Serie A, ripresa del campionato: l'Associazione Italiana Calciatori non vuole giocare il pomeriggio


FRANCESCO LOIACONO - L’Associazione Italiana Calciatori, l’AIC, non vuole giocare il pomeriggio se il Campionato di Serie A dovesse riprendere, dopo lo stop per il Coronavirus. Il vice Presidente Umberto Calcagno ha dichiarato:” Giocare ogni tre giorni a certe temperature, mette i calciatori a rischio. Potrebbero esserci seri problemi fisici per i nostri tesserati. Non si può giocare a Giugno Luglio ed eventualmente anche ad Agosto, il pomeriggio alle 16,30, o alle 17,30 per il caldo.

Sarebbe più opportuno disputare le partite di calcio la sera alle 18,45, e alle 21”. L’AIC però dovrà trovare l’accordo con la Lega Serie A e le TV a pagamento Sky e Dazn, per evitare numerosi problemi. Si prevede infatti che a Giugno, Luglio e Agosto, il pomeriggio, le temperature potrebbero aumentare notevolmente per il caldo, fino a sfiorare i 40 gradi, o a superarli. La sera invece le temperature dovrebbero essere più favorevoli, per giocare le partite di calcio.

0 commenti:

Posta un commento