Visualizzazione post con etichetta Rally. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rally. Mostra tutti i post

Campionato Italiano Formula Challenge: al Napoli Challenge Sarno Francesco Marotta sfiora il podio assoluto


CASARANO (LE) - Francesco Marotta si conferma ancora una volta assoluto protagonista del Campionato Italiano Formula Challenge. Dopo gli ottimi risultati colti nelle prime due gare della serie, il portabandiera della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team ha infatti conquistato un eccellente quarto posto assoluto nella 35esima edizione del Napoli Challenge Sarno, gara disputata lungo il nastro d’asfalto del Circuito Internazionale Napoli, mettendo il terzo sigillo stagionale anche nella graduatoria del Gruppo Speciale Slalom.

Sfruttando al meglio il potenziale della Peugeot 106 16v iscritta in classe S5, preparata da Ferrara Motors e curata nell’assetto con un recente aggiornamento dall’equipe di Angelo Guzzetta, il driver di Cavallino ha condotto una gara magistrale e priva di sbavature in un continuo crescendo, tenendo dietro vetture più performanti ed occupando le posizioni di vertice sin dalle prove ufficiali dove ha fatto registrare il quarto tempo assoluto scendendo sotto il muro del minuto e dieci secondi. Un ritmo elevatissimo mantenuto anche nelle tre le manche di gara con il risultato finale decretato dall’esito degli ultimi due confronti dove ha totalizzato il tempo di 7’05” e 846 millesimi, cogliendo il terzo posto assoluto in gara 2 (ribadendo la prestazione ottenuta nella prima manche) e il sesto in gara tre, facendo segnare proprio nella tornata conclusiva il suo miglior tempo sul giro fermando il cronometro in 1’09”649. Il risultato ottenuto consente a Marotta di incamerare altri 4,5 preziosi punti in ottica campionato (il massimo dato che era l’unico al via in classe S5) e di compiere un ulteriore balzo in avanti in classifica.

La dichiarazione di Francesco Marotta: “Siamo riusciti a mantenere un buon ritmo per tutta la gara e alla fine è venuto fuori un altro bel risultato. Con gli aggiornamenti in termini di assetto la vettura è migliorata moltissimo come del resto testimoniano i tempi realizzati. Peccato per il terzo posto assoluto sfumato nel finale ma obiettivamente era impensabile riuscire a stare davanti alle vetture Sport Prototipi concepite per esprimersi al meglio su questi tracciati. Al di là dei positivi risvolti per il campionato, la classifica finale ci dice che siamo riusciti a stare al passo con vetture nettamente più performanti e questo è il dato più importante e che ci soddisfa maggiormente”.

Nella fotografia allegata: (di ACI Sport) Francesco Marotta su Peugeot 106 16v S5 in azione al 35°Napoli Challenge Sarno.

Il 54° Rally del Salento pronto allo start con 62 auto

LECCE - Manca davvero poco alla partenza della 54esima edizione del Rally del Salento, manifestazione organizzata da Automobile Club Lecce e valida quale seconda prova del Campionato Italiano Rally Asfalto e della Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona. Una sfida che si annuncia spettacolare e di alto livello tecnico e che è entrata nel vivo questa mattina con l’espletamento delle verifiche tecniche tenutesi presso gli ampi spazi del Parco Assistenza allestito presso la Pista Salentina di Torre San Giovanni-Marina di Ugento a cui ha fatto seguito lo shakedown il test con le vetture da gara che si è svolto sul tratto finale della prova speciale di San Gregorio, che verrà poi affrontata dai concorrenti nella giornata di domani.

L’iter burocratico ha fissato in sessantadue il plateau dei partenti, ai quali si andranno ad aggiungere le sei vetture del rally storico. L’elenco degli ammessi al via evidenzia la presenza di tutti gli equipaggi che anche per palmares, sono da annoverare tra i favoriti per la vittoria.

