Calcio. Di Biagio: Dobbiamo rilanciare l'Italia: dobbiamo ricreare entusiasmo e passione nei nostri tifosi"

ROMA - "Rispetto ad altre nazionali c’è un gap che bisogna colmare ma anche se non siamo fra le squadre più forti al mondo, non siamo nemmeno fra le peggiori. Penso che possiamo rinascere, possiamo ripartire, e se abbiamo un po’ di pazienza si può ricreare una squadra importante" ha dichiarato il ct ad interim della Nazionale, Gigi Di Biagio a pochi giorni dal debutto sulla panchina della Nazionale maggiore, nell'amichevole contro l'Argentina.

"Sono convinto che il futuro dell'Italia non sia così fosco. Magari nel corso degli anni potrò essere smentito ma io oggi penso che abbiamo giovani che stanno crescendo e che potranno formare in futuro una Nazionale molto importante. Un futuro del quale potrei far parte, ma questo non è importante. Sono un tecnico federale, lavoro qui da otto anni, mi hanno dato questa opportunità, dovrò sfruttarla al massimo e dovrò fare qualcosa soprattutto per il bene della squadra. E’ innegabile che io mi giochi qualcosa ma non è la priorità, lo posso garantire. Oggi abbiamo altri tipi di problemi. In cuor mio dovrò mettere in difficoltà i vertici federali ma non è la priorità. Dobbiamo rilanciare la squadra, dobbiamo ricreare entusiasmo e passione nei nostri tifosi. Il risultato è sì importante ma deve essere, nel mio modo di pensare, una conseguenza di quello che faremo in campo. Il primo obiettivo è quello di giocare bene, di giocare al calcio, quindi cercare di imporre il nostro modo di giocare.  L’esclusione di Balotelli è una mia scelta, giusta o sbagliata che sia, ma ho pensato che per il mio bene e per quello della nostra squadra le scelte che ho fatto siano le migliori. Non c’è una chiusura totale su Balotelli, non ci sarà mai e continuerò a seguirlo nei prossimi mesi. Questo è un gruppo formato da giocatori che ho visto crescere e quindi, nonostante la grandissima delusione che c’è stata qualche mese fa, bisogna guardare oltre. Non abbiamo un’altra strada, dobbiamo ripartire in maniera immediata con la convinzione giusta, sapendo che non si può tornare indietro e cambiare il passato".

0 commenti:

Posta un commento