Visualizzazione post con etichetta Ciclocross. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ciclocross. Mostra tutti i post

Cascione e Montrone portano in alto l’Andria Bike nel ciclocross in Basilicata

PALAZZO SAN GERVASIO - Una domenica costellata di successi e di piazzamenti di notevole importanza per i ragazzi dell’Andria Bike sugli sterrati della Basilicata, a Palazzo San Gervasio, per disputare il Trofeo Re Manfredi di ciclocross.

Ancora in crescita e gara da applausi per Anthony Montrone che è stato il dominatore della gara allievi davanti all’abruzzese Nicolò Pizzi, in terza posizione nella medesima categoria il compagno di squadra Simone Massaro.

Gli esordienti primo anno si sono messi bene in mostra grazie al successo di Raffaele Cascione e al secondo posto di Gianluca Lapi.

Prestazioni più che buone, infine, anche per tutti gli altri atleti della squadra andriese che hanno contribuito a tenere alto il nome della società: da segnalare il secondo posto di Mirella Piarulli tra le esordienti donne primo anno, Michele Saccotelli ottavo tra gli esordienti uomini primo anno, Vittorio Capogna e Antonio Regano quinto e ottavo nella gara allievi.

Un avvio di 2021 che è iniziato sotto i migliori auspici, a fronte di tanto impegno e innumerevoli sacrifici fatti da tutta la dirigenza dell’Andria Bike che compie grandi sforzi al fine di permettere ad ogni ragazzo di raggiungere le proprie ambizioni e di migliorare il proprio bagaglio tecnico nel ciclocross.

Giro d’Italia Ciclocross questa domenica in Puglia, a Gallipoli: in arrivo il 2° Trofeo Caroli Hotels


Il Giro d’Italia Ciclocross torna a far visita in Salento, la terra che tra qualche mese sarà anche teatro dei Campionati Italiani di Lecce. Dall’estremo nord al profondo sud dello stivale in soli sette giorni. Il giorno di Ognissanti saluta il ritorno di Gallipoli nel calendario del Giro d’Italia Ciclocross, con il 2° Trofeo Caroli Hotels (ID Fattore K 155762), ospitando la carovana che arriva dritta dal lontano Friuli, dove ha disputato a Osoppo la quarta tappa. Sarà infatti la struttura di patron Attilio, l’Ecoresort Le Sirenè, a ospitare il quinto appuntamento del GIC dopo il grande successo di pubblico, di tecnica e di spettacolo offerto nel 2018. Lo staff dell’ASD Romano Scotti è in loco già da ieri, al lavoro. Sabato pomeriggio le prove ufficiali e la presentazione (trasmessa in diretta streaming). Domenica le gare, con tutti i migliori atleti del settore che hanno prenotato aerei in arrivo a Bari e Brindisi da Torino, Trieste, Venezia e Pisa. Un bel colpo anche per la promozione del sistema turistico pugliese. Quartier generale della tappa fissato proprio nel Caroli Hotels Ecoresort Le Sirenè, che offre convenzioni alberghiere per tutti gli atleti e gli operatori del Giro d’Italia Ciclocross. Sarà disponibile anche un’area dedicata ai camper al costo di € 20,00 a notte, da versare presso la reception dell’hotel, ricevendo un pass dedicato. 

ORDINE PUBBLICO, NON CI SARANNO I GIOVANISSIMI – La tappa di Gallipoli è confermata, anche alla luce dell’ultimo D.P.C.M. in materia di emergenza sanitaria, che garantisce l’attività agonistica per "manifestazioni sportive nei settori professionistici e dilettantistici, riconosciute dalla Federazione Ciclistica Italiana come di 'interesse nazionale'". L’interpretazione più stretta delle medesime norme, tuttavia, ha portato l’ASD Romano Scotti per garantire ordine pubblico e distanziamento eliminare dal programma gara sia la promozionale dei G6 che lo short track G1-G5. Non ce ne vogliate, piccoli ciclisti. Questa è una decisione molto difficile per il Giro d’Italia Ciclocross che ha da sempre voluto con decisione le gare promozionali nel programma di ogni tappa. Ci vediamo tutti a Ferentino, sperando in tempi migliori.
"Al quinto appuntamento di fila la stanchezza fisica è ripagata dalla felicità di tutti gli amanti del ciclocross, anche se non è stato facile districarci nei meandri normativi dell’ultimo D.P.C.M. proprio per questo invitiamo tutti a rispettare le regole di distanziamento e mascherine e seguire le procedure indicate sul nostro sito http://www.ciclocrossroma.it/covid/ - spiega Sergio Scotti, vicepresidente del sodalizio che porta il nome di suo papà Romano – In Salento abbiamo trovato una splendida accoglienza, in perfetta sintonia con il noto calore umano dei locali. Grazie Attilio Caroli Caputo e alla sua famiglia e a tutto il suo staff per aver creduto in noi e per averci messo a disposizione tutta la sua struttura, grazie Giovanni Baronetti per il tuo impegno a 360°. Grazie anche alle istituzioni di ogni ordine e grado per la collaborazione fattiva. Siamo pronti, abbiamo la missione di lanciare nel grigiore di questo periodo uno sprazzo di colori con la tavolozza del ciclocross".

LE MERAVIGLIE DI UN PERCORSO TRA I COLORI DELLA NATURA - Radici, aria salmastra, insidie nel sottobosco. Dall’altra parte un prato acquitrinoso che non concede un attimo per rifiatare. E poi lei, la regina di giornata: sua maestà la sabbia bianca, elemento naturale incastonato nel parco di Torre Sant’Andrea-Lido del Pizzo che come un valente scultore saprà tirar fuori le caratteristiche migliori dei ciclocrossisti in rosa e regalerà ai pugliesi tantissime soddisfazioni in termini spettacolo, immagini che saranno poi disponibili sulle principali emittenti sportive nazionali. Tra la spiaggia degli innamorati sul cristallino mare Jonio, la pineta e la macchia mediterranea e il campo di golf foriero di sorprese ci sarà un gran bel da fare per non commettere errori.
L’ASD Romano Scotti sta allestendo un percorso di 2700 metri da ripetere più volte che attraversa un ex campo di volo, oggi campo da golf, una pineta, la macchia mediterranea e il tratto sabbioso. Un percorso completo, che compendia tutte le caratteristiche del ciclocross, tanto gradito agli appassionati nel 2018 che a gran voce ne hanno richiesto la candidatura ad ospitare la Coppa del Mondo. Due anni fa la Puglia fece festa con Ettore Loconsolo tra gli allievi, oggi ha un portabandiera d’eccezione, lo Juniores Vittorio Carrer in maglia rosa, che, nella sua terra, farà gli onori di casa a tutti i colleghi. Tra gli open maschili l’albo d’oro riporta la vittoria di Antonio Folcarelli, tra le donne quello di Sara Casasola.

ATTILIO CAROLI CAPUTO (CAROLI HOTELS): "La quinta tappa del 12° Giro d’Italia Ciclocross a Gallipoli coniuga ottimamente la promozione del territorio con in turismo sportivo per cui come già avvenuto, con successo, per altri ambiti sportivi, la collaborazione con l’ASD Romano Scotti, leader nel suo settore, sia di buon auspicio per gli eventi nel mondo delle due ruote, con l’indiscutibile pregio di aver portato un evento di caratura nazionale in un periodo destagionalizzante per Caroli Hotels".

GIUSEPPE CALABRESE (CR FCI PUGLIA): "Sono felice di dare il mio caloroso benvenuto alla carovana del 12° Giro d’Italia Ciclocross, che fa tappa a Gallipoli dopo aver attraversato l’Italia. Poter ospitare questo evento nella nostra Regione è una vittoria soprattutto alla luce del periodo difficile che stiamo vivendo. L’emergenza sanitaria ci ha provati, ma noi stiamo reagendo nel rispetto delle regole, perché con disciplina e passione si possono vincere tutte le sfide. Sulle dune costiere della “Spiaggia degli innamorati” e nei pressi del Caroli Hotel Ecoresort Le Sirenè. di Gallipoli, rinomata e affollata meta turistica estiva, che nell’occasione si trasformerà nel percorso di gara di uno sport invernale. Una versatilità assicurata dalle capacità organizzative dello staff del Giro e la passione dell’amico Attilio Caroli Caputo, che metterà nuovamente a disposizione la propria struttura".

PROCEDURA DI ACCREDITO, NORME COVID E INFO LOGISTICHE

NORMATIVA ANTICOVID – È applicato il protocollo emesso dalla Federazione Ciclistica Italiana. Tutti coloro che accederanno all’area interessata dalla manifestazione dovranno registrarsi presso la segreteria Covid dedicata allestita da ogni singolo comitato di tappa. Dovranno compilare gli appositi moduli, disponibili sul sito http://www.ciclocrossroma.it/covid/ entro le 23:59 di venerdì 30/10/2020, inviarli all’indirizzo mail della segreteria Covid di tappa e stamparli, in modo da poterli presentare ai check-point, presso il quale sarà misurata la temperature corporea con termo-scanner e rilasciato un braccialetto di colore corrispondente all’area assegnata. Nella medesima pagina è indicata la procedura guidata per la compilazione dell’elenco in foglio elettronico e la segnalazione alla società organizzatrice. L’autocertificazione va consegnata in forma cartacea.

SENZA AUTOCERTIFICAZIONE NON SI ACCEDE NELL’AREA DI GARA. Per eventuali difficoltà nella compilazione dei moduli si può scrivere congiuntamente a logistica.gic@gmail.com. Attenzione: il modulo è ottimizzato per sistema operativo Windows; per chi usa Mac si consiglia di salvare ed esportare manualmente il file secondo la procedura classica e poi caricarlo nella pagina dedicata.

ACCREDITI SQUADRE – Tutte le squadre che intendono partecipare al GIC devono tassativamente fare richiesta dei pass per i box e per il parcheggio sul sito ufficiale, all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/squadre/ e la richiesta deve essere effettuata entro e non oltre le ore 23:59 di venerdì 30 ottobre 2020. La richiesta è da considerarsi tacitamente accettata (non vi è quindi bisogno di mail di conferma). Le società saranno contattate solo in caso di incongruenze o perplessità. I pass sono valevoli per tutto il Giro. Considerata anche l’emergenza sanitaria in atto non sarà possibile richiedere i pass sul posto. Le iscrizioni degli atleti delle categorie cicloamatoriali tesserati per gli enti di promozione sportiva dovranno pervenire all’organizzazione attraverso l’indirizzo di posta elettronica iscrizioni@ciclocrossroma.it.

ACCREDITI STAMPA – Le testate, i giornalisti freelance e i fotografi che desiderino seguire una o più tappe del 12° Giro d’Italia Ciclocross dovranno compilare l’apposito modulo interattivo presente sul sito del GIC all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/accrediti-stampa/. L’accredito sarà consegnato al desk delle iscrizioni durante le operazioni pre-gara. Per i fotografi l’ASD Romano Scotti rilascerà una pettorina ad alta visibilità onde garantire la loro presenza sul percorso. Durante il periodo dell’uso della pettorina, che dovrà essere restituita, l’organizzazione tratterrà un documento di identità.