Gli assenti sono i numeri 39 Recchiuti-Lazzarini, 42 De Rosa-De Rosa, 51 De Nuzzo-Passaseo e 72 Garzia-De Mitri. L’equipaggio numero 19 Galleni-Ambrogi utilizzerà al posto della Volkswagen Polo Gti una Peugeot 208 T16 rimanendo in classe R5. Due invece i cambi di classe e riguardano le vetture Racing Start, con il numero 54 Bruno-Della Monaca, che passa in RSTB14 e il numero 58 Fanelli-Bello, che invece transita in RS Plus TB14. Per ciò che concerne la composizione degli equipaggi Giovanni Barbaro sostituirà Fabio Grimaldi sulla vettura numero 21 condotta da Luigi Bruccoleri, mentre Giovanni Mattia Casto detterà le note al posto di Emanuel Politi ad Antonio Dino Palma sulla vettura numero 44. Una sola assenza infine tra le vetture partecipanti al rally storico e riguarda il numero 107 Oliva- Bonafede.

Nel test di stamattina che non ha validità ai fini della classifica, ma che si è reso utile per definire la strategia di gara, i più rapidi sono stati con l’identico tempo Simone Campedelli e GianFrancesco Rappa su Skoda Fabia R5, attuali leader del CIR Asfalto e Corrado Fontana e Nicola Arena su Hyundai NG I20 WRC che hanno coperto i 2,66 chilometri del percorso in 1’43”9 mostrandosi veloci sin dai primi passaggi effettuati.

Il secondo miglior tempo, ad un secondo esatto di distanza, è stato invece quello fatto segnare da Marco Signor e Patrick Bernardi su Skoda Fabia R5, seguiti a 4 decimi dai vincitori dell’edizione scorsa della gara Luca Pedersoli e Anna Tomasi su Citroen Ds3 WRC. Passaggi interessanti anche per le Skoda Fabia R5 di Giuseppe Testa e Doriano Maini con 1’45”6, di Vincenzo Massa e Daniel D’Alessandro e di Francesco Rizzello e Fernando Sorano in ritardo entrambi di un solo decimo dall’alfiere campobassano e per la Volkswagen Polo Gti sempre di classe R5 di Corrado Pinzano e Marco Zegna che ha effettuato il suo miglior passaggio fermando il cronometro in 1’46”0.

In serata, a partire dalle ore 20.15 la manifestazione lancerà la vera sfida sportiva con la disputa della Super Prova Speciale, ricavata sul circuito della Pista Salentina (diretta ACI Sport Tv, canale 228 di Sky e canali social della Federazione a partire dalle 20.50), che determinerà la classifica provvisoria con la quale si andrà al riposo notturno in attesa poi dell’intenso e decisivo programma della giornata di domani. Solo per la prova speciale di questa sera le partenze seguiranno l’ ordine inverso rispetto alla numerazione progressiva stabilita dall’elenco iscritti.

Foto allegata (di M. Bettiol): Simone Campedelli e GianFrancesco Rappa su Skoda Fabia R5

Casarano Rally Team a tutta forza al Rally del Salento

CASARANO (LE) - È da sempre considerata la competizione di riferimento per storia e blasone tra gli appassionati e gli addetti ai lavori pugliesi e anche quest’anno la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team tiene fede a una lunga tradizione che la vuole presente in maniera particolarmente numerosa al Rally del Salento, gara in programma nell’imminente fine settimana e che come accede ormai dal 2018 si corre in abbinata al Rally Storico. Sono 21, quattro in più rispetto all’anno scorso, gli equipaggi che difenderanno i colori della compagine casaranese in quello che è il secondo round a coefficiente 1,5 del Campionato Italiano Rally Asfalto e della Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona.

