Calcio. Parolo: "E' un obbligo per l'Italia andare al Mondiale"

COVERCIANO - "Bisogna essere ottimisti in previsione del prossimo spareggio Mondiale che quasi certamente vedrà coinvolta la Nazionale azzurra fra circa un mese perchè comunque l'Italia è sempre l'Italia e perchè c'è sempre voglia di crescere e di migliorarsi. Dentro di noi dopo che perdi una partita o fai una gara non troppo esaltante, c'è voglia di ripartire e di giocare. Dentro ogni singolo giocatore c'è questa voglia che deve trascinarci a fare belle prestazioni e ad avere certezze in vista degli spareggi che saranno fondamentali per noi” ha dichiarato Marco Parolo dal ritiro del centro tecnico di Coverciano, dove gli azzurri stanno preparando la prossima gara di qualificazione ai mondiali di 'Russia 2018' contro la Macedonia.

"Ben vengano le prossime due partite perchè comunque ti permettono di trovare delle certezze che pensavi di aver perso prima. Ci sono state situazioni non esaltanti ma solo lavorando si fanno le cose in grande. Questo percorso ci deve assolutamente portare al Mondiale. E' un obbligo e una volontà per noi andare al Mondiale, tutti ci teniamo in maniera esagerata. Non andarci come hanno detto tutti sarebbe una catastrofe. Dobbiamo portare avanti un progetto di gruppo, di crescita corale. Quindi dobbiamo farci trovare pronti tutti e fare del proprio meglio per cercare di far migliorare questa Nazionale. Barella? Ci sono dei giovani interessanti che stanno facendo bene in campionato, hanno bisogno anche loro di conoscere la nostra realtà e il nostro modo di giocare. Pero' sono svegli, hanno voglia di fare e secondo me hanno tutte le capacità per mettersi a disposizione fin da subito. Poi le scelte come sempre spetteranno al mister”. 

0 commenti:

Posta un commento