Calcio. Buffon: "Sono molto contento di essere al Psg: darò il mio contributo per traguardi importanti"

"Sono molto contento di essere qui, sono estremamente eccitato per questa nuova avventura che mi dà un'energia particolare in un posto che ha un'atmosfera magica, ringrazio il presidente che mi ha voluto fortemente" ha dichiarato il nuovo portiere del Psg, Gianluigi Buffon, nella sua prima conferenza stampa con al suo fianco Nasser Al-Khelaifi, grande capo del club campione di Francia "L'offerta del Psg è stata una sorpresa molto gradita per me, probabilmente, anzi sicuramente, stavo già programmando un altro tipo di futuro, ma dentro di me ho sempre avuto l'ambizione e la speranza che accadesse un qualcosa, perché sento di avere dentro ancora qualcosa di importante da dare. E' arrivata questa offerta, è accaduto quello che speravo, la vita è veramente imprevedibile. Ho iniziato molto prima di questo club la caccia alla Champions League, ma non credo sia un'ossessione né per me né per il Psg. Ho accettato volentieri l'offerta del club perché credo ci siano le condizioni per potermi migliorare sia come calciatore che come persona e questo non è un aspetto secondario. Credo di poter dare il mio contributo e di poter aiutare il Psg a migliorare un po', quindi ad ambire a traguardi sempre più importanti. Quando inizia una stagione non puoi pensare solo alla Champions, sarebbe una follia e qui non siamo pazzi. Sono sempre stato titolare a Parma, nella Juve e in Nazionale, ma mai nessuno mi ha detto lo che sarei stato a priori, la maglia me la sono conquistata sempre sul campo. Lo sport è questo, la competizione è questa, ho 40 anni, ma godo di un ottimo stato di salute fisica e mentale. Per esperienza so che per andare fino in fondo c'è bisogno di tutti, dei 25 giocatori e della società e credo che tutti, nell'arco della stagione, possano trovare uno spazio importante per essere protagonisti. Io farò di tutto per aiutare i miei compagni a rendere al massimo, l'obiettivo è dimostrare di essere ancora un grande portiere e credo che lo farò. Quando avevo 30 anni, pensavo di avere davanti ancora 2-3 anni di carriera, poi l'ho pensato a 34, a 36 e a 38, ora ne ho 40, ma ho giocato fino a pochi mesi fa in Nazionale e quando si è in Nazionale credo si possa dire di essere ai massimi livelli. Io voglio giocare fin quando sto bene e penso di essere tra i più forti, quando mi renderò conto che non è così sarò il primo a voler smettere. Sono stato 10 anni a Parma e 17 alla Juve, mi ero ormai creato una zona di comfort, ma in realtà ho sempre cercato la sfida, il misurarmi non solo come calciatore, ma anche come persona. Oggi ho fatto il primo allenamento con il Psg, con i compagni parliamo lingue diverse, ma abbiamo lavorato, riso e scherzato e i momenti di disagio iniziali saranno bellissimi da ricordare. Fra 1-2 mesi parlerò con tutti, diventerò anche un portiere migliore perchè conoscerò un altro modo di parare, secondo me si migliora così, allargando gli orizzonti. I momenti poco felici e difficili li abbiamo passati tutti nella nostra carriera e nella nostra vita, sono tappe che se affrontate nel modo giusto ti fanno migliorare tantissimo, credo che un campione come Neymar da una delusione come quella Mondiale possa tornare con una rabbia agonistica e una voglia di vincere incredibile. Se ne gioveranno i suoi compagni e il Psg. Sono arrivato alla Juve a 23 anni, avevo un'esperienza limitata, il mio mondo fin lì era stato solo Parma e considerando anche la spesa che fece la Juve per comprarmi, la responsabilità e il peso c'erano. Ora sono sbarcato a Parigi con l'entusiasmo di un ragazzo, la verità è quella, la carta d'identità non tradisce, ma penso che uno debba seguire l'energia e l'entusiasmo che ha dentro. Credo che lo sport sia cambiato molto, ci sono parecchi giocatori che a 34 anni sono considerati ancora i migliori, una cosa impensabile fino a qualche anno fa. Non vedo perché un portiere, seppure a 40 anni, non possa ritagliarsi momenti belli e di grande passione, poi i 40 anni di un portiere possono essere i 33-34 di un calciatore". 

0 commenti:

Posta un commento