Serie A: Juve a + 6, campionato riaperto da Napoli e Roma

di NICOLA ZUCCARO. Passare in vantaggio e non riuscire a conservare il pallino del gioco, finalizzato a chiudere il primo tempo in vantaggio di due reti. La trama del big match della 30ma giornata, disputatosi al San Paolo di Napoli, nella serata di domenica 2 aprile 2017 e terminato con il pareggio dei partenopei nella ripresa, racchiude per i limiti psicologici e/o mentali evidenziati nel corso dell'incontro (tattici compresi) che, la Juventus dovrà sudare le proverbiali sette camicie, per conquistare il sesto scudetto consecutivo.

Complici i prossimi impegni, fra cui in ordine cronologico, il ritorno al San Paolo nella serata di mercoledì 5 aprile per la Semifinale di Tim Cup che la opporrà nuovamente al Napoli, la squadra di Allegri ha frenato nella sua fuga verso il Tricolore. Una frenata che riapre il Campionato anche alla luce della vittoria della Roma che battendo per 2-0 l'Empoli, nell'anticipo di sabato 1 aprile, ha ridotto a -6 il distacco dalla Juventus. Un margine aritmetico che di fatto riapre il Campionato, rendendo ulteriormente decisiva la sfida in programma il 14 maggio, allo Stadio Olimpico fra la Roma e la Vecchia Signora.

Torneo riaperto anche in bassa classifica, dove il Crotone, espugnando il Bentegodi per 2-1 ai danni del Chievo, scavalca al terzultimo posto il Palermo sconfitto in casa dal Cagliari. I rosanero precedono così il Pescara bloccato all'Adriatico dal Milan per 1-1, dopo essere passato inaspettatamente in vantaggio, a seguito di uno svarione della difesa milanista. Resta preoccupante la posizione in classifica del Genoa che capitola al Marassi per 5-0 contro l'Atalanta del suo ex tecnico. Probabili, nelle prossime ore, le dimissioni dell'allenatore genoano Mandorlini e di quello palermitano Diego Lopez, a seguito delle rispettive sconfitte esterne.

0 commenti:

Posta un commento