Di Giro in GIC: in Friuli arriva il Giro d’Italia Ciclocross


OSOPPO (UD). Quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross in arrivo. Dal Lazio si sale in terra friulana, in casa del Jam’s Bike Team Buja che, in collaborazione con l’ASD Romano Scotti popone la 14esima edizione del Memorial dedicato all’indimenticabile Jonathan Tabotta. Appena transitata la festa del giro d’Italia dei prof, con la tappa di San Daniele del Friuli vinta da Jan Tratnik, il bacino del Tagliamento resta vestito in rosa in un ideale passaggio di consegne dalla strada al ciclocross. In casa nero-verde è tutto pronto da diversi giorni con la fremente attesa della carovana del fango rosa: una macchina organizzativa super collaudata che trae le proprie energie da una solida collaborazione tra volontari, appassionati e amministrazioni comunali, sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana. 

Si correrà in un luogo denso di storia e di fascino: il Parco del Rivellino di Osoppo, 24 ettari ricchi di alberi e prati a perdita d’occhio sotto un costone di roccia dominata a strapiombo da una fortezza del XIV secolo. Luogo di gloriose ma sanguinose battaglie nel passato (l’area è stata infatti usata sin dall’antichità come struttura militare, costantemente migliorata e adeguata ai tempi) sarà adesso nuovamente teatro di una battaglia, decisamente leale, sportiva e non violenta: la grande mischia fangosa del ciclocross. Il tracciato di gara rispecchierà la natura del paesaggio circostante, calcando ciò che resta di gallerie, fossati, trinceramenti e casematte di quello che già nel 1923 fu dichiarato "Monumento Nazionale".
Sono calorose le parole di benvenuto del sindaco Luigino Bottoni a nome di tutta la comunità cittadina di Osoppo, che riceve anche il supporto delle cittadine limitrofe di Gemona del Friuli e Buja in un concreto abbraccio friulano al popolo del ciclocross: "Un benvenuto a tutti gli atleti e allo staff dei partecipanti alla quarta tappa del Giro d'Italia Ciclocross 2020. Siamo particolarmente onorati del fatto che sia stata scelta anche quest'anno, per la seconda volta, la sede del parco del Rivellino di Osoppo per ospitare questa importantissima manifestazione – saluta il primo cittadino - Un ringraziamento speciale va alla Jam's Bike e tutti i suoi volontari per l'impeccabile organizzazione anche quest'anno. Nel periodo più brutto del Covid non è certamente facile mettere su e far svolgere questo genere di manifestazioni, quindi veramente è stata un'attività enorme poter ottemperare a tutti i protocolli che questo momento impone e riuscire lo stesso a far svolgere la manifestazione in sicurezza. Nel 2019 il successo di partecipanti e di percorso è stato eccezionale nonostante il tempo veramente inclemente – ricorda il sindaco Bottoni rievocando una giornata da ciclocross epico - quest'anno ci auguriamo che il successo possa essere ancora superiore e attendiamo a questo punto la terza edizione nel Parco del Rivellino, con l'auspicio che il prossimo anno il Covid sia solo un ricordo. Buon lavoro a tutti perché quando si parla di sport, di questo sport in particolare, il lavoro non manca mai ma neanche le soddisfazioni".
Il numero di iscritti, in vertiginoso aumento nelle ultime ore, complice anche la fama del percorso del Parco del Rivellino, porta gli organizzatori a confermare il crono-programma delle ultime due tappe, con partenza della prima gara alle 9:00 (categorie amatoriali) e start della gara open alle 14:40 per chiudere la giornata dopo ben 8 gare (9 nel caso in cui sia necessario sdoppiare le competizioni dedicate alle categorie amatoriali). Il fitto programma impedisce di anticipare le premiazioni, che sono quindi confermate tutte al termine della manifestazione. La Jam’s Bike Team Buja, tuttavia, al fine di prevenire assembramenti, ha deciso di anticipare al sabato pomeriggio la gara promozionale dei giovanissimi G1-G5. Per questo motivo le prove ufficiali del percorso sono anticipate di mezz’ora: 13:30-16:30. 

PROCEDURA DI ACCREDITO, NORME COVID E INFO LOGISTICHE

CONVENZIONI ALBERGHIERE – Le società organizzatrici, su suggerimento dell’ASD Romano Scotti, stanno stipulando le convenzioni alberghiere come in tutte le passate edizioni del Giro d’Italia Ciclocross. Le convenzioni alberghiere per la tappa di Osoppo sono online, con soluzioni non distanti dal campo di gara e da sempre apprezzate dagli addetti ai lavori, mentre sono anche già disponibili gli accordi per Gallipoli (tappa 5) presso l’Eco Resort Caroli Hotel Le Sirenè.

NORMATIVA ANTICOVID – È applicato il protocollo emesso dalla Federazione Ciclistica Italiana. Tutti coloro che accederanno all’area interessata dalla manifestazione dovranno registrarsi presso la segreteria Covid dedicata allestita da ogni singolo comitato di tappa. Dovranno compilare gli appositi moduli, disponibili sul sito http://www.ciclocrossroma.it/covid/ entro le 23:59 di venerdì 23/10/2020. Nella medesima pagina è indicata la procedura guidata per la compilazione dell’elenco in foglio elettronico e la segnalazione alla società organizzatrice. Oltre che in forma digitale, tutti i moduli andranno consegnati in forma cartacea al check-point covid (misurazione temperatura corporea, accettazione, consegna braccialetto). SENZA AUTOCERTIFICAZIONE NON SI ACCEDE ALL’AREA DI GARA. Per eventuali difficoltà nella compilazione dei moduli si può scrivere congiuntamente a logistica.gic@gmail.com e a covidtappajams@gmail.com. Attenzione: il modulo è ottimizzato per sistema operativo Windows; per chi usa Mac si consiglia di salvare ed esportare manualmente il file secondo la procedura classica e poi caricarlo nella pagina dedicata.

MAGLIE PERSONALIZZATE – A partire dalla seconda tappa, i team titolari di maglia di leader possono personalizzare la stessa presso il fornitore tecnico Northwave o il proprio maglificio di riferimento, avendo cura di rispettare tassativamente il layout proposto nella guida tecnica, usando gli spazi disponibili e non modificando la disposizione dei loghi. Non è ammesso l’utilizzo di maglie o body a mezze maniche. Ogni difformità dal layout ufficiale comporterà una penalizzazione in classifica generale.

ACCREDITI SQUADRE – Tutte le squadre che intendono partecipare al GIC devono tassativamente fare richiesta dei pass per i box e per il parcheggio sul sito ufficiale, all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/squadre/ e la richiesta deve essere effettuata entro e non oltre le ore 23:59 di venerdì 23 ottobre 2020. La richiesta è da considerarsi tacitamente accettata (non vi è quindi bisogno di mail di conferma). Le società saranno contattate solo in caso di incongruenze o perplessità. I pass sono valevoli per tutto il Giro. Considerata anche l’emergenza sanitaria in atto non sarà possibile richiedere i pass sul posto. Le iscrizioni degli atleti delle categorie cicloamatoriali tesserati per gli enti di promozione sportiva dovranno pervenire all’organizzazione attraverso l’indirizzo di posta elettronica iscrizioni@ciclocrossroma.it.

ACCREDITI STAMPA – Le testate, i giornalisti freelance e i fotografi che desiderino seguire una o più tappe del 12° Giro d’Italia Ciclocross dovranno compilare l’apposito modulo interattivo presente sul sito del GIC all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/accrediti-stampa/. L’accredito sarà consegnato al desk delle iscrizioni durante le operazioni pre-gara. Per i fotografi l’ASD Romano Scotti rilascerà una pettorina ad alta visibilità onde garantire la loro presenza sul percorso. Durante il periodo dell’uso della pettorina, che dovrà essere restituita, l’organizzazione tratterrà un documento di identità.

Il Giro d’Italia Ciclocross sbarca a Ladispoli: domenica 18 ottobre la terza tappa


LADISPOLI (RM). Da est a ovest, dall’Adriatico al Tirreno, dalle Marche al Lazio. Il Giro d’Italia Ciclocross si sposta in orizzontale e sbarca a Ladispoli per la terza tappa della dodicesima edizione. Sarà infatti la cittadina di mare tanto amato dai romani ad ospitare, domenica 18 ottobre, l’evento nazionale sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e l’organizzazione del Team Bike Terenzi con la collaborazione dell’ASD Romano Scotti. Il percorso, completamente inedito, sarà svelato nelle prossime ore, ma è già certo che non ci saranno tratti di sabbia sul litorale.

La carovana rosa del GIC arriva dopo due tappe intense, ricche di spunti agonistici e soprattutto con una grande partecipazione di atleti, nel pieno rispetto delle norme anti-contagio, a dimostrazione della grande attenzione che il mondo del ciclismo sta dedicando al ciclocross, e al Giro d’Italia in particolare, nonostante la compresenza di tutte le altre discipline rassegne continentali comprese. La gara sarà anche valida per il circuito regionale Lazio Cross - Trofeo Romano Scotti.
Le iscrizioni dovranno essere effettuate per la FCI tramite fattore K con ID GARA 155799, per tutti gli altri Enti è necessario inviare una mail all’indirizzo iscrizioni@ciclocrossroma.it. È prevista anche una gara per i giovanissimi ciclisti da G1 a G5 (7-11 anni) a disputarsi su uno short track dedicato (appuntamento alle 10:30, gare alle 12:00).
"Benvenuti a Ladispoli, benvenuti sul litorale dei romani" saluta Claudio Terenzi, presidente del Team Bike Terenzi "il nostro team partecipa al Giro d’Italia Ciclocross da sempre e a tante altre competizioni in giro per lo Stivale. Per questo è un grandissimo motivo di vanto organizzare una tappa a livello nazionale, in primis per la storica amicizia con la famiglia Scotti, cui mi lega un rapporto che dura dalla nostra infanzia, e poi per la promozione del territorio e delle nostre belle speranze ciclistiche. L’impegno che ci stiamo mettendo è massimo e la cosa che mi piace rimarcare è che tutto il team, i famigliari e i ragazzi, si prodigano affinché questo carrozzone vada avanti, voglio dare meriti a loro che ci aiutano in maniera gratuita. In questa stagione il nostro organico agonistico si è arricchito di corridori del calibro di Loconsolo, Carrer e Brafa; c’è tanta attenzione da parte di atleti d’èlite per far parte del nostro team, anche questo è motivo di vanto. Ciò che conta è che continuiamo a fare enormi sacrifici per promuovere le gare e siamo certi che la terza tappa del Giro d’Italia Ciclocross resterà nei vostri ricordi".

LA PRESENTAZIONE – La conferenza stampa di presentazione si terrà sabato 17 ottobre, alle 18:00, nella biblioteca comunale "Peppino Impastato" di Ladispoli (in via Caltagirone, 4/A). È in fase di valutazione la capienza massima compatibile con le norme covid: non è escluso che l’ingresso possa essere limitato e venga disposta la prenotazione dei posti come già avvenuto per Corridonia. Maggiori dettagli nel prossimo comunicato stampa. In ogni caso è confermata la diretta streaming della presentazione, sulla pagina Facebook ufficiale del Giro d’Italia Ciclocross. Inoltre, diversamente dalla prassi consueta, i pass box e parcheggio, saranno consegnati il sabato pomeriggio presso la segreteria di gara, contestualmente al ritiro.

