Calcio. Mancini: "Come immagino la ripresa azzurra? Spero che ad ottobre ci siano le condizioni per riaprire gli stadi"

(Ansa)
"Eravamo pronti per tutti. Ogni cosa messa a punto. Non sarebbe stato un girone facile come pensavano tanti e non lo sarà tra un anno" ha dichiarato il ct della Nazionale, Roberto Mancini.

"La Svizzera è storicamente tosta per noi, ha giocatori di qualità che giocano in top club e un bravo ct come Petkovic che ci conosce bene. Ma saremo pronti anche per l’Europeo che verrà. Per ora sono svanite le notti magiche tanto attese ma solo nel senso di stadio pieno, gente in strada, gioia popolare. Eravamo tutti carichi e pronti per viverlo al meglio. Ma, oltre al rammarico, c’era la convinzione che tutto è solo rimandato e arriveremo ancora più pronti per misurarci con le big. Come immagino la ripresa azzurra? Mi auguro che a settembre-ottobre ci siano le condizioni per riaprire gli stadi, per giocare a Milano e fare un allenamento a Bergamo. Per dare una carezza azzurra a due città martoriate dal virus e per trovare il modo di ringraziare medici e infermieri che sono stati eroici nell’emergenza. L’intenzione è di allargare il gruppo recuperando giocatori che sono già stati con noi o aggiungendo giovani, come Scamacca" ha dichiarato ancora Roberto Mancini in un'intervista alla "Gazzetta dello Sport".

0 commenti:

Posta un commento