Serie C 2019-20, chiusura con playoff e playout ridotti?


di NICOLA ZUCCARO.  "Come volevasi dimostrare". La frase conclusiva i teoremi di Geometria, fa al caso dell'esito del Consiglio Federale svoltosi nella giornata di mercoledì 20 maggio e, al termine del quale, è stata deliberata la sospensione definitiva della Serie D con gli annessi tornei dilettantistici regionali e la ripresa dei campionati di Serie A, B e C.

Quest'ultimo, come ampiamente previsto nei giorni scorsi, è finito sotto i riflettori del massimo organo federale per le discutibili proposte precedentemente avanzate dalla Lega Pro e alcune delle quali prontamente respinte dalla Figc. Di esse, il sorteggio e la media punti per l'attribuzione del merito sportivo, sono state scartate sin dalla vigilia del Consiglio, a favore di una conclusione sul campo della Serie C 2019-2020, pur disputando Playoff e Playout in formato ridotto. Una prospettiva che, subito dopo il rompete le righe in via Allegri del 20 maggio, potrebbe rappresentare quella luce in fondo al tunnel per il terzo campionato. Esso, a causa delle difficoltà economiche e strutturali della maggior parte dei 60 Club nel poter aderire al protocollo sanitario elaborato dalla Figc con il CTS, impedirebbe la ripartenza dai Gironi regolari. Un epilogo al quale sorridono, alcune compagini di Lega Pro. Fra esse Bari, Reggio Audace, Carrarese, Ternana, Monopoli e Potenza che, sin dalla prima ora, avevano respinto soluzioni a tavolino. 

0 commenti:

Posta un commento