AL VIA ANCHE I MASTER – La pubblicazione del DPCM del 13 ottobre in materia di "Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19" ha generato dubbi, nell’ampio plateau delle categorie master, circa la possibilità di prendere parte alle competizioni. Tuttavia, un’attenta lettura del decreto scongiura questa eventualità: i master saranno quindi regolarmente al via della terza tappa del Giro d’Italia Ciclocross.
All’articolo 1, comma 6, lettera g, si legge infatti: "Lo svolgimento degli sport di contatto [...] è consentito, da parte delle società professionistiche e - a livello sia agonistico che di base - dalle associazioni e società dilettantistiche riconosciute dal CONI [...] nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali. Il divieto per le competizioni a carattere amatoriale non va inteso secondo il significato che la Federazione Ciclistica Italiana assegna al termine "cicloamatore" o "master", ma si riferisce agli incontri sportivi informali disputati senza l’egida di una federazione riconosciuta dal CONI, ovvero, giusto a titolo di esempio, i tornei di calcetto tra amici, le gare sociali o aziendali. Circa la questione pubblico, invece, qualora le società decidano di istituire un'area bianca, secondo protocollo FCI (definita facoltativa dal regolamento del GIC) è consentita la presenza di pubblico sino a un massimo del 15% della capienza massima dell'area dedicata (art. 1, comma 6, lettera e).

IL GIC IN TV – Rai Sport segnala di aver inserito in palinsesto la seconda tappa del Giro d’Italia Ciclocross (Corridonia). L’appuntamento marchigiano andrà in onda sui canali 57 e 58 del DTV venerdì 16 ottobre alle ore 17:45, subito dopo il Giro d’Italia su strada dei professionisti. Sulle altre emittenti accreditate, la tappa di Corridonia sarà disponibile secondo questo calendario:
- Bike smart mobility (all'interno della trasmissione Scratch) Giovedì 15/10 ore 21.00
- Teleromagna (e canale 518 di Sky): venerdì 16/10 ore 20.00 
- Toscana TV sport (canale 194 Toscana): mercoledì 21/10 ore 21.00
- TeleBoario, (canale 71 Lombardia): sabato 17/10 ore 20.30
- Bike smart mobility (canale 259 digitale terrestre) manderà in onda lo speciale nei seguenti orari (venerdì sera ore 22.30; sabato notte ore 04.30; sabato pomeriggio 16.30; domenica mattina 10.30)

PROCEDURA DI ACCREDITO, NORME COVID E INFO LOGISTICHE

CONVENZIONI ALBERGHIERE – Le società organizzatrici, su suggerimento dell’ASD Romano Scotti, stanno stipulando le convenzioni alberghiere come in tutte le passate edizioni del Giro d’Italia Ciclocross. Le convenzioni alberghiere per la tappa di Ladispoli sono online, con soluzioni non distanti dal campo di gara, mentre sono via via disponibili gli accordi per Osoppo-Buja (tappa 4) e Gallipoli (tappa 5). A Ladispoli l’organizzazione ha anche predisposto un’area camper sorvegliata nei pressi del percorso di gara (senza allaccio alla rete elettrica), al costo di € 20,00/notte.

NORMATIVA ANTICOVID – È applicato il protocollo emesso dalla Federazione Ciclistica Italiana. Tutti coloro che accederanno all’area interessata dalla manifestazione dovranno registrarsi presso la segreteria Covid dedicata allestita da ogni singolo comitato di tappa. Dovranno compilare gli appositi moduli, disponibili sul sito http://www.ciclocrossroma.it/covid/ entro le 23:59 di venerdì 16/10/2020. Nella medesima pagina è indicata la procedura guidata per la compilazione dell’elenco in foglio elettronico e la segnalazione alla società organizzatrice. Oltre che in forma digitale, tutti i moduli andranno consegnati in forma cartacea al check-point covid (misurazione temperatura corporea, accettazione, consegna braccialetto). Per eventuali difficoltà nella compilazione dei moduli si può scrivere congiuntamente a logistica.gic@gmail.com e a asdbiketerenzi.covid@gmail.com. Attenzione: il modulo è ottimizzato per sistema operativo Windows; per chi usa Mac si consiglia di salvare ed esportare manualmente il file secondo la procedura classica e poi caricarlo nella pagina dedicata.

MAGLIE PERSONALIZZATE – A partire dalla seconda tappa, i team titolari di maglia di leader possono personalizzare la stessa presso il fornitore tecnico Northwave o il proprio maglificio di riferimento, avendo cura di rispettare tassativamente il layout proposto nella guida tecnica, usando gli spazi disponibili e non modificando la disposizione dei loghi. Non è ammesso l’utilizzo di maglie o body a mezze maniche. Ogni difformità dal layout ufficiale comporterà una penalizzazione in classifica generale.

ACCREDITI SQUADRE – Tutte le squadre che intendono partecipare al GIC devono tassativamente fare richiesta dei pass per i box e per il parcheggio sul sito ufficiale, all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/squadre/ e la richiesta deve essere effettuata entro e non oltre le ore 23:59 di venerdì 16 ottobre 2020. La richiesta è da considerarsi tacitamente accettata (non vi è quindi bisogno di mail di conferma). Le società saranno contattate solo in caso di incongruenze o perplessità. I pass sono valevoli per tutto il Giro. Considerata anche l’emergenza sanitaria in atto non sarà possibile richiedere i pass sul posto. Le iscrizioni degli atleti delle categorie cicloamatoriali tesserati per gli enti di promozione sportiva dovranno pervenire all’organizzazione attraverso l’indirizzo di posta elettronica iscrizioni@ciclocrossroma.it.

ACCREDITI STAMPA – Le testate, i giornalisti freelance e i fotografi che desiderino seguire una o più tappe del 12° Giro d’Italia Ciclocross dovranno compilare l’apposito modulo interattivo presente sul sito del GIC all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/accrediti-stampa/. L’accredito sarà consegnato al desk delle iscrizioni durante le operazioni pre-gara. Per i fotografi l’ASD Romano Scotti rilascerà una pettorina ad alta visibilità onde garantire la loro presenza sul percorso. Durante il periodo dell’uso della pettorina, che dovrà essere restituita, l’organizzazione tratterrà un documento di identità.

GP Città di Jesolo: il percorso su misura di Giro d’Italia Ciclocross


JESOLO (VE). Da qualche giorno si è tornati tra i banchi e contemporaneamente il ciclocross si affaccia timidamente allo scenario autunnale. Così quello di Jesolo non potrà che essere un percorso da primo giorno di scuola: non troppo duro, ma con qualche test d’ingresso per valutare lo stato di forma al rientro, veloce abbastanza per dar modo di sfogare watt ed entusiasmo, tecnico al punto giusto per segnare la via di quel che man mano diventerà la stagione, lasciando intravedere il livello necessario d’impegno per ambire alla maglia rosa. 

Ad organizzare, con la consolidata collaborazione dell’ASD Romano Scotti, è la DP 66, presieduta da Michele Bevilacqua e con la guida tecnica del due volte iridato Daniele Pontoni, che collabora per l’occasione con l’ASD Polisportiva 360, in un concreto abbraccio tra Friuli e Veneto che ha il suo trait d’union in Achille Santin. Si torna nella terra della Serenissima dopo il buon debutto della scorsa stagione: un’apertura d’eccezione per il dodicesimo Giro d’Italia Ciclocross, che ritroverà volti amici in un territorio da sempre culla di questa disciplina.
"Per (ri)cominciare abbiamo pensato di portarvi in un altro scenario rispetto allo scorso anno, perché Jesolo è bellissima e questa cittadina di mare va conosciuta sotto diversi aspetti – spiega Daniele Pontoni, team manager della DP 66 – siamo sicuri che il colpo d’occhio sarà affascinante. Abbiamo cercato di fare del meglio delle nostre possibilità, DP 66 e ASD Romano Scotti insieme, fianco a fianco. L’importante è che si ricominci, diamo un segno di fiducia e di speranza per riprendere le attività normali partendo dal nostro tanto amato ciclocross".
Il programma prevede le consuete operazioni preliminari il sabato (consegna numeri, prove ufficiali e conferenza stampa – quest’ultima prevista presso Sala Tiepolo presso Kursal di Piazza Brescia non lontano dalla Ruota Panoramica) e ben 8 gare nella giornata di domenica: nella fascia antimeridiana le categorie amatoriali e nazionali giovanili, nel pomeriggio le internazionali. Da segnalare lo sdoppiamento delle partenze per generi: donne esordienti e donne allieve correranno insieme in una gara completamente dedicata alle ragazze, così come separata sarà anche la partenza delle donne open (tradizionalmente abbinate con gli uomini juniores). 

I dettagli tecnici del percorso

Il tracciato di Jesolo, che si sviluppa nelle adiacenze del Camping Jesolo International, sede delle strutture logistiche, si incunea tra la terraferma, il fiume Sile e il mare Adriatico. A farla da padrone sui 2500 metri di percorso sarà quindi la sabbia, ma anche la velocità. Si parte in asfalto, un lungo tratto di lancio che prima di spalancare la vista sulla spiaggia (località Faro di Piave vecchia) costringe gli atleti a rallentare per affrontare gli ostacoli artificiali. Poi la magia, 1 km sull’arenile in cui si alternano in rapida successione cemento, passerelle e marciapiedi e sabbia, costringendo gli atleti a numerosi cambi di ritmo. A metà c’è la chicca, il transito sul bagnasciuga ("Credo davvero che qui si riuscirà a stare in bici" assicura Pontoni). Problemi meccanici sulla sabbia? Nessun problema, all’uscita dell’arenile c’è il box (ingresso a destra) e poi, costeggiando la foce del Sile ci si lancerà verso il traguardo, non prima di aver affrontato slalom tecnici sulla ghiaia (60 metri). Rilancio su asfalto e tratto finale su prato d’erba, tecnico misto a curve veloci. Gli ultimi metri e la linea d’arrivo, sono su asfalto. 

I saluti istituzionali delle autorità locali

ESTERINA IDRA (Assessore allo sport città di Jesolo): "Jesolo torna a riconquistare il palcoscenico degli eventi sportivi nazionali ed internazionali. Dopo il successo dei Campionati FISPES che ha dimostrato l’efficacia delle procedure e dei protocolli di sicurezza, il Giro d’Italia Ciclocross apre il calendario delle iniziative che accompagneranno la località nei mesi a venire e, in prospettiva, nel 2021 - commenta l’assessore allo Sport della città di Jesolo, Esterina Idra - É poi un grande piacere vedere il ritorno di una disciplina legata al ciclismo che qui nella nostra città è di casa e che permetterà di fruire e vivere la 'spiaggia d’inverno', uno scenario diverso da quello a cui i nostri ospiti sono abituati".
NICOLA MANENTE (Presidente Polisportiva 360): "Dietro a questo evento c’è stata un’organizzazione complessa ed efficace che permetterà ai numerosi partecipanti di godere di un’esperienza pari, se non addirittura superiore a quella che ha visto Jesolo protagonista lo scorso novembre - aggiunge il presidente dell’ASD Polisportiva 360, Nicola Manente - La sicurezza è stata posta in cima alle priorità e dall’amministrazione a Jesolo Turismo che ha messo a disposizione il Camping International per l’ospitalità tutti hanno fatto la loro parte per contribuire a tenere alto il prestigio della località che, ricordo è ormai divenuta vera e propria città del ciclismo". 

