Calcio. De Ligt: "Venire alla Juventus è un grande passo per me"

TORINO - In questi giorni il nuovo acquisto della Juventus, Matthijs De Ligt, è stato presentato all'Allianz Stadium di Torino. "Nell'Ajax ho giocato nella prima squadra quindi ho molta esperienza per essere un calciatore di 19 anni, ma voglio imparare il più possibile dagli altri calciatori" ha detto il difensore. 

"Venire alla Juventus è un grande passo, il primo passo che faccio fuori dal mio paese. È un qualcosa cui mi devo abituare però è stato un grande onore vedere tutti i tifosi che mi hanno dato il benvenuto e spero di restituire tutto questo entusiasmo. L'Italia è famosa per la tradizione della difesa. Se si parla di calciatori italiani i nomi che mi vengono in mente sono quelli dei difensori. Poi loro mi volevano e sono orgoglioso di aver scelto la Juventus. Da bambino ammiravo Fabio Cannavaro. Ero un suo grande fan e ovviamente ho sempre avuto un buon rapporto con la Juventus e sono sempre stato un loro tifoso da giovane. La pressione nel calcio è normale. Quando un club ti acquista per un grande prezzo significa che c'è grande aspettativa ma questo è normale. Io cerco di fare la mia parte, migliorare e poi vedremo sul campo quello che riuscirò a fare. Sarri è è uno dei motivi per cui volevo venire alla Juventus. Ho sentito parlare benissimo di lui, del suo approccio al calcio, della difesa, di come la allena. In Olanda si parla molto di costruire e di difendere singolarmente. Qui si parla molto di marcature e di difendere tutti insieme. Penso di poter dare qualcosa a loro e loro qualcosa a me. L'aspetto tecnico che voglio migliorare? Sono ancora giovane e significa che c'è ancora margine di miglioramento ma alla fine per me quello che conta è lavorare giorno per giorno e dimostrare quello che ho imparato. Voglio raccogliere questa sfida e migliorare per il futuro. Il numero quattro è speciale perché fin da giovane e anche in prima squadra ho giocato con questo numero. Qui era libero, ho sentito molte storie e ho un'eredità da portare avanti. Indosserò il quattro con grande orgoglio e spero di essere all'altezza. Ci sono tre competizioni in cui possiamo giocare, quattro con la Supercoppa. Vedremo partita per partita e ovviamente vogliamo vincere tutto. Qualsiasi competizione la Juventus disputa la vuole vincere. La cosa più importante sarà adattarmi alla nuova squadra, al nuovo paese. Voglio lavorare e poter migliorare poi vedremo come andrà".

0 commenti:

Posta un commento