Roma e Napoli, pari amari nel 90mo della A a girone unico

(As Roma)
di NICOLA ZUCCARO - Pareggio dai due volti per Roma e Napoli nella settima giornata del massimo campionato. Allo Stadio Olimpico la Roma, dopo aver terminato il primo tempo in svantaggio, a seguito del rigore trasformato da Joao Pedro per mani di Mancini, pareggia nella ripresa. Dopo l'1-1 arrivato su un autogoal di Ceppitelli, Kalinic vede annullarsi la rete del possibile 2-1 per una spinta a Pisacane. La decisione del direttore di gara provocherà non poche polemiche, dopo il triplice fischio.

Al "Grande Torino" il Napoli non va oltre lo 0-0 contro il Torino. Nel posticipo delle ore 18, i partenopei sono apparsi, agli occhi dello stesso Carlo Ancelotti, poco brillanti e poco coraggiosi a differenza delle prime giornate di campionato. Alla luce di questo pareggio a reti bianche, il Napoli perde i contatti con la vetta della classifica. Quest'ultima è nuovamente occupata dalla Juventus, in virtù del 2-1 con cui ha espugnato il Meazza nel Derby d'Italia con l'Inter e che ha chiuso i battenti del settimo turno, celebrativo il 90mo compleanno della Serie A a girone unico, nata il 6 ottobre 1929.  

0 commenti:

Posta un commento