Motogp. Valentino Rossi: "E' un momento delicato per la Yamaha: deve fare il salto di qualità"

ROMA - "I test sono andati bene; abbiamo provato la moto col telaio vecchio, quello del 2016 e abbiamo deciso che il prototipo di questa stagione era peggio. Dobbiamo comunque aspettare di vedere come sarà la moto nuova, sarà qualcosa di interessante e la base di partenza però sarà la moto del 2016. Ora è un momento delicato e la Yamaha deve fare il salto di qualità" ha dichiarato il pilota della Yamaha, Valentino Rossi, riguardo la stagione appena conclusa e delle prospettive per il prossimo anno intervistato da Linus e da Nicola Savino durante il programma 'DeeJay Chiama Italia' .

"Il problema è che è arrivato Vinales e lui con questa moto è andata subito forte; io appena l'ho provata non mi sono trovato bene. Ho pensato che era la fine della stagione ed ero io a non essere in forma e abbiamo continuato con quel progetto, ma è stato un errore. Cosa non funzionava? Abbiamo fatto tante ricerche e secondo me la moto andava male dove c'era poco grip e faceva caldo. Le prime tre gare abbiamo corso fuori dall'Europa e c'era molta aderenza, in più in Qatar la corsa si è svolta la sera. A Jerez sono iniziati i guai. La MotoGp senza di me? Quando accadrà qualcuno dei miei avversari sarà contento. Perché ho così tante attenzioni nel paddock? Non lo so, forse è un insieme di cose, ho avuto una carriera molto lunga e ho vinto tanto. E poi la gente si è innamorata, tanta gente che non seguiva la moto grazie a me ha iniziato a seguire. Se ho paura di smettere? Ribadisco che certo, è un momento che mi fa paura, penso che avrò altri 10 anni per correre con le macchine e mi piacerebbe correre dei rally e la 24 Ore di Le Mans. Fidanzate? Sono single. Quando si è alle gare mi piace stare da solo e col mio team. Non ho molto tempo e la vita del pilota poco si concilia con le morose. Sono sposato con la moto, felicemente".

0 commenti:

Posta un commento