L’obiettivo è quello di puntare alle zone alte della classifica e di conquistare il maggior numero di successi di classe, ma anche di ben figurare nel contesto della Coppa Scuderie che nelle ultime due edizioni ha visto primeggiare proprio la squadra detentrice del titolo nel CRZ. Ad aprire l’elenco dei portacolori Casarano Rally Team, la coppia formata da Marco Signor e Patrick Bernardi su Skoda Fabia R5, da diversi anni ormai legati alla Scuderia, anche per via di un rapporto di amicizia a e stima reciproca con tutti gli appartenenti alò sodalizio e con la famiglia Carra. Attualmente secondo nel Tricolore Asfalto, l’equipaggio veneto è uno dei candidati al successo assoluto, forte anche delle due vittorie colte sulle stesse strade nel 2014 e nel 2016 e del secondo posto ottenuto tre anni fa, quest’ultimi due risultati colti proprio con i colori della squadra casaranese. Su identica vettura si schierano anche Luigi Bruccoleri e Fabio Grimaldi che hanno scelto di saltare il concomitante Rally del Taro per poter essere presenti al Salento. Una gara che il pilota agrigentino ha dimostrato di gradire, come prova l’ottavo posto assoluto colto lo scorso anno. Per Bruccoleri e Grimaldi vi è anche l’occasione di guadagnare ulteriori punti nella Coppa di Zona che attualmente li vede terzi assoluti dopo la brillante prestazione colta a Casarano. Su Skoda Fabia R5 c’è anche Tommaso Memmi che vanta un quinto posto assoluto al Salento 2012 e che torna alle gare dopo una pausa di sei mesi. Ad affiancarlo il navigatore Campione del Mondo nel 1987 alla destra di Alex Fiorio, Luigi Pirollo. In S1600 Matteo Carra cercherà su Renault Clio e in coppia con Cristian Quarta, di dar seguito alla bella prestazione colta a Casarano, mentre tra le Rally4, tutte Peugeot 208, c’è un poker di presenze con Riccardo Pisacane navigato da GianMarco Potera deciso a confermare quanto di buono espresso nella prima del CRZ che gli è valsa il settimo posto assoluto, il successo di classe e il primato tra le due ruote motrici. Ma c’è anche Antonio Faiulo, secondo di categoria a Casarano e che qui si presenta affiancato da Paolo Garofalo. E proprio questi ultimi tre piloti citati costituiscono l’arma d’assalto della squadra alla classifica Under 25. Altro pilota attesissimo al via in questa classe è Mauro Longo in coppia con il cugino Cosimo che cercherà di sfruttare al meglio il “fattore campo” per riscattare la sfortunata prova del Valli Ossolane.

La quota rosa è garantita dalla presenza della giovanissima Sara Carra, protagonista quest’anno, grazie ad ACI Team Italia del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior e che è l’unica tra i quattro rappresentanti della squadra a utilizzare la vettura nella versione aspirata. Con lei in abitacolo Lorenzo Mezzina, l’obiettivo è quello di ben figurare nel confronto di categoria, di guadagnare punti nella classifica femminile del CRZ, ma anche di fare esperienza in vista degli impegni futuri. In classe A7 su Renault Clio Williams si schiera il pilota di Fondi Fortunato Di Fonzo, detentore del titolo di categoria nella Coppa di Zona che in coppia con Venanzio Aiezza farà il suo debutto sulle strade salentine. Altra presenza titolata in classe A6 con Luca Finguerra e Cosimo Antonio Sergi che su Opel Corsa Gsi 8v andranno alla ricerca di punti preziosi utili a fine stagione per confermarsi vincitori del titolo di zona.

Trittico di presenze in N3, tutti al volante di Renault Clio Rs, con Michele Campagna in coppia con Fabrizio Mallozzi che punta dritto alla rivincita dopo le tante e sfortunate apparizioni in terra leccese. Mirano ad archiviare in fretta il ritiro subito a Casarano, mentre erano al comando della classe, anche Michele Serafini e Massimo Sansone, mentre Andrea Pisacane ed Enrico Lenti sono decisi a dar seguito alla splendida vittoria colta nell’appuntamento d’apertura del CRZ, ma anche a dire la loro nella classifica Under 25. Due i binomi al via su Peugeot 106 in classe N2, con Paolo Garzia ed Erica de Mitri che puntano alla vittoria, ma come è nelle loro possibilità anche ad un buon piazzamento nella classifica di gruppo. Mentre Emanuele Guida e Mirko Valente sono desiderosi di riscattare il ritiro subito nell’edizione dello scorso anno. In classe Rally5 è presente l’altro pilota salentino che insieme a Sara Carra è inserito nel progetto giovani della Federazione Sportiva ACI, Guglielmo De Nuzzo che in coppia con Gabriele Passaseo utilizzerà una la Renault Clio RSR, vettura simile a quella che ha in uso quest’anno nel Tricolore Junior.

