Powerchair Football, accordo con la Lega Pro. Piemontese: "Lo sport per i disabili significa vita"

"Oggi chiudiamo questa intesa con la Lega Pro per dare un segnale: lo sport per i disabili significa vita. Lo sport è per tutti, anche per coloro i quali si ritiene possano essere ai margini. Oggi noi mettiamo al centro le persone più deboli, con disabilità, e lo facciamo dando loro la possibilità di praticare uno sport che solitamente non si pensa possa essere fruito dai disabili".
Così l’Assessore regionale allo Sport Raffaele Piemontese, presentando giovedì 27 settembre 2018 in conferenza stampa l’accordo fra l’ASD "Oltre Sport" e la Lega Pro per la promozione e sensibilizzazione del calcio in carrozzina elettrica (Powerchair Football).

"Questa intesa con Lega Pro" ha continuato Piemontese "è importante perché dà a tutti  la possibilità di comprendere che grazie allo sport c'è una qualità della vita migliore. Lo sport diventa un potente strumento terapeutico, soprattutto per le persone con disabilità".

Il 17 novembre 2017, il Consiglio, il Parlamento e la Commissione dell’Unione europea hanno solennemente proclamato e sottoscritto il "Pilastro europeo dei diritti sociali". Risorse economiche, servizi, ambienti adeguati alle diverse esigenze: in questo documento, l'inclusione delle persone con disabilità è affermato come uno dei 20 principi e diritti standard che devono essere garantiti a tutti i cittadini europei.

"Per la Regione Puglia" ha concluso l’assessore "questo valore è un punto cardinale che orienta da sempre le politiche sportive dell’Amministrazione regionale presieduta da Michele Emiliano (oggi assente per altri impegni istituzionali ndr): fare politiche pubbliche che promuovano abilità motorie e attività fisiche e sportive, significa investire in salute, fare spesa sociale e migliorare il livello di socializzazione conseguente all’integrazione nel mondo sportivo".

L’accordo fra Oltre Sport e Lega Pro prevede la promozione e sensibilizzazione del calcio in carrozzina elettrica (Powerchair Football) attraverso diversi passaggi a partire dal mese di Ottobre 2018. Gli attori coinvolti sono Oltre Sport (ASD con sede legale in Bari), la società Monopoli Calcio (società dell Città metropolitana di Bari militante in serie C), e la Lega Pro che curerà le modalità e gli obiettivi da perseguire.

"Noi" ha dichiarato Francesco Manfredi, Presidente di Oltre Sport "stiamo parlando di un qualcosa di molto importante: si tratta di persone con disabilità, ragazzi che vivono sulle carrozzine elettriche, che però hanno negli occhi e nel sangue quell’agonismo, quella tenacia, quella forza di volontà di praticare lo sport".

Hanno partecipato alla conferenza stampa il vicepresidente nazionale della Lega Pro Calcio, Mauro Grimaldi, il presidente del CIP Puglia Giuseppe Pinto, il presidente del CONI Puglia Angelo Giliberto, il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità Giuseppe Tulipani, il presidente del Monopoli Calcio Enzo Mastronardi, il  delegato regionale Fispes Antonio Salonna, il capitano della Oltre Sport Powerchair Football, Donato Grande.e tutti gli atleti del Powerchair Football.

