Calcio a 5, Road to Colombia 2016: domani a Miskolc c'è Ungheria-Italia

Meno di 24 ore all’Ungheria. La Nazionale italiana di futsal rifinisce i dettagli in vista dell’andata degli spareggi di qualificazione al Mondiale 2016, in programma domani alle ore 18 a Miskolc (diretta tv in Ungheria sull’emittente M4). Agli ordini del c.t. Roberto Menichelli e dello staff, gli Azzurri hanno preso confidenza questa mattina con il parquet della Generali Arena, il palazzetto da 1.690 posti dove domani si giocherà questo primo round dei playoff.

Alla vigilia di questa importantissima sfida, il c.t. ha rilasciato qualche battuta: “Si parla molto, forse anche giustamente, di [Zoltan] Droth, ma l’Ungheria non è solo lui”, le parole di Menichelli, “E’ una nazionale che ha avviato un progetto tecnico importante con un allenatore preparato come Sito Rivera, che ha lavorato anche in Italia, e i miglioramenti di questa squadra sono sotto gli occhi di tutti. Ho sempre detto che in campo internazionale, soprattutto in Europa, il livello medio si è alzato e le differenze tra i top team e le altre nazionali non sono più così abissali: il concetto resta valido. Sarà molto importante avere l’approccio giusto alla partita, con concentrazione massima e attenzione considerando che la qualificazione si deciderà su 80 minuti di gioco”.

L’obiettivo dichiarato è quello di confermare la buona tradizione contro i magiari e ipotecare la qualificazione, per mettere in discesa la gara di ritorno a Prato (in programma mercoledì 13 aprile alle ore 20.30). Sono diciassette i precedenti tra l'Italia e l'Ungheria, nazionale che nel 2010 ha organizzato l’Europeo ed è allenata dallo spagnolo Sito Rivera, un passato in Italia con la Luparense e con il Napoli: due sconfitte, due pareggi e tredici successi per gli Azzurri, l’ultimo dei quali ad Andria il 30 marzo 2013 (9-1) in occasione del Main Round di qualificazione all’Europeo in Belgio. Il pericolo numero 1 dei magiari è Zoltan Droth, pivot che all’ultimo Europeo in Serbia ha realizzato quattro gol in due partite, visto che la squadra ha collezionato due sconfitte contro Spagna e Ucraina. E’ stato recentemente acquistato dal Kairat Almaty, formazione che ha vinto due delle ultime tre edizioni della UEFA Futsal Cup.

Negli spareggi è in vigore il meccanismo delle coppe europee di calcio: a parità di gol tra andata e ritorno, quelli in trasferta valgono doppio. In caso di ulteriore parità, tempi supplementari e poi rigori.

L’ottava edizione della FIFA Futsal World Cup si giocherà in Colombia – a Cali, Medellin e Bucaramanga – dal 10 settembre al 1 ottobre. Al Mondiale partecipano sette nazionali della UEFA, cinque della AFC (Confederazione calcistica asiatica), quattro della Concacaf (Confederazione calcistica del Nord, Centro America e Caraibi), quattro della Conmebol (Confederazione Sudamericana del Calcio) compresa la Colombia padrona di casa, tre della CAF (Confederaziona africana del calcio) e una della OFC (Federazione calcistica dell’Oceania).

In allegato, foto a riproduzione gratuita della Generali Arena di Miskolc – sede della gara di domani – e un’esultanza azzurra all’ultimo Europeo in Serbia.

I CONVOCATIPORTIERI: Stefano Mammarella (Acqua&Sapone Emmegross), Giuseppe Micoli (Real Rieti), Francesco Molitierno (Carlisport Cogianco)

GIOCATORI DI MOVIMENTO: Mauro Canal (Pescara), Paolo Cesaroni (Acqua&Sapone Emmegross), Massimo De Luca (Asti), Vinicius Carlos Dos Santos (Kaos Futsal), Rodolfo Fortino (Sporting Lisbona), Daniel Giasson (Gruppo Fassina Luparense), Humberto Honorio (Gruppo Fassina Luparense), Dos Santos Da Silva Augusto Kakà (Kaos Futsal), Luca Leggiero (Pescara), Gabriel Lima (ElPozo Murcia), Alex Merlim (Sporting Lisbona), Murilo Ferreira Juliao (Acqua&Sapone Emmegross), Alessandro Patias (Benfica), Sergio Romano (Asti), Angelo Schininà (Kaos Futsal)

0 commenti:

Posta un commento