In Racing Start sono quattro i portacolori al via con Antonio Dino Palma ed Emanuel Politi su Citroen Ds3 TB 16 Plus, che disputeranno per la prima volta il Rally del Salento e che saranno chiamati anche loro a riscattare il ritiro subito a Casarano mentre erano al comando della classe. Obiettivo simile anche quello a cui puntano tra le Plus 16 Daniele Ferilli e Silvia Vincenti su Citroen Saxo Vts, vettura simile ma in conformazione RS16 a quelle in dotazione a Marco De Mitri e Lorenzo Torsello, vincitori di categoria a Casarano e a Danilo Memmi che dopo le esperienze con lettura e quaderni note e qualche sortita in pista, farà il suo esordio nei rally con a fianco Luigi Antonio Mastrogiovanni. A chiudere il corposo elenco della rappresentativa casaranese i fratelli Fioravante e Graziano Totisco che prenderanno parte a bordo di una Opel Manta 200 del 1984 iscritta nel 4°Raggruppamento. al 4°Rally Storico del Salento.

Nella fotografia allegata (di Leonardo D’Angelo): Marco Signor e Patrick Bernardi su Ford Fiesta Rs WRC, secondi assoluti i colori Casarano Rally Team al 52°Rally del Salento.

Casarano Rally Team: un Rally Adriatico tra luci ed ombre


CASARANO (LE) - Una trasferta tra luci e ombre quella appena archiviata dagli equipaggi portacolori della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team, reduci dal 29°Rally Adriatico, secondo appuntamento, del Campionato Italiano Rally Terra e del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior. Soltanto due dei tre equipaggi al via sono riusciti a salire sulla pedana d’arrivo. Nella serie tricolore dedicata ai giovani Under 27 inseriti nel progetto ACI Team Italia, che si corre utilizzando le Renault Clio RSR di classe Rally5 fornite da Motorsport Italia, il casaranese Guglielmo De Nuzzo in coppia con il cuneese Fabio Grimaldi, ha concluso la gara al quinto posto. Un risultato soddisfacente dato che era al suo quarto rally su terra e che il confronto lo vedeva opposto a piloti che vantano maggiore esperienza sia sul fondo a scarsa aderenza che con la vettura. Buoni i tempi in avvio, poi la particolarità dello sterrato con la ghiaia che non gli ha trasmesso la giusta dose di fiducia e un velo di sfortuna con un problema ai freni, lo hanno spinto ad avere un atteggiamento intelligentemente conservativo per non incappare in facili errori. In classifica assoluta ha chiuso al 34esimo posto e al quinto di classe. Per effetto di questo risultato l’alfiere salentino guadagna una posizione salendo al quinto posto nella graduatoria di Campionato.

Positivo anche se per certi versi sofferto l’esordio sulla terra dell’altro portacolori Casarano Rally Team schierato nel Tricolore Junior, ossia la giovanissima casaranese Sara Carra che ha corso in coppia con il messinese Giovanni Barbaro e che ha ultimato la gara all’ottavo posto. Un approccio con lo sterrato come logico che fosse molto prudente il suo, considerato anche il fatto che era alla sua seconda gara con la milletre turbo e che ha avuto il suo bel da fare anche nel tentare di indovinare la giusta tipologia di pneumatici per affrontare le velocissime speciali marchigiane. Malgrado le difficoltà, la detentrice del titolo Femminile in Settima Zona è riuscita in qualche occasione a migliorare i propri tempi parziali, ma ciò che conta è anche l’aver accumulato esperienza su un fondo a lei sconosciuto fino alla vigilia e per di più in una gara dal percorso tecnico e insidioso. In termini assoluti ha tagliato il traguardo in 52esima posizione, cogliendo anche il decimo piazzamento di classe e il sesto tra gli Under 25. Un risultato che gli permette di muovere anche la sua classifica nello Junior, visto che guadagna altri 3 punti ed è ora nona.

Amaro ritiro invece per il folignate Christian Gabbarini navigato dal ferrarese Alessandro Forni in gara nell’Italiano Terra. Mentre era in piena bagarre per il primato tra le N4, ha commesso un piccolo errore sulla ps5 arrivando troppo forte su una sinistra due e impattando con un terrapieno. I danni riportati dalla sua Subaru Impreza Wrx Sti non gli hanno consentito di proseguire la gara.

Nella fotografia allegata: (di PhotoZini) Guglielmo De Nuzzo e Fabio Grimaldi su Renault Clio RSR di Classe Rally5 in azione al 29°Rally Adriatico.

