Calcio. Malagò: "Il Var è uno strumento fantastico: pochi gli errori"

ROMA - "Il Var? Non si può e non si deve tornare indietro: è uno strumento fantastico, ma certe tempistiche vanno accelerate. Gli errori dall'inizio dell'anno sono pochi ma qualcuno eclatante e, visto da fuori, incomprensibile" ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Malagò ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su RadioUno.

"Se il campionato mi diverte? Quando ci sono determinate partite, come Atalanta-Juventus o Milan-Roma, mi diverte ancora molto. Quando vedi invece goleade o la manifesta inferiorità di altre, molto meno. Un numero inferiore di squadre sarebbe di buon senso: tutti sono d'accordo, ma il peso politico di poche società è determinante e, per lo stallo statutario, il passaggio da 20 a 16 squadre è mancato. La Lega non ha ancora un presidente? Ci sarà un'assemblea che formalizzerà gli elementi statutari che, nel giro di 7-10 giorni, a meno che non vogliano rovesciare di nuovo il tavolo, cosa che sarebbe un suicidio, porterà ad una nuova governance. Sarebbe pazzesco se non si andasse a dama. La parola apocalisse la lascerei a chi si occupa di fatti diversi e più importanti, come la religione".

0 commenti:

Posta un commento