Calcio. Steven Zhang è il nuovo presidente dell'Inter

Novità in casa Inter: è arrivato il nuovo presidente, il 21esimo della storia nerazzurra. Si tratta di Kangyang Steven Zhang, figlio di Jindong, a capo della proprietà Suning. Il giovanissimo dirigente cinese - 27 anni il prossimo 21 dicembre - raccoglie il testimone da Erick Thohir, che esce anche dal Cda, con l'obiettivo di rinverdire i fasti di un club reduce da anni avari di soddisfazione dopo la fine dell'era Moratti.

Steven Zhang è un dirigente giovane ma con già tanta esperienza alle spalle, almeno fuori dal calcio, vedi la presidenza di Suning International, la divisione internazionale del gigante commerciale al secondo posto della classifica delle prime 500 imprese cinesi non statali. Laureato in economia presso la Wharton School dell'Università della Pennsylvania e analista presso Morgan Stanley, Zhang jr è riconosciuto come uno dei giovani uomini d'affari più influenti della Cina. Ora, però, la sfida più grande, sperando di avere in Luciano Spalletti l'Helenio Herrera o il Josè Mourinho dei due Moratti. 
"Sono quasi due anni che lavoro qui all'Inter e sin dall'inizio di questo viaggio affascinante le nostre intenzioni sono sempre state chiare" ha dichiarato il neo presidente.

"Stavamo rilevando uno dei club più prestigiosi del mondo. L'Inter è sinonimo di gloria, di vittorie e di storia. Per milioni di persone in tutto il mondo l'Inter è una passione e una fede. E abbiamo mantenuto la parola. I risultati che il club ha raggiunto ne sono la prova. Grazie al lavoro della nostra squadra, sia dentro che fuori dal campo, l'Inter è tornata a disputare la Champions dopo sei anni di assenza, competendo nuovamente sul palcoscenico della migliore competizione per club a livello mondiale. Dal punto di vista finanziario, i nostri ricavi sono progressivamente aumentati e al tempo stesso siamo riusciti a ridurre le perdite e a controllare i costi. I ricavi nell'anno fiscale 2018 sono stati pari a 347 milioni di euro, un aumento del 9% rispetto all'anno precedente e del 45% rispetto all'anno prima. Il nostro obiettivo è ricostruire l'Inter su basi solide, con una visione a lungo termine, e fare dell'Inter il club più moderno, più innovativo e più vincente al mondo. Al tempo stesso, vogliamo continuare a enfatizzare i valori, le tradizioni e il Dna del club, un'eredità unica che la famiglia Moratti ha lasciato a questo club. Oggi, con le risorse di Suning e sotto la mia guida, disponiamo di tutti gli strumenti necessari per accelerare l'ambizioso progetto per il club e mettere in pratica la nostra visione d'insieme. Sono molto orgoglioso di continuare a guidare il club verso una nuova era. Il nostro obiettivo primario e il nostro core business in quanto società calcistica è e sarà sempre quello di garantire prestazioni sportive ottimali sul campo. Continueremo a fare dell'aspetto sportivo la nostra priorità, assicurandoci che la squadra abbia tutto il necessario per competere e vincere ai massimi livelli, sia sul piano nazionale che sul piano internazionale. E per garantire un avvenire di successo, non provvederemo soltanto a rafforzare la squadra, nei limiti di quanto concesso dal regolamento, ma punteremo anche a far crescere i miglior talenti all'interno del nostro club. Talenti che diventeranno i campioni dell'Inter negli anni a venire. Per questo motivo, miglioreremo le nostre infrastrutture sportive per essere ancora più moderni e innovativi". 

0 commenti:

Posta un commento