Il CIR Asfalto verso il secondo round. Chiudono mercoledì le iscrizioni al Rally del Salento 2022


LECCE - Ultima settimana di attesa per poter leggere l’elenco iscritti del 54°Rally del Salento e di essi poi ammirare le performance su strada. In programma nei giorni di venerdì 27 e sabato 28 maggio, la manifestazione organizzata da Automobile Club Lecce e che gode del Patrocinio del Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Presidente della Giunta Regionale, della Provincia di Lecce - Salento d’Amare e del Comitato Regionale del CONI Puglia, è ormai alle battute finali di quella che è la prima fase della kermesse, quella per certi versi determinante, dedicata al periodo entro il quale possono essere accettate le domande di partecipazione. Sono infatti queste le ultime ore in cui si potrà aderire alla chiamata degli organizzatori, con il termine ultimo per l’inoltro della richiesta fissato per le ore 24 di mercoledì 18 maggio. Data limite anche per poter perfezionare l’iscrizione al nuovo Campionato Italiano Rally Asfalto, serie tricolore nata dall’evoluzione di quello che fino al 2021 era il Campionato Italiano WRC di cui la gara è la seconda prova, la prima a coefficiente di moltiplicazione del punteggio di 1,5 e che quindi rilancerà la sfida tra i migliori interpreti della massima serie tricolore su asfalto.

Il 54°Rally del Salento aprirà infatti la fase calda della stagione non solo perché si va verso l’estate, ma anche perché dopo il Rallye Elba, la situazione è destinata a farsi più incandescente con l’appuntamento salentino in particolare che si appresta a recitare un ruolo chiave in ottica campionato, dove i punti acquisiti o persi cominceranno a far sentire il proprio peso. Chi sarà competitivo sulle selettive arterie del Capo di Leuca potrebbe seriamente candidarsi a rivestire ruoli di primo piano in vista della parte centrale della stagione.

Nel mirino di tutti ci sarà Simone Campedelli su Skoda Fabia R5, leader provvisorio del tricolore dopo il perentorio successo sull’isola Napoleonica dello scorso mese e reduce nel fine settimana appena passato dal quinto posto colto in rimonta alle Canarie nel terzo appuntamento dell’Europeo, il contemporaneo fronte d’impegno in questa stagione del romagnolo e che in terra leccese manca dal 2017. A spodestarlo ci proveranno Marco Signor anche lui su Skoda Fabia che con il Salento ha sempre avuto un ottimo feeling, testimoniato tra l’altro dai due successi colti nel 2014 e nel 2016 e che nella prima di campionato è stato autore di una seconda parte di gara di alto profilo con due successi in prova che lo hanno portato a concludere la gara in seconda posizione e Corrado Fontana che invece in Puglia con la sua Hyundai NG I20 ha trionfato nel 2019 e che è deciso a tenere alto l’onore delle vetture WRC, riscattando anche la prestazione sotto le aspettative dell’Elba. Sono attesi a una prova di forza anche Andrea Carella e Giuseppe Testa, anche loro su Skoda Fabia R5 con il piacentino secondo al Salento lo scorso anno e che all’Elba è stato rallentato nel finale da una non facile lettura del fondo, reso viscido dalla pioggia e che lo ha portato a concludere sul terzo gradino del podio e con il molisano che invece al Salento 2021 fu costretto al ritiro quasi immediato per una toccata e che nella gara d’apertura della stagione ha chiuso quinto, anche lui alle prese con la complicata interpretazione del fondo. Non saranno certamente da meno Corrado Pinzano su Volkswagen Polo Gti R5 che all’Elba a suon di ottimi tempi ha chiuso quarto vincendo anche una speciale e mancando il podio per due secondi e mezzo e Alessandro Gino sul terzo gradino del podio lo scorso anno al Salento e settimo all’esordio sulla Hyundai I20 R5 all’Elba. Ad un pronto riscatto, dopo una prima di campionato non proprio soddisfacente, sono attesi anche Ivan Ferrarotti e Vincenzo Massa su Skoda Fabia R5 con il reggiano che ha chiuso dodicesimo, mentre il frusinate all’esordio sulla vettura ceca è stato costretto al ritiro e Stefano Liburdi e Roberto Vescovi alle prese entrambi con una sintonia con la nuova vettura, la Hyundai I20 R5 per il laziale, e la Skoda Fabia R5 per l’emiliano, ancora da perfezionare.