PROCEDURA DI ACCREDITO, NORME COVID LOGISTICHE

NORMATIVA ANTICOVID – È applicato il protocollo emesso dalla Federazione Ciclistica Italiana. Tutti coloro che accederanno all’area interessata dalla manifestazione dovranno registrarsi presso la segreteria Covid dedicata allestita da ogni singolo comitato di tappa. Dovranno compilare gli appositi moduli, disponibili sul sito http://www.ciclocrossroma.it/covid/ entro le 23:59 di venerdì 02/10/2020. Nella medesima pagina è indicata la procedura guidata per la compilazione dell’elenco in foglio elettronico e la segnalazione alla società organizzatrice. Oltre che in form digitale, tutti i moduli andranno consegnati in forma cartacea al check-point covid (misurazione temperatura corporea, accettazione, consegna braccialetto). Per eventuali difficoltà nella compilazione dei moduli si può scrivere a logistica.gic@gmail.com.

ACCREDITI SQUADRE – Tutte le squadre che intendono partecipare al GIC devono tassativamente fare richiesta dei pass per i box e per il parcheggio sul sito ufficiale, all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/squadre/ e la richiesta deve essere effettuata entro e non oltre le ore 23:59 di venerdì 2 ottobre 2020. La richiesta è da considerarsi tacitamente accettata (non vi è quindi bisogno di mail di conferma). Le società saranno contattate solo in caso di incongruenze o perplessità. I pass sono valevoli per tutto il Giro. Considerata anche l’emergenza sanitaria in atto non sarà possibile richiedere i pass sul posto. Le iscrizioni degli atleti delle categorie cicloamatoriali tesserati per gli enti di promozione sportiva dovranno pervenire all’organizzazione attraverso l’indirizzo di posta elettronica iscrizioni@ciclocrossroma.it.

ACCREDITI STAMPA – Le testate, i giornalisti freelance e i fotografi che desiderino seguire una o più tappe del 12° Giro d’Italia Ciclocross dovranno compilare l’apposito modulo interattivo presente sul sito del GIC all’indirizzo http://www.ciclocrossroma.it/accrediti-stampa/. L’accredito sarà consegnato al desk delle iscrizioni durante le operazioni pre-gara. Per i fotografi l’ASD Romano Scotti rilascerà una pettorina ad alta visibilità onde garantire la loro presenza sul percorso. Durante il periodo dell’uso della pettorina, che dovrà essere restituita, l’organizzazione tratterrà un documento di identità.

CONVENZIONI ALBERGHIERE – Le società organizzatrici, su suggerimento dell’ASD Romano Scotti, stanno stipulando le convenzioni alberghiere come in tutte le passate edizioni del Giro d’Italia Ciclocross. Le convenzioni alberghiere per la prima tappa (Jesolo) sono disponibili a questo link. Aperte qui anche quelle per Corridonia.

GLI SPONSOR DEL 12° GIC – Conferme e ritorni. In un anno così difficile chi ha uno sponsor è consapevole di avere un tesoro. È per questo che l’ASD Romano Scotti ringrazia di cuore per il sostegno deciso alla macchina organizzativa garantito da amici storici del ciclocross. La famiglia Bigolin, in primis, conferma il marchio Selle Italia come main sponsor del 12° Giro d’Italia Ciclocross, rinsaldando uno storico e affabile sodalizio. Grande ritorno quello di Northwave, che vestirà i vincitori delle maglie di leader, atleti che sul podio brinderanno con spumante Maccari Vini, l’eleganza delle bollicine italiane sin dal 1898. Dà un tocco di luccicante eleganza la presenza in gruppo di Migliorini gioielli, produzioni in oro e argento, così come grande è la soddisfazione per il sostegno dei marchi Chinotto Neri e Challenge.

La categoria speciale ID al Giro d’Italia Ciclocross: un doveroso chiarimento

Il desiderio di Daniele Peschi di competere per il campionato italiano di ciclocross nella categoria speciale degli atleti con disabilità intellettiva (ID) ha letteralmente fatto il giro dello stivale in pochissimo tempo. Sull’onda dell’emotività, tuttavia, sugli organi di stampa sono state pubblicate in questui giorni alcune notizie erronee, incomplete o del tutto fuorvianti sul tema, coinvolgendo anche il Giro d’Italia Ciclocross.

A beneficio in modo particolare degli amanti del ciclismo e delle testate giornalistiche che non seguono da vicino questa disciplina, l’organizzazione del Giro d’Italia Ciclocross ha ritenuto opportuno un doveroso chiarimento. Daniele Peschi e tutti gli altri ragazzi della categoria ID corrono in una gara promozionale – ovvero senza velleità agonistiche – insieme alla categoria G6 (12 anni), partendo a 30 secondi di distacco da essi e in compagnia del tutor per una durata massima della corsa di 20 minuti. Questo importante risultato si è ottenuto dopo un lungo lavoro grazie alla federazione ciclistica con supporto del settore giovanile in sinergia con il settore fuoristrada e non, come erroneamente spesso riportato, con quello paraolimpico, in quanto stando ai regolamenti la categoria dei disabili intellettivi non afferisce al settore paraolimpico. Da quest’anno, inoltre, l’organizzazione del Giro d’Italia Ciclocross, al fine di incentivare la partecipazione di atleti nelle stesse condizioni di Daniele, ha istituito una maglia rosa per la categoria ID-2. Anche questo simbolo è da intendersi promozionale, in quanto si è ritenuto di non far valere la condizione minima di 5 iscritti e 3 classificati per l’assegnazione della maglia (conditio sine qua non in altri campionati, come le rassegne nazionali).

Intanto aspettiamo Daniele e la sua guida Vanessa a Pontedera in questo fine settimana per confermare una maglia rosa più che meritata. Ciò che ci riserva il futuro non spetta a noi del Giro d’Italia Ciclocross determinarlo, ma è auspicabile collaborare tutti insieme per facilitare l’attività la soddisfazione di tanti ragazzi ID inseriti nelle attività federali sin dal 2013. 

Giro d’Italia Ciclocross: a Pontedera il ricordo di Romano Scotti nel suo 11° Memorial

Buon anno dal Giro d’Italia Ciclocross! Il 2020 della corsa rosa del fango è iniziato sul campo già dal pomeriggio del capodanno: da ieri infatti lo staff dell’ASD Romano Scotti si è congiunto con quello dell’UC Santa Croce Sull’Arno a Pontedera per dare vita al percorso che domenica 5 gennaio ospiterà la sesta e ultima tappa dell’undicesima edizione sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana. Sarà una sfida triplice, quella toscana, perché se da un lato ci si contende le maglie rosa, tutte perfettamente in bilico per quanto riguarda le categorie agonistiche, c’è anche da lottare per il podio del Campionato Italiano di società ciclocross (lo scudetto è già saldamente sul petto della DP 66 Giant SMP) e si faranno le prove generali, pesando bene le forze degli atleti, in vista del campionato italiano assoluto di Schio in programma il prossimo weekend. Le iscrizioni sono aperte sul portale Fattore k (cercare nell’anno 2020) all’ID 152075. 
 Quella di Pontedera, tappa organizzata dalla UC Santa Croce Sull’Arno in collaborazione con l’ASD Romano Scotti, sarà una tappa speciale perché dedicata a tre persone che, in ruoli e a livelli diversi hanno lasciato un profondo segno in tanti. La sesta tappa del Giro d’Italia Ciclocross è infatti dedicata a Francesco Vannozzi, militare degli Alpini caduto in Afghanistan e, per l’undicesima volta, a Romano Scotti, capostipite della famiglia Scotti, prima ciclista dilettante e poi direttore sportivo di lunghissimo corso. Ma a loro si aggiungerà anche il ricordo di Tommaso Cavorso, ciclista esordiente investito da un’automobile nel 2010, alla cui memoria è dedicato uno speciale premio per la sola categoria Esordienti 2° anno.

CHI È STATO ROMANO SCOTTI – Nato nel 1935 a Roma da genitori bergamaschi è cresciuto negli anni più bui della storia della Capitale, segnata dalle ferite della guerra e dell’occupazione, forgiando il suo carattere unendo le tradizioni lombarde di sangue all’esperienza di vita che solo la Roma di quegli anni sapeva dare. Nell’Italia della rinascita e della ricostruzione arriva il suo primo contatto con la bicicletta: era il 1946 e Gustavo Gugliemeti vinceva la prima edizione del Gran Premio Liberazione. Romano era lì, ad osservare con occhi estasiati quella poesia a pedali di quello che sarebbe diventato “Il Mondiale di Primavera”.
Negli anni d’oro del ciclismo, Romano si innamorò della bicicletta e si tesserò per l’allora Unione Velocipedistica Italiana. Più grandicello passò dilettante con la divisa biancoceleste nella storica SS Lazio sotto la direzione di Gastone Capacci e presieduta da Romano Pontisso con la quale si fece notare su tutto il territorio nazionale e conquistò la maglia di campione regionale Lazio. Non male per un tifoso della Lazio calcistica!
Da dilettante è stato anche alla Faema Preneste, nella quale mosse anche i suoi primi passi da DS, per continuare alla Cosmo di Ceprano. «Quel ruolo mise in luce il suo essere un uomo semplice, disponibile, aperto, mentalmente acuto, tanto da capire subito con chi aveva a che fare senza adeguare mai la sua natura agli altri, mantenendo sempre la sua esuberante vitalità, il suo modo di essere – ricordano i suoi figli – capace di prendere decisioni immediate nella giusta direzione, di motivare i ragazzi e soprattutto di capire con uno sguardo il cavallo di razza su cui puntare. Per tanti atleti da lui seguiti in ammiraglia è stato letteralmente come un padre».
Poi arrivò il ciclocross, specialmente quando emerse la predilezione per la disciplina da parte di suo figlio Fausto, con il quale la tradizione ciclistica degli Scotti è continuata sia sul campo che fuori gara. Per tutti gli oltre 20 anni di carriera di Fausto, papà Romano gli era accanto, così come quando fu nominato CT della Nazionale, rivedendo nel figlio una vita di esperienze e di consigli trasmessi con paterna spontaneità. Romano non è più fisicamente con noi da 12 anni, ma il suo spirito aleggia in tutti coloro che praticano il ciclismo con genuina passione. Basta citarne il nome per far comparire il sorriso sulla bocca di tanti, indifferentemente del sud o del nord Italia, uniti nel ricordo di una persona eclettica, originale e dal grande cuore, caratteristiche tramandate nel suo nome dalla sua famiglia, che nel frattempo si è allargata ben oltre i legami di sangue. È per questo che il Giro d’Italia è dedicato a lui. Ecco chi è stato Romano Scotti. A Pontedera, per il suo 11° Memorial, un motivo in più per dare il massimo.

ARRIVEDERCI CAPANNELLE – Negli ultimi anni l’Ippodromo delle Capannelle di Roma era diventato un appuntamento fisso per il Giro d’Italia Ciclocross, emergendo come la location che più volte ha ospitato una tappa del GIC. Per questa edizione la carovana si allontana da Roma ma l’impianto gestito dalla Hippo Group resta nel cuore della famiglia Scotti e di tutti i sostenitori del Giro d’Italia Ciclocross e l’assenza di questo 2020 sarà solo un arrivederci, come spiega il vice presidente dell’ASD Romano Scotti Sergio Scotti: «Nel meraviglioso ippodromo delle Capannelle si sono svolti i momenti più belli delle nostre attività dedicate a mio papà Romano, dai campionati italiani ai Giro d’Italia Ciclocross passando per le Coppe del Mondo. Siamo intimamente legati a quel luogo, con l’anima ancor prima che con il fisico. La stima e l’amicizia con il direttore ing. Elio Pautasso e tutti i lavoratori dell’impianto e dell’indotto sono più saldi che mai e presto saremo di ritorno a Roma con altri grandissimi eventi, con il supporto del comune della Capitale». Nel 2020 il Memorial Romano Scotti si sposta dunque qualche chilometro a nord, ma resta fedele al suo spirito: «Questo gemellaggio con Pontedera e la UC Santa Croce Sull’Arno ci rende orgogliosi – ricorda infatti Sergio Scotti - poiché Papà amava la Toscana».

