B1F. Volley Maglie, Adelaide Soleti: talento 'made in Puglia' per l'attacco

LECCE - Continua all’insegna della stabilità, della consistenza e soprattutto della sostanza la campagna di rafforzamento in vista del prossimo campionato di B1. Dopo aver raccolto sapori da ogni parte d’Italia, con un pizzico di Abruzzo (Vanni), Friuli Venezia Giulia (Della Rosa), Sicilia (Vittorio), Toscana (Basciano), Lombardia (Diomede) e soprattutto tanto Lazio (Liguori, Compierchio, La Rocca e il tecnico Giandomenico), il diesse Mattei ci aggiunge quel pizzico di Puglia che mancava per insaporire il gruppo e porta in squadra una delle più belle espressioni del volley meridionale.

E’ Adelaide Soleti, opposto giovane e potente, classe 1997, 183 cm. di altezza, atleta territoriale, pugliese di Cisternino nel cuore della Valle d’Itria, che seppur ancora diciannovenne, ha già saputo bruciare le tappe con una serie di esperienze ”pesanti”. Inizia la sua carriera nelle giovanili di Castellana e giovanissima fa già capolino in serie D con Putignano (2011-2012). Sarà una stagione che le servirà da trampolino perché i dirigenti del San Vito dei Normanni sentono parlare di lei e non se la fanno sfuggire offrendole la grande occasione della chiamata in A2, per un‘esperienza che sinceramente poche ragazze possono permettersi a soli 15 anni, grazie alla quale riesce a prendere confidenza con il grande volley della seconda serie nazionale. A San Vito ci rimarrà per altre due stagioni di B1 fino al 2015, segnalandosi per le sue notevoli doti sia in attacco che in difesa, ma anche per le sue indubbie potenzialità fisiche.

Arriva quindi l’offerta della Pallavolo 80 Brindisi (2015-2016) della quale in B2 diventa ovviamente un perno della squadra offrendo prestazioni tecnicamente eccellenti. Poi lo scorso anno fa armi e bagagli e parte per la prima esperienza lontano da casa in Veneto nel LeaAli Padova Volley Project di B1. Ora il ritorno nella sua regione, per il corteggiamento di Maglie già dalle passate stagioni, che ora diventa matrimonio. Giocatrice di equilibrio per il nuovo sestetto rossoblu, tecnica pura in attacco, grintosa e determinata in difesa, capace di offrire continuità e soprattutto fluidità al gioco. Un’altra giocatrice dalla carta d’identità verde che testimonia la volontà del team del presidente Bavia di programmare il futuro con intelligenza, affiancando in squadra alle pedine di esperienza delle atlete in piena fase di maturazione, pronte a diventare punti di forza in campo.

“Arrivo a Maglie perché sono certa che in questo momento della mia carriera sia la scelta giusta per continuare il mio percorso di crescita – dichiara Adelaide Soleti – Mi hanno parlato sempre bene dell’ambiente, per passione e organizzazione, e dell’allenatore, tra i migliori per esperienza e conoscenze, che a me saranno quanto mai utili. Mi piace dare sicurezza alle compagne e non mi tiro mai indietro. Le aspettative mi metteranno di fronte ad una stagione impegnativa, che dovrà servire però per migliorare le mie caratteristiche di giocatrice completa e per compiere un salto di qualità verso il futuro.” Londra è la sua città preferita, adora lo stile british, ma sapere di essere finora l’unica pugliese del gruppo che si va formando è anche uno stimolo per dare qualcosa in più delle altre. “Sono felice e lusingata di questa responsabilità – confessa la giovane cistranese, che compirà 20 anni il prossimo 10 dicembre – E’ un onore ed un onere, che spero di assolvere sempre al meglio in ogni partita dando sempre il massimo insieme alle mie compagne per collocare la nostra squadra ai livelli che ormai le competono, cioè nella parte più importante della classifica”.

Torna in Inghilterra appena può ma vorrebbe girare tutto il mondo, Adelaide è anche una brava cuoca e un'appassionata di atletica leggera. Una ragazza quindi che si fa notare in campo e fuori per sua riservatezza e per la sua affabilità. Un diamante grezzo che i dirigenti magliesi ora affidano alla straordinaria abilità di un tagliatore come il tecnico Emiliano Giandomenico, pronto a conferirgli la brillantezza che le è propria. “E’ una ragazza seria e di grande valore. Per lei questo dovrà essere l'anno della consacrazione, perché ha dei margini di crescita notevoli – aggiunge il coach romano - Mi aspetto molto da lei e so che non mi deluderà. Sarebbe una soddisfazione doppia perché è giovane ed è salentina.” Tante le giocatrici che affollano il mondo del volley, ma per diventare grandi ci vuole tanto lavoro, spirito di sacrificio e umiltà. Tutto ciò che questa giovane e gagliarda salentina di Cisternino sa di poter mettere in mostra.

0 commenti:

Posta un commento