I capitani 'sfasciati' della Serie A

di LUIGI LAGUARAGNELLA - Finita l’era delle grandi bandiere del calcio, quei capitani che si identificavano nei colori della maglia andando oltre le prestazioni sportive, sta per finire anche l’era delle fasce di capitano. La novità del campionato di Serie A, infatti, viene dalla Lega Calcio che ha imposto la regola di far indossare sul braccio la stessa fascia per tutti i capitani delle 20 venti squadre.

E’ strano come in un’epoca in cui apparentemente sia molto semplice personalizzare ogni oggetto, rischiando di uniformare proprio l’idea di personalizzazione, il mondo del calcio stia decidendo di limitare la creatività su un simbolo molto importante per un calciatore.

Certamente non possono esistere più i capitani di una volta, quelli di cui leggevi il nome della stessa squadra per decenni sui tabellini delle figurine panini, però quella strisciolina sul braccio può ancora rappresentare un segno di responsabilità, rispetto per tanti tifosi-persone, per una società.

Personalizzandola poi, magari con date di eventi, ricordi, anniversari o simboli particolari, rafforzava quella carica di leader. E in qualche modo avrebbe contribuito a tenere legati ancora un po’ i valori della vita (e non quelli del marketing e della pubblicità, motivo per cui si pensa che Lega abbia imposto una fascia uguale per tutti) a quelli dello sport.

Alcuni calciatori come De Rossi, Gomez e soprattutto Pezzella non intendono rispettare questa norma. La Lega ha avvisato che dal prossimo turno di campionato saranno previste sanzioni, anche se il capitano e tutti i calciatore della Fiorentina intendono mantenere per tutta la stagione la fascia in ricordo del loro compagno Davide Astori.

E’ ben ricordarlo: spesso molte fasce di capitano, alcune indimenticabili per bellezza grafica, venivano messe all’asta per devolvere il ricavato per qualche causa di beneficenza. Perché continuare a “sfasciare” i sani valori sportivi?

0 commenti:

Posta un commento