Calcio. Serie A: il futuro sarà anche al 'femminile'?

Foto Juventus Women
di NICOLA ZUCCARO - Verona, Fiorentina, Sassuolo, Roma e Juventus. L'elenco ristretto delle squadre precedentemente menzionate, potrebbe facilmente essere accostato ad un ordinario riepilogo delle compagini partecipanti alla Serie A "maschile" 2017-2018. E, invece, da sabato 30 settembre 2017, esse comporranno il ristretto nucleo delle squadre che parteciperanno al massimo campionato di Calcio nazionale femminile e del quale, se si esclude parte della Roma (per il titolo sociale Res e non As) e dei primi 3 club citati, la novità è costituita dalla nascita della Juventus Fc Women.

Essa, in linea con gli antichi soprannomi di "Vecchia Signora" e/o di "Madama Bianconera", nata dalla rilevazione del titolo sportivo del Cuneo, potrebbe aprire la strada, niente poco di meno che all'arrivo dell'Inter, dando così - temporaneamente vita - al Derby d'Italia in rosa. Quanto anticipato nei giorni scorsi, durante una trasmissione andata in onda su Sportitalia, potrebbe rappresentare una svolta epocale nel calcio italiano che, coi suoi vertici, si ritroverebbe a dover fare i conti (sia ai botteghini, sia per i diritti televisivi) con una nuova realtà.

E, in attesa, che essa possa essere impreziosita dalle presenze di Lazio, Napoli, Milan, Torino, Sampdoria e Udinese, è ugualmente auspicabile che la Serie A in "rosa" possa rivelarsi, competitivamente equilibrata e tatticamente interessante, tanto da poter implicitamente confermare che quella al maschile corrisponde - per quanto ancora visionato, lungo il primo scorcio di questa stagione. - ad un Torneo aziendale, se non oratoriale. 

0 commenti:

Posta un commento