Chiaramente a questi nomi potrebbero aggiungersi altre new entry proprio in virtù del fatto che le iscrizioni al campionato sono ancora aperte. Alta la probabilità di rivedere nella serie e quindi a partire dal Rally del Salento il bresciano Luca Pedersoli su Citroen Ds3 WRC, vincitore della gara lo scorso anno e campione Italiano WRC nel 2014 e nel 2019 e che nel fine settimana che ci siamo appena lasciati alle spalle ha trionfato al Rally di Piancavallo.

Come ormai tradizione la gara si svolgerà in concomitanza con il Rally Storico del Salento giunto alla quarta edizione e che avrà le stesse modalità e gli stessi termini di iscrizione del rally valido per il CIR Asfalto.

Tutte le informazioni con aggiornamenti continui sul sito www.rallydelsalento.eu.

Foto allegata (di M.Bettiol): Simone Campedelli (attuale leader del CIR Asfalto) e Pietro Ometto su Ford Fiesta R5 secondi assoluti al 50°Rally del Salento.

La Casarano Rally Team all’assalto del Rally Targa Florio


CASARANO (LE) - Sarà un altro weekend a tinte tricolori quello che attende la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team sugli asfalti siciliani della 106esima edizione del Rally Targa Florio, una della gare con più fascino e storia, in programma sulle colline della Madonie e valida quale terza prova del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e come round d’apertura della Coppa Rally ACI Sport di Ottava Zona con coefficiente 2. Due distinte parentesi agonistiche di assoluto rilievo e nelle quali la squadra salentina diretta da Pierpaolo Carra troverà degna rappresentanza.

Nel contesto della gara valevole per il massimo campionato tricolore di specialità la compagine casaranese schiera il trentaduenne di Polizzi Generosa PinoPic, all’anagrafe Giuseppe Picciuca, al suo quarto impegno stagionale, il terzo nel giro di un mese e che sulle strade di casa ritrova la Skoda Fabia R5 (by Step Five Motorsport) che aveva già utilizzato nel 2020 e che è diventata la fedele compagna di avventura di questa stagione. L’imprenditore palermitano alla sua settima partecipazione alla corsa più antica del mondo, cercherà di conquistare un risultato di rilievo, dando così seguito al brillante cammino di questa annata sportiva iniziato con il terzo posto assoluto colto al Rally di Cefalù e proseguito prima con un piazzamento nei primi quindici sugli sterrati del Città di Foligno e poi con l’ottimo sesto posto ottenuto al termine di un grande recupero al recente Città di Casarano. Quarta gara stagionale dicevamo e quarto navigatore diverso, una scelta non condizionata da particolari esigenze o da fattori d’intesa di abitacolo, bensì da un discorso di disponibilità da parte dei secondi conduttori. Così a condividere con lui questa esperienza ci sarà il trentottenne cuneese Francesco Pezzoli, lo scorso anno a fianco di Marco Signor nel massimo campionato tricolore e che vanta in carriera due vittorie assolute, una proprio lo scorso anno, la Ronde del Canavese accanto al forte pilota veneto e l’altra nel 2015, il Rally di Alba alla destra di Luca Betti.

Due invece le presenze nella gara valida per la Coppa di Zona che vedrà il rientro nelle competizioni agonistiche dopo tre anni di stop di Dino Nucci, driver che vanta in carriera tantissimi secondi posti assoluti. Il quarantasettenne agrigentino, guiderà per la prima volta la Skoda Fabia R5 che la DGR Sport gli metterà a disposizione, una vettura con la quale punterà a veleggiare nelle zone alte della classifica assoluta e a conquistare un nuovo risultato di rilievo. Obiettivi non certo facili, tenuto conto del lungo periodo di inattività, di un feeling tutto da costruire con la vettura, ma anche del fatto che la gara si corre su strade a lui sconosciute, visto che la sua ultima partecipazione al Targa risale al 2016 e si è corsa su un itinerario diverso da quello che si troverà ad affrontare in questa edizione. Al suo fianco in abitacolo a formare una coppia finora inedita, siederà il conterraneo Ivan Carmelo Rosato, recentemente nominato Presidente della Commissione Sportiva dell’Automobile Club Agrigento e vincitore nel 2019 del Rally dei Templi a fianco di Alfonso Di Benedetto.

