Calcio. Verdi: "Non è stato un no al Napoli: non volevo lasciare il Bologna a gennaio"

BOLOGNA - "Non è stato un no al Napoli: sin da giugno, come ribadito prima di Natale, avevo intenzione di non lasciare il Bologna a gennaio" ha dichiarato il 25enne attaccante del Bologna e della Nazionale Simone Verdi a Skysport24.

"Ho scelto di restare per completare sino a giugno un processo di crescita già iniziato. E' normale aver avuto un tentennamento di fronte ad un'offerta importante, poi però sono tornato sulla mia strada. Napoli e i suoi tifosi mi hanno fatto sentire affetto e vicinanza: mi ha cercato la prima della classe, una squadra forte ed una piazza importante, in cui giocarsi sino alla fine scudetto ed Europa League, ma ho deciso di restare con un sorriso sulle labbra. Il Bologna mi ha dimostrato vicinanza e mi ha lasciato scegliere. Giuntoli ha provato in tutti i modi a convincermi ma sono sempre rimasto della mia idea. Ho parlato anche con mister Sarri, ma anche a lui ho ribadito di non voler lasciare adesso il Bologna. Cosa mi ha risposto? Che sarebbe stato contento di avermi ma che capisce la mia scelta, che devo fare ciò che mi rende più felice. Avrei giocato di meno col Napoli? E' un discorso che non ho fatto, so che quando si arriva nelle grandi squadre nessuno ti garantisce il posto, che ti devi guadagnare andando con la testa carica, dando il massimo in allenamento. A giugno può capitare di tutto, so di non aver preso un treno e che devo dare ancora di più per i tifosi del Bologna, che saranno ancora più esigenti. Ho scelto con la mia testa e tutti hanno accettato perché sanno che sono felice. Ed ho avuto un'offerta solo dal Napoli".

0 commenti:

Posta un commento