Tennis. Playoff serie D/1: il CT Brindisi in trasferta a Monopoli

BRINDISI - Testa, cuore e racchetta in pugno per vincere il primo dei due duelli dell’ultimo atto (andata e ritorno) che porta dritti in serie C.

Sono pronti a scendere in campo i ragazzi del Circolo Tennis Brindisi per la gara di andata dei quarti di finale playoff del Campionato Regionale a Squadre di Serie D1 Maschile, in programma domenica 2 luglio 2017, a partire dalle ore 9.

I biancazzurri nell’ultima trasferta stagionale affronteranno i padroni di casa della Polisportiva Giannoccaro di Monopoli (secondi classificati del girone A, ndr) che, già incontrati nella fase a gironi del campionato in una gara terminata 2 a 2 (disputata sui campi del sodalizio di via Ciciriello, ndr), sono reduci dalla vittoria esterna per 3 a 0 nell’esordio playoff contro la Polisportiva Tennis Club Bitonto.

Brindisi scenderà in campo con Giuseppe Pinto (cat. 3.3), Piero Cerasino (cat. 3.4), Cristian Cai (cat. 4.1), Gianluca Alparone (capitano, cat. 4.2) e Antonio Parnasso (cat. 4.5).

Monopoli potrà contare Gianluigi Angelini (capitano, cat. 2.8), Marcantonio Schena (cat. 3.5), Riccardo Schena (cat. 4.2), Cristiano Barnaba (4.1) , Daniele Cavallo (cat. 4.1), Andrea Pastorello (cat. 4.1). Giuseppe Ciampi (cat.4.1).

"Siamo alle battute finali"afferma Piero Cerasino, giocatore del C.T. Brindisi "pronti ad affrontare ancora una volta la Polisportiva Giannoccaro di Monopoli, squadra più forte incontrata nella fase a gironi. Si tratta di uno scontro andata e ritorno che sappiamo sarà molto duro: per essere promossi in serie C non basterà solo vincere, bisognerà totalizzare nelle due gare il maggior numero di punti, con la possibilità di un doppio di spareggio in caso di risultato analogo. Loro sono un’ottima squadra che, come avvenuto in precedenza, può contare tra gli altri su Angelini, giocatore davvero di alto livello, che ovviamente farà pesare quello che è il suo valore sia in singolare che in doppio. Il resto della formazione, viste le classifiche individuali dei giocatori, è alla nostra portata, ma in questa fase così delicata è meglio non sbilanciarsi. È sul campo che si decide".

0 commenti:

Posta un commento