Uefa, Ceferin: "Se in Italia non si gioca i club giocheranno i preliminari per qualificarsi alle Coppe"


FRANCESCO LOIACONO - Il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin è intervenuto sull’eventuale ripartenza del Campionato di Serie A in Italia. Ha dichiarato: ”Gli organizzatori dei Campionati di Serie A nelle diverse Nazioni in Europa si stanno dotando di protocolli sanitari molto seri, che dovranno essere applicati in modo rigido. Il rischio zero contagi non esiste. Ho molta stima dei calciatori di Serie A in Italia e dei dirigenti italiani, e non credo in un tentativo di boicottaggio del Campionato. La Francia ha agito in modo affrettato. La priorità va alla salute ma noi dobbiamo ripartire. Se il campionato di A non ripartisse, o se si fermasse di nuovo dopo la ripartenza, i club rischierebbero perché le competizioni nazionali e quelle europee sono collegate tra loro, e noi vogliamo in Europa i club che hanno vinto i campionati e le coppe nazionali, qualificandosi con i risultati. Sono questi i valori del calcio e dello sport. Chi si ferma paga le conseguenze. Se i club Italiani non dovessero concludere i campionati, le squadre Italiane dovranno giocare i preliminari per partecipare alle Coppe Europee della prossima stagione. La Champions League e l’Europa League riprenderanno e finiranno ad Agosto. Se un calciatore risulterà positivo al Coronavirus, il campionato dovrà continuare, come hanno deciso in Germania. Per un certo periodo si giocherà a porte chiuse senza spettatori, ma è inevitabile per evitare i contagi del Covid 19. Spero che presto si possano vedere gli spettatori negli stadi, lo vogliamo tutti”.

0 commenti:

Posta un commento