Altro pilota che cercherà di inserirsi nelle posizioni nobili della classifica assoluta è il palermitano Placido Palazzo, sempre protagonista nelle alte sfere della graduatoria della classe S1600 ma anche dell’assoluta come dimostrano i podi conquistati al Rally Valle del Sosio e i piazzamenti da top five nelle ultime due edizioni sempre nella sezione CRZ del Targa Florio. Anche per il cinquantenne di Bisacquino, lo scorso anno secondo di classe S1600 nella Coppa di Zona di categoria, la gara coinciderà con un cambio di vettura. Sarà infatti al volante della Peugeot 207 S2000 preparata da BR Sport. Al suo fianco torna dopo la parentesi del Rally Valle del Sosio dello scorso anno, il trentenne di Chiusa Sclafani Giuseppe Di Benedetto.

La gara scatterà nel pomeriggio di venerdì 6 maggio con le prime tre prove speciali. L'indomani, invece, prevista la disputa dei rimanenti nove tratti cronometrati a coprire una distanza di oltre 125 km sui complessivi 585. Ridotto, invece, il chilometraggio della gara valida per la Coppa di Zona che sarà concentrato nella sola giornata del sabato e prevede la disputa di 6 prove speciali. Partenza e arrivo a Termini Imerese.

Nella fotografia allegata: (di Top Video by Lello Abate) PinoPic in coppia con Massimo Iguera su Skoda Fabia R5 in azione al recente 28°Rally Città di Casarano.

Casarano Rally Team: il Rally Valli Ossolane apre la stagione sportiva di Mauro Longo


CASARANO (LE) - Dopo mesi di attesa inizia finalmente la stagione sportiva di Mauro Longo, il ventiseienne driver salentino che nelle poche gare disputate in cinque anni di carriera si è spesso imposto all’attenzione come uno tra i più veloci e redditizi. Supportato dalla Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team che si conferma una delle più attive squadre italiane, il pilota di Corsano affronterà questo fine settimana la trasferta nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola dove è in programma il 58°Rally Valli Ossolane, gara d’apertura della Coppa Rally ACISport di Prima Zona, serie che Longo disputerà con l’intento di ben figurare nella classifica riservata alla classe Rally4. L’alfiere salentino infatti guiderà la Peugeot 208 in versione 1.2 turbocompressa messagli a disposizione da Miele Racing. Per lui sarà una triplice prima esperienza visto che sulla vettura ci è salito solo per un breve test conoscitivo nei giorni scorsi, che la gara, una delle più longeve del panorama rallystico nazionale, non l’ha mai disputata prima e che al suo fianco avrà per la prima volta il cugino Cosimo. E proprio al navigatore, anche lui corsanese ma residente per esigenze di lavoro in provincia di Asti. si deve la definizione del programma sportivo che oltre al campionato d’area, li vedrà lottare anche nel R Italian Trophy e nella Michelin Zone Rally Cup.

Il commento di Mauro Longo “Abbiamo fatto tanto per riuscire ad imbastire questo programma e devo ringraziare Cosimo e tutti gli sponsor che ci hanno dato supporto. L’idea è stata quella di fare esperienza e di confrontarci in un contesto di gare che per tipologia di strade sono totalmente diverse da quelle a cui noi salentini siamo abituati. Ho davvero voglia di rimettermi al volante, anche se i primi chilometri serviranno per ritrovare i meccanismi di guida a bordo di una vettura estremamente professionale come la 208 Rally4. Nella giornata di mercoledì abbiamo svolto una sessione di test che ci ha permesso di fare la prima conoscenza con la vettura. Abbiamo cercato di individuare il miglior set up possibile e ora speriamo in un buon risultato. Certo per noi sarà una gara difficile anche per via dei tantissimi avversari presenti nella nostra classe. La Coppa di Zona e i trofei ad essa collegati sono sempre molto ambiti. Confido comunque nell’esperienza e nei consigli di Cosimo che qui ha più volte corso e che sarà per me un validissimo aiuto nel superare le difficoltà di questa gara”.

Il programma di manifestazione con partenza e arrivo da Malesco, prevede per sabato 30 aprile la disputa delle prime due prove speciali, Crodo-Mozzio e Domobianca 365. Domenica gli altri 5 settori competitivi, si transiterà due volte sulla Valle Vigezzo e sulla Cannobina e una volta sulla Crodo-Mozzio. In totale la gara misura 371,58 chilometri, 71,90 del quali andranno a coprire la distanza cronometrata.

