatoi prima del fischio finale. L'Inter, però, è più reattiva. Nel primo tempo solo Kondogbia ha scaldato i guanti di Da Costa. Durante la seconda metà di gioco, invece la qualità di Ljiajc, titolare al posto di Jovetic ha dato più fiducia ai compagni. Perisic e Icardi più volte sono andati vicino alla rete del vantaggio. Poi il vantaggio nerazzurro è opera di un gesto d'altruismo di Ljiajc che serve un pallone facile facile per Icardi. E' l-0 che conferma che Icardi se ben servito sa essere letale e che Mancini può contare sull'ex attaccante della Roma. Anche se questa vittoria è la conferma che l'Inter sa rialzarsi sempre dopo essere stata colpita.
Mancini e i suoi uomini dovrebbero mostrare più a lungo le grinfie se vogliono puntare in alto. Se poi anche una dose di fortuna è dalla parte dei nerazzurri (la parata di Handanovic nel finale è da vedere e rivedere), è necessario approfittare.
L'Inter può e deve dire molto in campionato; il Bologna deve cambiare marcia se intende salvarsi.

0 commenti:

Posta un commento