L’intento generale è sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto i giovani, alle "nuove normalità" e aprire nuove prospettive motivazionali alle persone con disabilità. A tal fine le due società a partire da mese di ottobre inizieranno una serie di incontri ed eventi con le seguenti modalità. ➢ Incontro tecnico fra le due squadre, dove gli atleti avranno modo di confrontarsi su due modi diversi di giocare a calcio ➢ Lezioni tattiche in aula e in campo ➢ Tavole rotonde e dibattiti nelle Scuole di secondo grado con video e interventi degli atleti che raccontano le loro storie e come si pùo praticare sport "nonostante tutto". Storie di vita diverse ma accomunate dalle passioni. Esempi di vita per tutti. Le "nuove normalità". ➢ Durante l'annata sportiva organizzare in Puglia, Basilicata e Calabria, durante i match di maggiore rilievo un momento di informazione prima della partita, attraverso la presenza di atleti paralimpici che praticano calcio in carrozzina elettrica che accompagnerebbero l'ingresso in campo dei calciatori. Pertanto, gli spettatori otterranno un’esperienza, seppur breve, ma di grande impatto emotivo: sarebbe importante per chiunque assistere a tali eventi sia per una crescita personale ed emotiva senza pari, sia per arricchire il proprio bagaglio informativo. Non è da escludere che spettatori con disabilità potrebbero vedersi aprire davanti un mondo nuovo. Parimenti, le società otterrebbero un ritorno di immagine positiva su tutto il territorio nazionale e non solo, con un impegno economico pari a zero. ➢ Le società ospitanti dovranno per tutta la settimana antecedente l’incontro, pubblicizzare sul proprio sito internet ufficiale la locandina dell’evento per creare la giusta attenzione del pubblico. ➢ Il patrocinio delle Istituzioni come la Regione e la Città metropolitana di Bari, assieme al Comitato Italiano Pralimpico e la FISPES, sarà il valore aggiunto di questo accordo che vede tutti promotori della conoscenza di questa nuova pratica sportiva, nonché testimoni di sensibilizzazione sia a favore di persone con disabilità che ritrovano attraverso lo sport nuove motivazioni di vita, al di là di qualsiasi pregiudizio, sia a favore delle nuove generazioni che attraverso incontri scolastici potranno apprezzare le "nuove normalità".

Il calcio in carrozzina elettrica (powerchair football) è uno sport praticato a livello internazionale e nasce prevalentemente per atleti con disabilità con capacità e potenza fisica ridotta come per esempio malattie neuromuscolari come la distrofia muscolare, l’amiotrofia spinale (SMA), oppure altre patologie tipo l’osteogenesi imperfetta. In Italia è uno sport innovativo e la nostra associazione è riuscita a creare la prima squadra in Puglia e seconda a livello nazionale. Bisogna crescere per raggiungere gli alti livelli delle altre Nazioni. Per questo motivo la collaborazione con la Lega Italiana Calcio Professionistico è utile alla promozione ed alla sensibilizzazione del calcio in carrozzina elettrica (Football). Ciò avverrà dal mese di Ottobre 2018. Gli attori coinvolti sono Oltre Sport (ASD con sede legale in Bari), la società Monopoli Calcio (società dell Città metropolitana di Bari militante in serie C), e la Lega Pro che curerà le modalità e gli obiettivi da perseguire. L’intento generale è sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto i giovani, alle "nuove normalità" e aprire nuove prospettive motivazionali alle persone con disabilità. A tal fine le due società a partire da mese di ottobre inizieranno una serie di incontri ed eventi con incontri tecnici fra le due squadre, dove gli atleti attraverso lezioni tattiche in aula e in campo, avranno modo di confrontarsi su due modi diversi di giocare a calcio. Saranno organizzate Tavole rotonde e dibattiti nelle Scuole di secondo grado con video e interventi degli atleti che raccontano le loro storie e come si pùo praticare sport "nonostante tutto". Storie di vita diverse ma accomunate dalle passioni. Esempi di vita per tutti. Le "nuove normalità". Durante il campionato in Puglia, Basilicata e Calabria, durante i match di maggiore rilievo si organizzerà un momento di informazione prima della partita, attraverso la presenza di atleti paralimpici che praticano calcio in carrozzina elettrica che accompagneranno l'ingresso in campo dei calciatori.

La forte rete Istituzionale non solo del mondo sportivo, sarà il valore aggiunto di questo percorso che vede tutti promotori della conoscenza di questa nuova pratica sportiva, nonché testimoni di sensibilizzazione sia a favore di persone con disabilità che ritrovano attraverso lo sport nuove motivazioni di vita, al di là di qualsiasi pregiudizio, sia a favore delle nuove generazioni che attraverso incontri scolastici potranno apprezzare le "nuove normalità".

0 commenti:

Posta un commento