SABATO POMERIGGIO CONFERENZA STAMPA IN CASA PIAGGIO – La città di Pontedera è legata a doppio filo con la storia industriale della rinascita italiana del dopoguerra, luogo di nascita di uno dei simboli del design nazionale tutt’oggi in produzione: Pontedera è casa della Piaggio e il Giro d’Italia Ciclocross riceverà l’onore di essere ospitato tra le sue mura. La tradizionale conferenza stampa pre-tappa si svolgerà infatti nel Museo Piaggio sabato 4 gennaio a partire dalle ore 17 (via R. Piaggio, 7 a Pontedera) a soli 900 metri dal percorso di gara.

CONVENZIONI ALBERGHIERE PONTEDERA - Per la tappa numero 6 dell'11° Giro d'Italia Ciclocross, da disputarsi nel cuore della Toscana, a Pontedera, la società organizzatrice U.S. Santa Croce Sull'Arno ha stipulato delle convenzioni alberghiere con strutture ricettive locali. TUTTI I PREZZI SONO DA CONSIDERARSI A NOTTE. 

Giro d’Italia Ciclocross, a Pontedera la finale del Campionato Italiano Società: sarà sfida Dorigoni-Bertolini

Fuochi d’artificio in arrivo. E non solo quelli per salutare l’ingresso del nuovo anno, ma anche e soprattutto quelli attesi per il gran finale dell’11° Giro d’Italia Ciclocross che il 5 gennaio, a Pontedera (PI) tornerà ad animare gli animi con il primo appuntamento del 2020 su due ruote: la sesta tappa della corsa rosa. In Toscana si assegneranno tutte le ambite maglie di leader al termine della corsa organizzata, sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana, dall’UC Santa Croce Sull’Arno in collaborazione con l’ASD Romano Scotti in memoria del caporal maggiore degli alpini Francesco Vannozzi e del grande padre della famiglia Scotti, l’indimenticabile Romano Scotti, del quale si celebrerà l’11° Memorial. La corsa, che assegnerà anche lo scudetto del Campionato Italiano Ciclocross per società, vedrà ai nastri di partenza i due big del cross italiano: Jackob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) e Gioele Bertolini (FSA Cervelo). Il primo è reduce da un incredibile secondo posto in Coppa a soli 6 secondi e 4 forature dal vincitore. Il secondo sta entrando sempre più in forma, dopo il colpo di scena che lo ha visto tornare al ciclocross in quello che doveva essere il suo anno sabbatico per questa disciplina. Buon per noi, ne guadagna lo spettacolo: ci sarà da divertirsi con la finale del GIC.
   
CONFERENZA STAMPA IN CASA PIAGGIO – La città di Pontedera è legata a doppio filo con la storia industriale della rinascita italiana del dopoguerra, luogo di nascita di uno dei simboli del design nazionale tutt’oggi in produzione: Pontedera è casa della Piaggio e il Giro d’Italia Ciclocross riceverà l’onore di essere ospitato tra le sue mura. La tradizionale conferenza stampa pre-tappa si svolgerà infatti nel Museo Piaggio sabato 4 gennaio a partire dalle ore 17 (via R. Piaggio, 7 a Pontedera) a soli 900 metri dal percorso di gara. Durante la conferenza stampa sarà anche presentata la decima edizione del Memorial Tommaso Cavorso, ciclista 14enne morto nel 2010 in un tragico incidente stradale mentre si allenava. Da allora suo papà Marco, raccogliendo quel coraggio e quella forza che solo i genitori hanno, ha avviato una grossa campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale coinvolgendo tanti campioni del ciclismo e personaggi illustri. La decima edizione del Memorial Cavorso, dedicata espressamente agli esordienti di primo e secondo anno, si lega fraternamente al Giro d’Italia Ciclocross, del quale rappresenterà la tappa inaugurale (con successivi appuntamenti su strada e pista). Al termine della gara di ciclocross di Pontedera i vincitori nella categoria esordienti maschi di 1^ e 2^ anno vestiranno una maglia particolare. Sig. Marco Cavorso, papà di Tommaso, è rappresentante della sicurezza della ACCPI e ha dedicato un libro al proprio figlio, scritto a quattro mani con Paolo Alberati.

AGONISTI, TUTTE LE MAGLIE ROSA IN PALIO – Quale è dunque la situazione in classifica generale? Chi è ancora in lotta per la Rosa? Non c’è finale migliore di un arrivo in volata, il thriller per eccellenza del ciclismo. Come avviene in tutte le corse in cui ciascun corridore dà il suo meglio e non si arrende fino ad aver varcato la linea del traguardo, così anche all’undicesimo Giro d’Italia Ciclocross ci si approccia all’ultima tappa senza che nessuna delle 7 maglie rosa per le categorie agonistiche sia stata già assegnata. Ricordiamo per comodità i punteggi: 30 al primo, 26 al secondo, 22 al terzo, 19 al quarto. Poi 16 al quinto, 13 al sesto, 11, 9, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1 rispettivamente fino al quindicesimo.
Tra gli Esordienti 2° anno Nicholas Travella (GS Cicli Fiorin) guida la graduatoria con 142 punti conto i 119 di Stefano Viezzi (Libertas Ceresetto), un gap di 23 punti che, con 3 vittorie a 2, è influenzato fortemente dalla miglior regolarità del portacolori Fiorin. Le fanciulle pari età regalano invece il testa a testa più entusiasmante di tutto il GIC. Anita Baima (GS Cicli Fiorin) e Beatrice Temperoni (Ciclistica Bordighera) guardano tutte dall’alto dei rispettivi 131 e 130 punti, con due vittorie a testa. Chiunque delle due metterà le sue ruote avanti all’avversaria, a Pontedera, si ritroverà cucita addosso la maglia rosa. Sarà interessante anche seguire Bianca Perusin (DP 66 GIANT SMP) e Irma Siri (Cadeo), visto l’exploit della tappa di Osoppo, ma per entrambe la lotta possibile è solo per il terzo gradino del podio.
Più tranquillo – ma non troppo – è Federico De Paolis (Race Mountain Folcarelli), forte dei 23 punti di vantaggio su Filippo Borello (Cicli Fiorin) nella categoria Allievi. Tra le donne allieve la musica è diversa, con il rinnovarsi del dualismo Federica Venturelli (Cicli Fiorin) e Eleonora Ciabocco (Di Federico Pink). Entrambe non sono mai scese dal podio in tutta la stagione, ma ultimamente la vittoria ha sorriso maggiormente alla Venturelli, che così guida con 12 punti in più. Emersa nella seconda parte di stagione, Elisa Viezzi (DP 66 GIANT SMP) è saldamente al terzo posto, senza ambizioni di scalata.
23 sono anche le lunghezze di vantaggio di Davide De Pretto (Borgo Molino Rinascita Ormelle) su Filippo Agostinacchio (Team Bramati) nella categoria Juniores. Il veneto, reduce da belle prestazioni all’Europeo e in Coppa del Mondo, guida la classifica senza mai aver vinto una tappa. Una rarità! Romperà il digiuno all’ultima tappa o penserà solo alla maglia rosa? Incertissima invece la querelle per il podio: in terza posizione coabitano a 78 punti due allievi di Pontoni: Kevin Pezzo Rosola e Daniel Cassol.
Che Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti Elite) stia attraversando un gran bel momento è sotto gli occhi di tutti, ma come Osoppo insegna non sempre un ampio vantaggio in classifica e un’ottima forma fisica sono lasciapassare per la vittoria. Così tra le donne open a Pontedera tornerà la sfida a tre che contrappone all’attuale rosa Baroni (128 punti) l’abruzzese Gaia Realini (Vallerbike, 115 punti) e la friulana Sara Casasola (DP 66 GIANT SMP, 112 punti). Se i giochi per il podio sono chiusi, tutt’altro è da dirsi per la vittoria di tappa, con tante altre ragazze pronte a dare battaglia (Gariboldi, Persico, Teocchi, Oberparleiter su tutte). La questione maglia bianca (donne juniores) è ancora più sottile, con Nicole Pesse (DP 66 GIANT SMP) e Carlotta Borello (Cicli Fiorin) divise da soli 3 punti.
Cristian Cominelli (Cycling Cafè) ha compiuto una delle rimonte più belle del Giro d’Italia Ciclocross, riuscendo a strappare la maglia rosa uomini open a Stefano Capponi (Pro Bike) dopo aver inanellato tre vittorie di fila. Il laziale insegue ora a 8 punti, ma se pensiate che si arrendi vi sbagliate di grosso. Mettetevi comodi, perché promette battaglia. Il terzo posto del carabiniere Filippo Fontana equivale anche alla maglia bianca di miglior giovane (Under 23) ed è conteso a distanza di 6 punti da Federico Ceolin (Selle Italia Guerciotti Elite, ambizioso di riprendersi ciò che a lungo è stato suo).

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETÀ – È vero, sotto il diluvio di Osoppo la DP 66 Giant SMP già festeggiava lo scudetto. Come non farlo, in fondo, anche senza ricorrere alla calcolatrice: 763 punti contro i 369 del più diretto inseguitore, un gap non colmabile in una tappa nemmeno con un en-plein. Chapeau. Ma alle spalle del sodalizio di Pontoni si scatena la lotta per il podio. Il secondo posto della Cicli Fiorin è insidiato dai 352 punti del Team Bramati, a sua volta quasi raggiunto alle calcagna dalle 336 della seconda formazione di Fiorin, Al quinto posto, a soli 334 c’è la Selle Italia Guerciotti Elite. Che spettacolo con l’ultima prova del Campionato Italiano per società!

MASTER IN LOTTA PER LA MAGLIA ROSA – Tocca ora ai master, che nella dialettica del ciclocross, agonistico per definizione, sono relegati immeritatamente a figure di secondo piano, quando invece a loro spesso si deve la riuscita degli eventi. In modo particolare quelli del Giro d’Italia Ciclocross, che li vedono da sempre aprire il programma delle gare proprio perché con la loro sedimentata esperienza (c’è chi ha alle spalle oltre 30 anni di bicicletta) possono dare fondamentali dritte sulla tenuta del tracciato ed eventuali criticità su cui prontamente intervenire.
Le classifiche, dunque! Per un solo punto Sabrina di Lorenzo (Di Lorenzo Bike) può festeggiare già la sua maglia rosa-azzurra della classifica amatoriale femminile, staccando di 31 lunghezze la diretta rivale Mariangela Roncacci. Giovanni Gatti (Team Castello Bike) ha 22 punti di vantaggio in fascia 1 su Thomas Felice (Jam’s Bike Team Buja), ma i giochi non sono ancora scritti. In seconda fascia comanda la cinquina di Massimo Folcarelli (5 vittorie su 5 gare e punteggio pieno a 150 lunghezze).

CONVENZIONI ALBERGHIERE PONTEDERA - Per la tappa numero 6 dell'11° Giro d'Italia Ciclocross, da disputarsi nel cuore della Toscana, a Pontedera, la società organizzatrice U.S. Santa Croce Sull'Arno ha stipulato delle convenzioni alberghiere con strutture ricettive locali. TUTTI I PREZZI SONO DA CONSIDERARSI A NOTTE. 

