Juventus-Cagliari, Allegri non vuole cali di tensione

di NICOLA ZUCCARO - Tornare a vincere in casa, dopo il passo falso contro il Genoa e culminato con l'1-1 risalente a 15 giorni fa e nella settimana che coincide con il 121mo anniversario della fondazione del Club, risalente al 1 novembre 1897.

Un obbligo reso ancor più necessario per la Juventus, a seguito del 5-1 rifilato dal Napoli all'Empoli, nell'anticipo dell'undicesima giornata, disputatosi nella serata di venerdì 2 novembre 2018.

Sconfiggere il Cagliari significherà, per i bianconeri, conservare il +6 di vantaggio, non solo sui partenopei, ma anche sull'Inter. A quest'ultima spetterà l'onore di aprire alle ore 15 al Meazza, contro il Genoa, il blocco del sabato che proseguirà alle 18 con Fiorentina-Roma e che si concluderà alle 20.30 con Juventus-Cagliari allo Stadium di Torino.

Undicesimo turno particolarmente interessante anche per la parte bassa della classifica, con il confronto delle 18 di domenica 4 novembre, tra Bologna e Atalanta. Al Dall'Ara saranno i palio dei punti preziosi per distanziare, oltre all'Empoli, anche il Frosinone (ospite del Parma al Tardini) ed il Chievo che al Bentegodi, sempre alle ore 15 del 4 novembre, cercherà quella vittoria utile, sia per cancellare il -1 che lo vede attuale fanalino di coda, sia per riaprire i giochi della lotta per non retrocedere. 

0 commenti:

Posta un commento