Mondiali: Uruguay e Russia agli ottavi, sorprende il terzo posto dell’Arabia Saudita

(credits: Fifa)
di LUIGI LAGUARAGNELLA - Il primo verdetto dei mondiali è la qualificazione di Uruguay e Russia. La sfida pomeridiana che ha messo di fronte proprio i padroni di casa contro gli uomini di Tabarez è stata decisiva per il primato del gruppo: i sudamericani hanno travolto la Russia per 3-0 e si qualificano agli ottavi a punteggio pieno.

La solidità della Celeste è decisiva: in tre partite non Muslera non ha subito reti. La partita è chiusa nella prima mezz’ora del primo tempo: la qualità di Suarez è confermata da una sua punizione vincente, poco dopo il raddoppio è arrivato da un tiro di Laxalt deviato da Cheryshev. A determinare la gara è stata anche l’espulsione di Smolnikov.

L’Uruguay gestisce la partita e la retroguardia non teme la qualità dei russi che però oggi erano sottotono. La terza rete è giunta a pochi istanti dal novantesimo con Cavani che mette la prima firma su questo mondiale.

A sorprendere nel girone A è il deludente Egitto che esce dal mondiale con tre sconfitte. Perde per 2-1 contro l’Arabia Saudita che beffa Salah e compagni proprio nei minuti di recupero con un diagonale di Al Dawsai. I Sauditi possono esultare per una vittoria al mondiale dopo oltre venti anni. Erano partiti in svantaggio per la rete di Salah, poi il conto è pareggiato  dal rigore di Al Faraj dopo che il suo compagno Al Muwallad si è fatto parare un altro penalty regalando al portiere egiziano El Harady il record del portire più anziano dei mondiali (45 anni) a parare il tiro dagli undici.

0 commenti:

Posta un commento