Calcio. Gattuso: "Il mio obiettivo è quello di mettere il Milan nelle condizioni migliori"

"Non ho ancora avuto un confronto con la proprietà. Abbiamo passato due settimane intense di lavoro, c'è grande tranquillità, poi è normale che questi cambiamenti comportano delle novità. Abbiamo il dovere di dare il massimo, non siamo in cerca di alibi. Fino a questo momento non posso far altro che ringraziare tutte le persone che circondano il mondo Milan. Mirabelli? Se sono qua al Milan è perché lui ha creduto in me a novembre dello scorso anno. Il merito è suo e di Fassone. Io ora sono un professionista, c'è grande rammarico e grande amarezza, ma bisogna guardare avanti. Devo pensare a fare il mio lavoro" ha dichiarato l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, in conferenza stampa a Los Angeles, dove i rossoneri si trovano per l'International Champions Cup.

"Se mi esporrei per Mirabelli? In questo momento non penso che sia corretto nei confronti di un direttore che lavora da tanti anni come Massimiliano e penso che ora devo pensare a fare il mio. Sto lavorando con persone nuove, con le quali ci siamo appena conosciuti. Devo affrontare le difficoltà. L'obiettivo è quello di mettere la squadra nelle condizioni migliori. Non mi piace fasciarmi la testa prima di spaccarmela. Leonardo Bonucci andrà via? Ho parlato con Leo, e fino a quando farà parte del mio spogliatoio vorrò sempre vedere il Bonucci che ho visto fino ad oggi. Per il suo futuro dovrà parlare con la società. Penso che quando un giocatore esprime un suo desiderio, è giusto affrontare in modo serio e ragionato il discorso". 

0 commenti:

Posta un commento