Canottaggio: In undici per il CC Barion per l'Iindoor Rowing


Saranno undici gli atleti di quattro diverse categorie che scenderanno in gara per il gruppo agonistico del Circolo Canottieri Barion che si appresta ad affrontare il Campionato Italiano di Indoor Rowing in programma domenica prossima a Pozzuoli, nel Napoletano.

Il primo appuntamento del calendario stagionale remiero sarà aperto a tutte le età: per il circolo barese di molo San Nicola gareggeranno Valerio Buono, Francesco Di Nardo e Luigi Dolce per i Pesi Leggeri, Michele D'Alessandro, Roberta Licciardi, Valerio Passantino e Stanislao Rogliero fra gli Juniores, Raffaele Francesco Barile, Cristina Fiore, Gabriele Loconsole per i Ragazzi ed Ilaria Bovio avamposto fra i Cadetti. Per quest'ultima, e per tutti gli iscritti alla sua categoria e agli Allievi, la rassegna campana varrà come Meeting Nazionale Indoor, mentre per tutte le altre altre categorie saranno assegnati i titoli tricolori.

A favorire la partecipazione a questa sentitissima manifestazione, la scelta della Direzione Tecnica della Federcanottaggio di definire in base ai responsi di Pozzuoli la rappresentativa italiana che parteciperà ai World Games 2017 fissati a Wroclaw, in Polonia, a fine luglio: “La prova preselettiva – rimarca Sabino Bellomo, direttore tecnico della sezione canottaggio del Circolo Canottieri Barion – incrementerà ulteriormente il livello tecnico dell'evento, già alto di per sé”.

Sono più di 400 gli atleti iscritti, ma il circolo presieduto da Luigi Lobuono può legittimamente nutrire aspettative di piazzamento, nonostante l'ampia e qualificata concorrenza: “Il gruppo – spiega l'altro tecnico Alessandro Di Ronzo – ha già raggiunto una buona intesa, nonostante l'ampio spettro di categorie rappresentate. In due fra queste, in particolare, possiamo dire senz'altro la nostra, ma per scaramanzia non indico gli atleti che sembrano più pronti. Sarà interessante anche vedere i riscontri in ambito femminile, visto che si affacciano alla squadra agonistica ragazze che tanto bene hanno fatto nei Cas”.

0 commenti:

Posta un commento