Gp Bari 1947, vince Varzi tra un pubblico numeroso

di NICOLA ZUCCARO - Da venerdì 26 a domenica 28 aprile 2019, con la sesta edizione della rievocazione storica, Bari rivivrà l'atmosfera del Gran Premio che la rese nota nel panorama dell'automobismo nazionale ed internazionali, attraverso le 9 edizioni che si svolsero dal 1947 al 1956. In vista di questo appuntamento il Giornale di Puglia riproporrà la storia per puntate, a partire dal primo Gran Premio, e la cui cronaca si riporta qui di seguito: 

"Alle ore 10 di domenica 13 luglio 1947, con la bandiera scacchi mossa da Donna Mario Chieco Bianchi (moglie di Francesco Chieco, Presidente dell'Automobil Club di Bari, e poi divenuto sindaco del capoluogo pugliese), si realizzò il sogno di un gruppo di appassionati, ovvero quello di portare a Bari l'automobilismo internazionale con una gara che funse da prova generale per il Gran Premio d'Italia che si sarebbe corso di lì a qualche in quel di Monza. 

Su un anello stradale lungo 5.540 Km si sfidarono i piloti più noti del momento. Al termine di un duello serrato e durato 2h 37' 27", a tagliare per primo il traguardo fu Achille Varzi che, dopo 257 Km/h, precedette Sanesi, anch'egli a bordo di un'Alfetta ufficiale. Terza sempre un'Alfa Romeo - modello 8c privata - pilotata da Ballestrero". 

La numerosa presenza di spettatori in una Bari che cercava di voltar definitivamente pagina, dopo il periodo buio della seconda guerra mondiale, convinse gli organizzatori e l'Amministrazione Comunale a ripetere l'evento.

0 commenti:

Posta un commento