Calcio. Ancelotti: "Non mi spaventa l'essere messo in discussione"

NAPOLI - "Io devo continuare a fare il mio, devo concentrarmi per dare il meglio. Essere messo in discussione è normale per un allenatore, è un'esperienza che ho già vissuto in passato. Non mi spaventa o preoccupa il fatto che la società possa decidere un giorno di esonerarmi o io possa decidere di andare via. Se non si verificano determinate condizioni, credo che si debba andare avanti, altrimenti è giusto da entrambe le parti chiudere. Ma non ci sto pensando adesso" ha dichiarato l'allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, il quale resta focalizzato sul presente e si lascia scivolare addosso le voci sul suo futuro.

"Sono preoccupato per la squadra, mi sento molto coinvolto in questo periodo. Non posso fare finta di niente, la squadra non sta esprimendo quello che può dare e io sono responsabile. Questo periodo finirà, ne sono sicuro, ma non possiamo tirarla per le lunghe".

0 commenti:

Posta un commento