Motogp: Valentino Rossi già dimesso e trasferito in un centro per la riabilitazione

ROMA - Una bella notizia per Valentino Rossi: è stato già dimesso dall'ospedale ed è stato trasferito in un Centro dove già oggi inizierà la riabilitazione.

Ad annunciarlo è stato il professor Raffaele Pascarella, direttore dell'unità operativa ortopedia e traumatologia degli Ospedali Riuniti Torrette di Ancona, che ha operato il fuoriclasse di Tavullia alla gamba destra nella notte tra giovedì e venerdì.

"Rossi, che cadendo in allenamento aveva rimediato la frattura scomposta di tibia e perone, ha mosso i primi passi con le stampelle ed è uscito con la sua carrozzina senza problemi, accompagnato dai suoi familiari" ha dichiarato Pascarella "In 30-40 giorni potrebbe tornare a gareggiare. La frattura è stabile, dipende dalla sua capacità deambulatoria e dal dolore che proverà. Le gambe servono per andare in moto e poter gareggiare ad alti livelli. Quando tornerà non lo so, la palla di cristallo non me l'hanno ancora consegnata. Con Rossi abbiamo parlato di lui e del suo recupero, non del suo lavoro".

"Ho trascorso una buona nottata, ho dormito e questa mattina mi sono sentito bene" ha dichiarato invece il pilota della Yamaha Valentino Rossi "I dottori mi hanno visitato e mi hanno dato l'ok per andare a casa, dove sarò in grado di riposare anche meglio. Inizierò la riabilitazione prima possibile e vedremo come il mio corpo reagirà prima di prendere qualsiasi decisione. Devo dire grazie ancora una volta a tutto lo staff degli Ospedali Riuniti di Ancona, ma anche al pronto soccorso di Urbino e al servizio 118, oltre che a tutti gli amici che mi hanno fatto visita. Come ho detto ieri, farò di tutto per tornare in pista prima possibile".

0 commenti:

Posta un commento