Calcio. Ribaltone Bari: 2-1 scacciacrisi all'Avellino

di NICOLA ZUCCARO. E' stato un Bari dai 2 volti quello visionato contro l'Avellino nel pomeriggio di domenica 8 ottobre 2017. Sterile nel corso di un primo tempo opaco (illuminato dal palo interno di Galano), in fase realizzativa. Aggressivo in una ripresa che non si era aperta sotto i migliori auspici. Al 65' il vantaggio di Kresic, pronto a sfruttare una ribattuta della difesa biancorossa, per il momentaneo 1-0 degli irpini, introduceva quella che di lì a poco, non sarebbe stata, con il senno di poi, la seconda sconfitta interna, di questo torneo per il Bari.

In virtù di una reattività (forse stimolata e motivata dal nuovo Sponsor, Birra Peroni), 2' più tardi una bordata di Improta, scaricata dalla distanza, manda in visibilio il pubblico che ha popolato e non molto (nonostante il turno domenicale della B), gli spalti del San Nicola Sarà così anche 5' dopo, quando il Sig. Aureliano concederà un rigore al Bari, per un tocco della sfera con il gomito da parte di D'Angelo. Galano realizza la massima punizione, dopo che il fischietto bolognese aveva faticato e non poco per far osservare la distanza dal dischetto ai calciatori avellinesi.

Sotto di due reti, l'Avellino non si dà per vinto, cercando di strappare anche su un calcio di punizione ribattuto dalla barriera barese un insperato pareggio. Un episodio, quest'ultimo, di non poco conto, che ha reso sofferto questo successo "scacciacrisi" per i galletti, dopo l'inspiegabile sconfitta del 30 settembre in casa dello Spezia. 

0 commenti:

Posta un commento