Calcio. Nicchi: "Il Var sta andando meglio delle previsioni"

ROMA - "Il Var sta andando meglio delle previsioni. Ormai siamo in grado di poter dire dopo soli 4-5 mesi di applicazione e comunque dopo il girone di andata che i risultati sono positivi. Lo strumento fa giustizia e gli arbitri lo utilizzano con grande entusiasmo. Poi, stiamo lavorando per migliorarlo, ma i risultati sono incoraggianti. La Fifa e La Uefa ci prendono come esempio da esportare perché l'Italia sta diventando, dal punto di vista arbitrale, un punto di riferimento nel mondo" ha dichiarato il presidente dell'Associazione Italiana Arbitri, Marcello Nicchi, a Radio Crc elogiando l'utilizzo del Var in Serie A.

"E' ovvio che bisogna prendere l'abitudine al mezzo elettronico, deve esserci una sinergia tra l'arbitro in campo, il Var e l'operatore che fornisce le immagini. Lavoreremo su questo e a Coverciano inaugureremo una sala di allenamento Var dove gli arbitri durante i raduni si alleneranno dal punto di vista fisico, mentale e anche al Var, e verrà utilizzato anche da altre federazioni straniere. Tutti quelli che vogliono bene al calcio e amano la giustizia devono darci una mano ed incoraggiare l'utilizzo dello strumento. Ritengo offensivo pensare che alcuni arbitri  rifiutino la tecnologia: gli arbitri sono entusiasti. C'e' però un protocollo molto complesso e che sarà da aggiustare alla fine del campionato e applicarlo non riesce facile a tutti, ma quando l'arbitro sbaglia nel prendere una decisione, bisogna sapere se l'atteggiamento è dovuto alla negligenza dell'arbitro o all'applicazione ferrea del protocollo. Calvarese mai al Var? Siamo in fase abbastanza sperimentale e qualche discrasia da sistemare può esserci. Non mi va di parlare del singolo arbitro, ma di far sapere la verità: l'arbitro in campo resta centrale perché è colui che prende la prima e l'ultima decisione. Il protocollo dice che di fronte ad un eventuale fallo di mano, l'arbitro in campo giudica e quando il Var chiama il direttore di gara chiedendo se ha visto il fallo di mano, se l'arbitro è convinto che quel fallo è involontario, mette automaticamente in fuorigioco il Var. Il Var non può dire all'arbitro 'vai a vedere il fallo', resta valida la sensazione del campo. Il Var rende sereno l'arbitro perché va in campo come se non ci fosse, ma se capita un errore, sa che c'è chi può correggerlo, per cui il Var tranquillizza l'arbitro, il pubblico, gli allenatori, i giocatori, tutti. Si impiega molto meno tempo nell'andare a rivedere le immagini piuttosto che allontanare chi protesta estrarre cartellini e via dicendo, quindi col Var si guadagna anche tempo nella decisione. Su 900 casi, in totale, sono stati commessi solo 5 errori quindi il bilancio è positivo. Il Var ha restituito serenità negli stadi, sono finite le proteste e questo è importante anche per le società che non vedono più calciatori squalificati per proteste perché adesso tutti aspettano e accettano le decisioni, non ci sono più le entrate temerarie e sono aumentati del 35% i calci di rigore perché le telecamere vedono tutte le trattenute. La soddisfazione più grande è che tutto il mondo ci guarda e non guardano solo gli arbitri bravi, ma i comportamenti, gli stadi, i rapporti con i calciatori, guardano gli allenatori e il calcio italiano sta facendo una grande figura e sono davvero felice".

0 commenti:

Posta un commento