Mondiali. Big da rivedere al secondo giro

di NICOLA ZUCCARO - Inghilterra, Francia e Belgio promosse. Germania e Polonia bocciate. Argentina, Brasile, Spagna e Portogallo rimandate. E' tempo di scrutini - in linea con quelli scolastici - anche per le Big che hanno completato, per mezzo del proprio esordio, il primo giro della fase a Gironi del Mondiale di Russia 2018. Dopo l'Argentina sconfitta al debutto nel 1982 e nel 1990 (0-1 contro Belgio e Camerun), è toccato anche ai campioni del mondo in carica della Germania floppare nella prima uscita, alla luce dell'1-0 rifilato da un sorprendente Messico. E se - senza giri di parole - si deve scrivere la parola sorpresa, lo stesso dicasi anche per la Polonia (1-2 contro il Senegal), per l'Argentina e per il Brasile (1-1, rispettivamente con Islanda e Svizzera).

Di poco, ma in meglio, alla luce dell'equilbrio dal livello elevato, Portogallo e Spagna, protagoniste di un pirotecnico 3-3, espresso nella gara di cartello del Girone B disputatasi lo scorso 15 giugno. Dati che confermano quel teorema secondo il quale la "prima" in un Mondiale è difficile per tutte, anche per quelle Nazionali titolate e obbligate a confermare, con una vittoria sul campo, di essere le squadre da battere. La prima tornata di Russia 2018 ha indicato l'esatto contrario. E dalla serie "altro giro, altra corsa", spetterà al "secondo" indicare se le gerarchie ferme alla vigilia della 21ma edizione della Coppa del Mondo saranno ristabilite o se, al termine della stessa, emergerà un nuovo ordine del calcio mondiale.

0 commenti:

Posta un commento