Giro d’Italia Ciclocross: verso Pontedera nel ricordo di Francesco Vannozzi e Romano Scotti

Sarà un’ultima tappa davvero speciale il sesto appuntamento del Giro d’Italia Ciclocross giunto all’undicesima edizione. Il 5 gennaio a Pontedera, in provincia di Pisa, si assegneranno le maglie rosa definitive nel momento topico della stagione ciclopratistica. Ma non sarà solo il rituale della finale ad impreziosire la tappa, quanto il ricordo di due persone speciali, a cui la corsa è titolata.
Organizzata sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana dall’UC Santa Croce Sull’Arno in collaborazione con l’ASD Romano Scotti, la sesta tappa del Giro d’Italia Ciclocross è dedicata alla memoria del caporal maggiore degli alpini Francesco Vannozzi e a quella del grande padre della famiglia Scotti, l’indimenticabile Romano Scotti. Il percorso è già stato definito e promette spettacolo, quel che ci viole per l’ultimo assalto alla maglia rosa (e alla maglia bianca).

FRANCESCO, UN EROE CON LA PENNA NERA – "Sul cappello che noi portiamo¬ c'è una lunga penna nera¬ che a noi serve da bandiera" canta l’inno del corpo degli Alpini, quella penna portata con fierezza da Francesco Vannozzi caporal maggiore dell’esercito caduto il 9 ottobre 2010 in un’imboscata talebana in Afghanistan. Aveva solo 26 anni e alle sue spalle, oltre un diploma da ragioniere, già diverse missioni di pace all’estero.
Originario di San Giovanni alla Vena, di stanza a Belluno con il suo reggimento, quando non era in servizio tornava volentieri in Toscana per impegnarsi nel volontariato, in particolare nel servizio antincendio sui Monti Pisani, rendendosi disponibile per la collettività in particolar modo per la salvaguardia dei suoi amati monti.
La sua missione su questa terra è finita tragicamente a causa di un ordigno che fece saltare in aria il Lince nel quale, con altri quattro compagni (tre dei quali deceduti) scortava una colonna con 70 camion di civili. Il suo spirito continua però a vivere nella sua amata Toscana e in tutti coloro che lo onoreranno correndo per la maglia rosa a Pontedera.

L’UC SANTA CROCE SULL’ARNO SALUTA IL GIRO - Un caloroso benvenuto alla carovana del GIC è offerto da Federico Micheli, presidente dell’UC Santa Croce Sull’Arno: "La nostra società è una delle più anziane in Toscana e da sempre si è cimentata nell'organizzazione di manifestazioni ciclistiche di varia importanza, tra cui spiccano vari campionati italiani su strada (per Esordienti, Juniores, crono individuali) e la Settimana Tricolore nel 2004 mentre annualmente mettiamo in cantiere il G.P. Industria del Cuoio e delle Pelli, classica Nazionale per Elite Under 23, ormai giunto alla 75^ edizione nel prossimo 2020. Tra le varie gare organizzate, da tre anni a questa parte, ci siamo cimentati in manifestazioni di ciclocross a livello regionale e la cosa ci ha particolarmente affascinato a tal punto che, grazie al nostro consigliere Roberto Cecchi, ci è stato proposto di fare una tappa del Giro d'Italia di Ciclocross in collaborazione con l’ASD Romano Scotti. Non nascondo che d'istinto la cosa mi ha entusiasmato fin da subito ed in poco tempo abbiamo deciso di intraprendere questa nuova esperienza. Fortunatamente in questa avventura abbiamo trovato dei preziosi appoggi sia sotto l'aspetto logistico che finanziario ed è per questo che i principali ringraziamenti vanno al main sponsor Ecofor dell'appassionato Rossano Signorini, all'Amministrazione del Comune di Pontedera con il Sindaco Matteo Franconi e per la parte logistica alla bellissima struttura sportiva che ci ospiterà della Bellaria Cappuccini con Piero Vetturi. Naturalmente viene naturale dire un grazie di cuore all’ASD Romano Scotti, erede del celebre GS Scotti e guidato magistralmente da Fausto e Sergio Scotti, che ci ha dato fiducia pur non conoscendoci e sapendo che per noi era una nuova esperienza. Siamo stati presenti ad alcune recenti tappe ed abbiamo apprezzato la macchina organizzativa e la competenza dei vari addetti. Non mi rimane che dare appuntamento a tutti gli sportivi toscani e soprattutto a tutti gli atleti e alle loro famiglie. Ci vediamo il 4 e 5 gennaio con la speranza che siano giornate di sport esaltanti ma anche un’occasione per godere di alcuni scorci della nostra provincia Pisana".
Gli fa eco Giacomo Bacci, presidente del comitato toscano della Federciclismo: "Carissimi, sono oggi particolarmente lusingato, di avere l'onore di porgere il saluto a nome mio personale e del Comitato Regionale della Toscana ad una prestigiosissima manifestazione come il Giro d'Italia Ciclocross. L'occasione mi è gradita per esprimere un sentito ringraziamento per l'impegno profuso alla citta di Pontedera nell'aver accettato questa manifestazione, dando una spinta ed un apporto considerevole al movimento per lo sviluppo, sempre più consistente, alla multidisciplina, al ciclocross in particolare. Certo è che tutti noi bisogna continuare a crederci e soprattutto impegnarci perché si possa fare di più per dare risposte vere e concrete a questo movimento. Concludo con un caloroso ringraziamento alla società ASD Romano Scotti per aver pensato di sostare con una tappa nella nostra Regione, auspicando che questa 11a edizione possa essere l'inizio di una lunga collaborazione".

CONVENZIONI ALBERGHIERE PONTEDERA - Per la tappa numero 6 dell'11° Giro d'Italia Ciclocross, da disputarsi nel cuore della Toscana, a Pontedera, la società organizzatrice U.S. Santa Croce Sull'Arno ha stipulato delle convenzioni alberghiere con strutture ricettive locali. TUTTI I PREZZI SONO DA CONSIDERARSI A NOTTE. 

CONTINUA IL CAROSELLO DEL GIC SU BIKE CHANNEL - Durante tutto il periodo natalizio ci penserà Bike Channel ad alimentare la fiamma dell’attesa con 16 repliche in onda di una puntata speciale della serie Cyclocross Antologies tutta dedicata al Giro d’Italia Ciclocross. 60 minuti per riepilogare le prime cinque tappe del GIC nelle immagini di Atlantide Videoservice per fare il pieno di emozioni e prepararsi all’assalto finale alla maglia rosa. Dopo il successo delle prime messe in onda il calendario continua così, sul canale 214 della piattaforma satellitare Sky:
- Mercoledì 18-dic ore 12:00
- Venerdì 20-dic 20:15 
- Sabato 21-dic 08:15 
- Domenica 22-dic 02:15 e 14:15
- Domenica 28-dic 22:30 
- Lunedì 29-dic 10:30 
- Martedì 30-dic 04:30 e 16:30

Giro d’Italia Ciclocross: da oggi una puntata speciale su Bike Channel con le prime 5 tappe, mentre a Pontedera procedono i lavori per la finale

Sarà un fine 2019 scoppiettante con le emozioni del Giro d’Italia Ciclocross, che si appresta a cominciare l’anno nuovo con l’attesa tappa finale di Pontedera. Durante tutto il periodo natalizio ci penserà Bike Channel ad alimentare la fiamma dell’attesa con 16 messe in onda di una puntata speciale della serie Cyclocross Antologies tutta dedicata al Giro d’Italia Ciclocross. 60 minuti per riepilogare le prime cinque tappe del GIC nelle immagini di Atlantide Videoservice per fare il pieno di emozioni e prepararsi all’assalto finale alla maglia rosa. Si comincia questa sera alle ore 21:15 e si andrà avanti sino a capodanno. Pronti a godervi lo spettacolo?
Di seguito il calendario completo delle messe in onda su Bike Channel, canale 214 della piattaforma satellitare Sky:
- Venerdì 13-dic 21:15
- Sabato 14-dic 09:15
- Domenica 15-dic 03:15 e 15:15
- Lunedì 16-dic 18:00
- Martedì 17-dic 06:00
- Mercoledì 18-dic 00:00 e 12:00
- Venerdì 20-dic 20:15 
- Sabato 21-dic 08:15 
- Domenica 22-dic 02:15 e 14:15
- Domenica 28-dic 22:30 
- Lunedì 29-dic 10:30 
- Martedì 30-dic 04:30 e 16:30

INTANTO A PONTEDERA – La società sportiva Santa Croce sull’Arno è attiva su tutti i fronti per preparare la sesta e ultima tappa del Giro d’Italia Ciclocross. Nei giorni scorsi, la ASD Romano Scotti ha disegnato assieme con i toscani il percorso di gara, che si predispone particolarmente interessante, con contenuti tecnici e collinette che metteranno a dura prova i crossisti per l’ultimo assalto alla maglia rosa. La carovana rosa sarà accolta sin dal sabato in una sede d’eccezione, il museo della Piaggio di Pontedera, una delle eccellenze industriali d’Italia. È lì che si terrà la conferenza stampa di presentazione e la riunione tecnica per tutte le categorie, eccezionalmente anticipata al sabato.

CONVENZIONI ALBERGHIERE PONTEDERA - Per la tappa numero 6 dell'11° Giro d'Italia Ciclocross, da disputarsi nel cuore della Toscana, a PONTEDERA, la società organizzatrice U.S. Santa Croce Sull'Arno ha stipulato delle convenzioni alberghiere con strutture ricettive locali. TUTTI I PREZZI SONO DA CONSIDERARSI A NOTTE. 

EURO HOTEL ****
Viale Europa, 6 - Cascina (PI) a circa 10 minuti dal campo gara - Uscita Cascina della Superstrada FI PI LI
Offerta GIC in sistemazione B&B
- Camera quadrupla € 27,50 a persona (€ 110,00 a camera)
- Camera tripla  € 30 a persona (€ 90,00 a camera)
- Camera doppia  € 35,00 a persona (€ 70,00 a camera)
- Camera singola € 60,00
eventuale cena € 20,00 a persona incluso acqua minerale
RECEPTION E PRENOTAZIONI - citare convenzione ciclocross Pontedera (tel. 050 710494 - e-mail info@eurohotelpisa.it)

HOTEL GALILEI ****
Via Darsena, 1  - Pisa a circa 20 minuti dal campo gara - uscita Pisa Centro della Superstrada FI PI LI 
Offerta GIC in sistemazione B&B (a cui aggiungere € 2,00 di tassa di soggiorno A PERSONA)
- Camera quadrupla € 27,50 a persona (€ 110,00 a camera)
- Camera tripla  € 30 a persona (€ 90,00 a camera)
- Camera doppia  € 35,00 a persona (€ 70,00 a camera)
- Camera singola € 60,00
eventuale cena € 20,00 a persona incluso acqua minerale
RECEPTION E PRENOTAZIONI - citare convenzione ciclocross Pontedera (Tel. 050 507111 - e-mail info@hotelgalileipisa.it)

Il Giro d’Italia Ciclocross prepara la tappa internazionale di Jesolo

Ci siamo! Eccoci nel cuore della settimana cruciale per l’undicesima edizione del Giro d’Italia Ciclocross, gli otto giorni del trittico del nord. Entrato nel vivo domenica scorsa a Cantoira, sulle Alpi Occidentali, si sposta ora a est, sulle sponde dell’Adriatico, in casa del sodalizio dell’iridato Daniele Pontoni. La carovana del Giro d’Italia Ciclocross è infatti già da ieri presso il Villaggio al Mare Marzotto di Jesolo, nel territorio che fu della Serenissima Repubblica di Venezia, dov’è in corso di allestimento il percorso per la quarta tappa, ovvero il “Gran Premio Città di Jesolo – Internazionale Ciclocross” che si terrà, interamente nel perimetro del villaggio turistico, venerdì 1 novembre con l’organizzazione della DP 66 GIANT SMP e la collaborazione e la regia dell’ASD Romano Scotti sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e dell’UCI. Quello di Jesolo oltre ad avere la logistica concentrata e tutta a portata di mano, avrà infatti una doppia particolarità: non solo sarà l’unico appuntamento infrasettimanale (domenica 3 si correrà poi a Buja-Osoppo) ma è anche l’unica tappa internazionale per l’edizione numero 11 del Giro d’Italia Ciclocross, una corsa classificata dall’UCI come classe C2, molto utile per accumulare un bottino di punti per le imminenti rassegne continentali di specialità.
Una sfida importante per la squadra di Daniele Pontoni (DP 66 altro non sono che le iniziali del nome e l’anno di nascita di uno dei più grandi crossisti italiani di tutti i tempi), «Un tassello organizzativo ulteriore dato dall'internazionalità dell'evento con l'inserimento della tappa Giro d'Italia Ciclocross – spiega proprio il due volte iridato - che riteniamo di notevole prestigio sia per la società che per il territorio e della Città di Jesolo, specialmente se vista sotto la lente del connubio sport e turismo». Quella del Giro d’Italia Ciclocross non è la prima delle sfide organizzative di alto livello della DP 66 GIANT SMP, che nel proprio palmares presenta i campionati di ciclocross del 2016 a Monte Prat (e il test event l’anno prima), la prova finale del Triveneto 2018/2019 a Vairano, il meeting regionale del fuoristrada 2010 e la cronoscalata Forgaria-Monte Prat. Un solido legame di storica amicizia con la famiglia Scotti e tutta l’ASD Romano Scotti ha poi spalancato quest’anno le porte del Giro d’Italia Ciclocross. Con un simile mix di esperienza e di condivisione delle idee innovative sul cross non c’è che da tenersi ben saldi, il divertimento sta per cominciare.

PROTAGONISTA LA SABBIA – Il percorso, disegnato interamente nel perimetro del Villaggio al Mare Marzotto, che ospita tutta la logistica della corsa sul calco di vincenti modelli sperimentati negli scorsi anni, è particolarmente tecnico, con rettilineo di partenza - arrivo e zona box in pavé, parti con curve su erba e ghiaino e un lungo, attesissimo tratto nell'arenile della spiaggia con attraversamenti di duna artificiale su sabbia, lo stesso, rinomato litorale sul quale sino a due giorni fa numerosi turisti hanno azzardato un tuffo autunnale. Il profilo altimetrico, piatto se confrontato con Cantoira, non illuda: c’è ben altro delle pendenze con cui confrontarsi. 

IL PROGRAMMA – Trattandosi di una corsa internazionale è inserita nel programma gara una corsa in più: le donne open correranno separatamente dagli uomini juniores, per cui venerdì 1 novembre si andrà all’attacco con questa scaletta:
- ore 9.00 corsa promozionale G6 (20’)
- ore 9.30 Master tutti (40’)
- ore 10.30 Esordienti (30’)
- ore 11,15 Allievi (30’)
- ore 12.00 Giovanissimi short track su percorso dedicato
- ore 12.30 prove ufficiali del percorso
- ore 13.00 Uomini Junior (40’)
- ore 14.00 Donne Open (40’)
- ore 15.00 Uomini Open (60’)
Per i giovanissimi da G1 a G5 è stato allestito un percorso dedicato con ID Fattore K 152051. Per tutte le gare della tappa del Giro d’Italia Ciclocross, sia le nazionali che le nazionali, l’ID Fattore K è invece 151832.

IL SALUTO DELLA FCI VENETO - «Il Giro d’Italia Ciclocross, costruito dalla passione e competenza degli amici della Romano Scotti, è cresciuto di anno in anno fino a divenire il riferimento principale della attività ciclocrossista nazionale – commenta entusiasta Igino Michieletto Presidente Comitato Regionale Veneto FCI - Sei tappe distribuite sapientemente nel territorio nazionale, con una formula che premia sia i singoli atleti sia le società e che sta incontrando un gradimento notevole, come lo dimostra inequivocabilmente il numero davvero importante degli atleti partecipanti.
Anche il Veneto ospita una importante prova, in calendario a Jesolo il primo di novembre, offrendo ad una magnifica località balneare uno spettacolo che saprà richiamare sportivi e appassionati. Il ciclocross si caratterizza infatti per essere una specialità che mette assieme grande agonismo e allo stesso tempo permette di vivere in un clima di amicizia e cordialità.
Lo stile organizzativo della società ASD Romano Scotti, insieme a quello della DP 66, sa mettere assieme la competenza necessaria per un evento del genere e allo stesso tempo creare un ambiente sereno e cordiale. Il comitato Veneto che ho l'onore di presiedere – conclude Michieletto - esprime a tutta l'organizzazione, ai volontari, alle autorità e a quanti collaborano un grazie sentito, di cuore».

IL PERCORSO IN PILLOLE 
- Luogo di svolgimento: Villaggio al Mare MARZOTTO -Viale Oriente - Lido di Jesolo
- Tipologia di terreno: misto sabbia-prato-ghiaino-porfido
- Altimetria prevista: piatto, con scavalcamento di duna sabbiosa nell'arenile
- Lunghezza prevista: 2400 m
- Servizi aggiuntivi previsti: bar-ristorazione, alloggi all'interno del percorso con utilizzo fino a gare terminate per le docce
- Da visitare nelle vicinanze: Venezia

IL GIC IN RAI E BIKE CHANNEL – La tappa di Cantoira del Giro d’Italia Ciclocross andrà in onda su Rai Sport (canale 58 del DTV) giovedì 31 ottobre a partire dalle 22:30. Su Bike Channel, canale 214 della Piattaforma Sky, il palinsesto prevede le gare giovanili di Cantoira con il seguente palinsesto: 30 ottobre ore 21:15, 31 ottobre ore 09:15, 1 novembre ore 03:15/15:15, 4 novembre ore 18:00, 5 novembre ore 06:00, 6 novembre ore 00:00/12:00. Le internazionali andranno in onda invece col seguente programma: 1 novembre ore 21:15, 2 novembre ore 09:15, 3 novembre ore 03:15/15:15, 5 novembre ore 18:00, 6 novembre ore 06:00, 7 novembre ore 00:00/12:00.

AREA CAMPER - Per la tappa di Jesolo sarà consentito l’ingresso al Villaggio solo per i mezzi di chi soggiorna nelle strutture del Villaggio al Mare Marzotto. Le altre auto e i furgoni parcheggeranno nelle aree indicate di fronte il Villaggio. Tutte le squadre iscritte avranno a disposizione ampi spazi (per i quali non occorre prenotare) per i soli gazebo. Si rammenda che nel territorio comunale di Jesolo vige il divieto di campeggiare per i camper nei parcheggi pubblici – occhio quindi alle multe salate – pertanto l’ASD DP 66 Giant SMP ha predisposto dei prezzi convenzionati nel campeggio dei Dogi. Nell’area team interna sarà concesso l’ingresso ai soli furgoni, motorhome di 20 team UCI, considerando il rango internazionale della corsa.

AREA ACCREDITI - L’accredito per l’area box (OBBLIGATORIO) va richiesto sull’apposita sezione del sito ufficiale entro e non oltre le ore 23:59 di mercoledì 29 ottobre. Disponibili anche gli accrediti per la stampa e i fotografi. Gli accrediti saranno consegnati durante la conferenza stampa di giovedì 31 ottobre presso il Villaggio al Mare Marzotto.

CONVENZIONI ALBERGHIERE – Le convenzioni alberghiere per la tappa di Jesolo sono disponibili sul sito web dell’ASD Romano Scotti, si consideri che sono tutte dislocate all’interno del Villaggio al Mare Marzotto, sede della logistica della gara. Per i camper è stata predisposta un’apposita convenzione presso il camping dei Dogi, nelle adiacenze del percorso. Sul sito sono anche già disponibili le convenzioni per la tappa di Buja-Osoppo, in programma domenica 3 novembre in provincia di Udine (per la quale è possibile anche restare al Marzotto, con una convenzione speciale).

Giro d’Italia Ciclocross Cantoira: percorso collinare, impegnativo e spettacolare

Sorge un bel sole tiepido questa mattina su Cantoira, il gioiellino dei borghi piemontesi incastonato nelle valli delle Alpi Occidentali che domenica ospiterà la terza tappa del Giro d’Italia Ciclocross grazie all’organizzazione del GS G. Brunero 1906 con la supervisione dell’ASD Romano Scotti sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana. Splende sui tetti della Valle di Lanzo, luccica nelle tumultuose acque del torrente Stura e, soprattutto, illumina un percorso che farà gola a tutti gli amanti del cross, terminato di tracciare nella giornata di ieri. Succede sempre, inevitabilmente, ogni qual volta il ciclocross sposa la montagna: scopriamone insieme dettagli e segreti, mentre le impressioni degli atleti saranno svelati domani pomeriggio, in conferenza stampa, prevista alle ore 16:30 nella sala d’onore del Comune di Cantoira.
«É un vero percorso da ciclocross, d’altri tempi, con salite, discese, contropendenze, scale e tante insidie dietro l’angolo – spiega un entusiasta Sergio Scotti, vice presidente dell’ASD Romano Scotti - si inizia ad entrare nel vivo della stagione, e come in tutte le 11 stagioni del GIC si inseriscono tappe vere e impegnative. Non ci si potrà distrarre un attimo e gli arrivi saranno sicuramente tutti in solitaria.
Un grazie speciale va agli organizzatori di Cantoira, persone speciali con cui ti noi dell’ASD Romano Scotti ci rispecchiamo pienamente. Il posto, poi, è un piccolo paradiso e gli amici del GS G. Brunero 1906 hanno creduto nel nostro progetto del GIC, pilotati da due piloni della nostra famiglia come Pasquale Parmegiani e Roberto Loreti che sono riusciti a creare un'altra anima di questa bellissima specialità, quella del ciclocross». Curiosi di scoprire com’è questo percorso? Andiamo a scoprirlo!

IL PERCORSO - Partenza su strada asfaltata in leggera ascesa, corrispondente al rettilineo di arrivo, per consentire il lancio e i passaggi ad ampio respiro. Si entra poi in una sezione tecnica collinare, su fondo erboso, contraddistinta da cambi di pendenza e tratti in contropendenza. Si passa ad un successivo tratto più scorrevole, su sterrato, in leggera discesa lungo il torrente Stura. Dopo questo breve tratto di recupero si riprende a salire su prato con inserimento di alcune curve ad ampio e medio raggio. Il tratto finale prevede un passaggio nelle caratteristiche "chintane" del paese (viottoli stretti e tecnici) per poi rientrare sull'ampio rettilineo di arrivo.

IL PROGRAMMA – Considerando che nella notte tra sabato e domenica cambia l’orario - si dormirà un’ora in più, ma si avrà un’ora di luce in meno - e osservata anche la distribuzione territoriale della logistica alberghiera, il programma classico delle tappe del GIC subirà qualche leggera variazione. La verifica tessere di domani inizierà alle 14:00 e si chiuderà alle 16:30, esattamente come la prova del percorso. A seguire subito dopo, alle 16:30, la conferenza stampa.
Domenica mattina la verifica tessere riprenderà dalle 8:00, mentre la prima partenza, quella per i cicloamatori, è prevista alle 9:30 (anticipabile alle ore 9:00 nell’eventualità sia necessario sdoppiare le fasce). Riunione tecnica per tutte le gare della giornata alle ore 8:45 e poi via alle gare. 10:30 (Promozionale G6), 11:10 (Esordienti), 12:00 (Allievi). Alle 12:45 la riunione tecnica per le categorie internazionali, con le rispettive partenze alle ore 13:00 (juniores e donne open) e alle 14:00 (uomini open). Al termine tutti sul podio per la festa finale.

SALUTO - Il G.S. Giovanni Brunero 1906 è un sodalizio sportivo annoverato tra le Società Storiche del Piemonte, 113 anni di storia ciclistica legati al territorio ed alla passione per il ciclismo: «Siamo vecchi all’anagrafe, forse, ma giovani nello spirito e nelle ambizioni» è la felice descrizione coniata da Filippo Brunero, il presidente del team.
«Esprimiamo la nostra “giovanile irrequietezza” affrontando sfide nuove ed entusiasmanti: il Giro d’Italia Ciclocross rappresenta un appuntamento inedito per il nostro sodalizio, in tanti anni di agonismo ed eventi sportivi, mai la Brunero ha partecipato all’organizzazione di un evento di caratura così alta al di fuori delle nostre “competenze standard”, come è noto legate al ciclismo su strada.
Presentatasi l’opportunità di partecipare ad una nuova ed entusiasmante sfida, grazie al decisivo supporto del Comune di Cantoira e alla fiducia dell’ASD Romano Scotti, abbiamo accettato indugio di fornire il nostro contributo: questo anche perché siamo legati a doppio filo con il nostro territorio, con la nostra tradizione, con la nostra passione. Ecco che l’organizzazione di questo appuntamento si prefigura come il terreno ideale per rinsaldare i nostri valori: non ci resta quindi che augurare una buona corsa a tutti!».

LA SFIDA ALLE MAGLIE – Entra nel vivo un impegnativo “trittico del nord” in cui il bottino dei preziosi punti del Giro d’Italia Ciclocross subirà un rapido incremento. Sono tante le sfide ex aequo in sospeso delle quali si attende “la bella”, più di una singolar tenzone che si terrà sul campo neutro di Cantoira, non a caso la tappa numero 3. Così il difficile percorso lambito dal torrente Stura aiuterà a dirimere la questione tra Federico Ceolin (maglia bianca) e Stefano Capponi (maglia rosa) entrambi appaiati a quota 56 punti in classifica generale, giusto per citarne due. La stessa situazione la vivono Filippo Borello, Federico De Paolis, Federica Venturelli e Eleonora Ciabocco tra gli allievi, mentre cortissime sono le classifiche degli uomini juniores e degli esordienti. Chissà poi che non cambi il copione delle “fantastiche 3” delle donne open, Francesca Baroni (maglia rosa), Sara Casasola e Gaia Realini, sempre insieme dal primo all’ultimo metro del GIC. E che dire della sfida per la maglia bianca delle donne, con Nicole Pesse, Carlotta Borello e Lucia Bramati divise da due soli punti? Mettetevi comodi, lo spettacolo del Giro d’Italia Ciclocross sta per cominciare.

AREA ACCREDITI - L’organizzazione locale del team G. Brunero 1906 ha già compilato l’elenco delle 15 aree team, per il cui accesso occorreva mandare una mail a team@gsbrunero.it. Ogni società accreditata riceverà a breve le informazioni sulla sua collocazione. Resta attiva, invece, sino alle 23:59 odierne, la procedura di accredito per l’area box, obbligatoria per tutti coloro che iniziano da Cantoira il Giro d’Italia Ciclocross, compilando il form sul sito www.ciclocrossroma.it
L’accredito stampa è invece disponibile nella pagina dedicata. Ai fotografi sarà consegnata una pettorina ad alta visibilità, di colore giallo, da restituire al termine dell’evento.

LE CONVENZIONI PER JESOLO E BUJA – Le convenzioni alberghiere per la tappa internazionale di Jesolo sono concentrate nella logistica del Villaggio al Mare Marzotto, nel cui perimetro si disputerà la corsa. Sul sito www.ciclocrossroma.it sono riportati tutti i dettagli delle opzioni alberghiere per Jesolo, che offre anche delle condizioni per chi desidera trattenersi in loco in vista della tappa di Buja. Proprio per Buja-Osoppo sono state da poco rese note le convenzioni, disponibili a questo link e messe a punto dal Jam’s Bike Team Buja.

JESOLO, C’È L’ARIA CAMPER CONVENZIONATA - Per la tappa di Jesolo sarà consentito l’ingresso al Villaggio solo per i mezzi di chi soggiorna nelle strutture del Villaggio al Mare Marzotto. Le altre auto e i furgoni parcheggeranno nelle aree indicate di fronte il Villaggio. Tutte le squadre iscritte avranno a disposizione ampi spazi (per i quali non occorre prenotare) per i soli gazebo. Si rammenda che nel territorio comunale di Jesolo vige il divieto di campeggiare per i camper nei parcheggi pubblici – occhio quindi alle multe salate – pertanto l’ASD DP 66 Giant SMP ha predisposto dei prezzi convenzionati nel campeggio dei Dogi. Nell’area team interna sarà concesso l’ingresso ai soli furgoni, motorhome, gazebo di 20 team UCI, considerando il rango internazionale della corsa.

Il Giro d’Italia Ciclocross sale in montagna: domenica tappa a Cantoira

È cominciata in queste ore l’avventura montana dell’11° Giro d’Italia Ciclocross, che per la sua terza tappa farà visita, questa domenica, alla ridente cittadina di Cantoira, gioiellino dell’Alta Valle di Lanzo incastonata nelle Alpi Occidentali della provincia di Torino. In casa di una delle più antiche società ciclistiche d’Italia, il GS G. Brunero 1906, sta prendendo forma il percorso più in quota di questo Giro d’Italia Ciclocross (si scollina a quota 800 m slm) con la collaborazione e la supervisione dell’ASD Romano Scotti. 
Sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana sta dunque per cominciare un intenso e decisivo “Trittico del Nord” che vedrà susseguirsi, in 8 giorni, gli appuntamenti di Cantoira, Jesolo (internazionale) e Buja-Osoppo. In una stretta valle, circondata da alte vette, Cantoira si appresta ad ospitare la carovana rosa e sarà anche l’appuntamento di apertura del circuito regionale “Piemonte Ciclocross”.
«É con grande piacere che il comune di Cantoira di prepara ad ospitare la terza tappa del Giro d’Italia Ciclocross 2019-2020 – commenta il sindaco della cittadina, Franca Vivenza - è un evento sportivo di grande rilievo che ben si inserisce nel nostro progetto di promozione turistica e di valorizzazione e rilancio del territorio. Porgo un caloroso benvenuto a tutti gli atleti, ai dirigenti, ai tecnici e a tutto il pubblico che auspico molto numeroso, per vivere insieme due giorni di sport appassionante in un suggestivo contesto montano, ricco di storia e di tradizione. Un sentito ringraziamento agli organizzatori e a tutti coloro che stanno lavorando con impegno e passione per la riuscita di questo appuntamento – conclude la prima cittadina - affinché possa essere un momento di festa per tutti». 

IL GS G. BRUNERO - In attività da oltre 100 anni, ha gestito per anni squadre dilettantistiche di livello nazionale, annoverando atleti come Nardello, Garzelli, Sgambelluri e altri passati al professionismo. Parallelamente ha organizzato e tutt'ora organizza importanti gare Elite-Under23 (G.P. Artigiani di Grosso dal 1956 al 2010, Ciriè-Pian della Mussa che quest'anno è giunta alla 53^ edizione), oltre ad altre gare di categorie minori.
Nel 2015 ha ospitato l'arrivo del Giro del Piemonte per professionisti. Da tre anni cura l'organizzazione della tappa di Cantoira del Trofeo Piemonte di ciclocross.

IL GIRO D’ITALIA CICLOCROSS SPOSA CANTOIRA - «Quando i treni passano, in un modo o nell’altro, dobbiamo salire a bordo: l’opportunità di cimentarci in questa nuova ed entusiasmante sfida è una condizione irripetibile – commentano gli amici del GS G. Brunero 1906, che al fianco dell’ASD Romano Scotti stanno concretizzando un impegno che getta le sue radici tanti mesi addietro - Abbiamo accettato questa proposta perché nuova, inedita ed entusiasmante, incuriositi ed allettati dalla possibilità di mettere alla prova le nostre capacità organizzative, grazie al supporto importante e decisivo dell’ ASD Romano Scotti, un’autorità assoluta ed indiscutibile, una vera garanzia di successo all’interno di questo settore». E con questi presupposti il Giro d’Italia Ciclocross non può che apprestarsi a vivere un’altra, intensa, due giorni di festa.

IL GIC TORNA SULLA RAI – Le prime due tappe del Giro d’Italia Ciclocross saranno trasmesse su Rai Sport (canale 58 del DTV) giovedì 22 ottobre a partire dalle 14:30. Per prima andrà in onda la tappa di Ferentino e, subito in coda, quella di Corridonia. Oggi alle 13:15, inoltre, la sintesi delle gare giovanili di Corridonia sarà trasmessa su Bike Channel, canale 214 della Piattaforma Sky.

NECESSARIO L’ACCREDITO PER AREA TEAM - L’organizzazione locale del team G. Brunero 1906 comunica a tutti i team che, trattandosi di una zona di montagna, gli spazi per l’area team, camper e parcheggio saranno ridotti e distribuiti in più zone nelle adiacenze del percorso. Per poter parcheggiare e allestire l’area team sarà necessario prenotare lo spazio, segnalando all’indirizzo team@gsbrunero.it le seguenti informazioni:
- Numero automobili e relativi numeri di targa
- Numero e dimensioni (m x m) di eventuali camper e relativi numeri di targa 
- Numero e dimensioni (m x m) di eventuali furgoni e relativi numeri di targa 
- Numero e dimensioni (m x m) dei gazebo area team
La richiesta va effettuata entro e non oltre le ore 23:59 di martedì 22 ottobre. Il GS G. Brunero 1906 provvederà a registrare le richieste e ad assegnare l’area team. All’ingresso di ciascuna area ci sarà un operatore con l’elenco dei soli team accreditati, per la verifica dei documenti e della targa. Viste e considerate le particolari condizioni del luogo, alle società che non faranno correttamente la richiesta non sarà consentito in nessun modo l’accesso alle aree, pur essendo in possesso del pass verde (area team) del Giro d’Italia Ciclocross.
L’accredito per l’area box va invece richiesto sull’apposita sezione del sito ufficiale entro e non oltre le ore 23:59 di venerdì 25 ottobre. Disponibili anche gli accrediti per la stampa e i fotografi. Gli accrediti saranno consegnati durante la conferenza stampa di sabato 26 ottobre presso il Municipio di Cantoira.

CONVENZIONI ALBERGHIERE – Le convenzioni alberghiere  per la tappa di Cantoira sono disponibili sul sito web dell’ASD Romano Scotti, dove sono anche già pronte quelle per la tappa di Jesolo, l’appuntamento internazionale in programma per venerdì 1 novembre.