Nella fotografia allegata: (di U.S. Casarano Rally Team) La Peugeot 208 Rally4 che Mauro e Cosimo Longo utilizzeranno in gara, immortalata in un momento di pausa del test pre-gara svolto in provincia di Cuneo.

Sfiorate le 90 presenze alla 28esima edizione del Rally Città di Casarano


CASARANO (LE) – Due giorni di gara, sette impegnative prove speciali e 87 iscritti. Ecco il biglietto da visita del 28°Rally Città di Casarano, in programma per questo fine settimana sulle strade del Capo di Leuca e che andrà a inaugurare l’edizione 2022 della Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona.

La gara è sempre molto attesa, l'interesse e l’affetto da parte dei praticanti e degli addetti ai lavori si è mostrato forte anche quest’anno. Un fermento che si è tradotto in un elenco iscritti di alto livello e di grandi numeri e che ha raggiunto quota 87, otto in più rispetto all’edizione scorsa, il più alto numero di iscritti registrato negli ultimi dodici anni e che porta quest’edizione ad essere la terza più partecipata in 28 anni di disputa. Tradotto in parole, un successo considerando anche il non facile periodo storico che il mondo sta attraversando. Grande soddisfazione nello staff organizzativo della Casarano Rally Team, che da sempre lavora con impegno e passione per realizzare annualmente un evento sportivo finalizzato anche ad essere parte integrante del territorio e che quindi favorisce la promozione dei luoghi che attraversa.

Partenza da Casarano, dalla pedana allestita in Piazza San Domenico alle 16.01 di sabato 23 aprile con arrivo del primo concorrente alle 18.25 del giorno seguente. Tre i tracciati che ospiteranno le sette prove speciali (Cardigliano, Miggiano e Torre Vado) a coprire una distanza cronometrata di poco superiore ai 62 km sui circa 300 complessivi.

Il parco partenti promette sicuro spettacolo con la sfida ai massimi livelli tra le top car dei rally moderni, le R5, undici al via con dieci Skoda Fabia e dove spiccano i nomi dei primi tre classificati nella Coppa di Zona dello scorso anno, nell’ordine Carmine Tribuzio, Maurizio Di Gesù e Gianluca D’Alto, ma anche quelli di Giuseppe Bergantino, vincitore due settimane fa al Rally Costa del Gargano, di Fernando Primiceri, primo all’Event Show Pista Salentina del mese scorso, di Luigi Bruccoleri, splendido secondo assoluto lo scorso anno e di Francesco Rizzello, il driver che vanta il maggior numero di successi in gara, ben 7. Osservati speciali saranno anche “PinoPic”, sesto assoluto lo scorso anno, Enrico Girardi che torna a Casarano dopo diversi anni di assenza e che ha all’attivo un secondo e un quarto posto, Nicola Fiore, veloce driver pistoiese alla sua prima presa di contatto con le impegnative speciali salentine e Mauro Santantonio, l’unico della pattuglia al via su una Peugeot 208 T16, deciso a continuare la crescita prestazionale già mostrata nelle ultime sue uscite. In S2000 presenti Alessio De Santis, detentore del titolo di categoria nella Coppa di Zona e Gabriele Passaseo, che torna al volante dopo la vittoria assoluta colta lo scorso anno al fianco di Guglielmo De Nuzzo. In gara anche Claudio D’Amico su Lancia Delta Hf, unico presente in A8, mentre tra le S1600, tutti su Renault Clio, si ripropone la sfida già vista un anno fa tra Massimo De Rosa, Federico Petracca e Antonio Trotta a cui si aggiungono Matteo Carra, primo a partire tra gli Under 25 e che ha sete di riscatto dopo l’amaro ritiro dello scorso anno e Gianluca Lecci. Grande interesse anche per diversi altri nomi tra cui Giorgio Liguori, vincitore nel 2021 della Coppa di Zona e della Finale Rally Cup Italia per la classe N3, che cambia classe e vettura salendo su una Renault New Clio Sport di classe R3 e per alcuni protagonisti della Rally4, la classe più numerosa con i suoi 13 iscritti e dove vanno evidenziati i nomi di Gianni Stracqualursi, detentore del titolo di categoria nel CRZ, Riccardo Pisacane in lotta fino all’ultimo lo scorso anno per il titolo di N3 e che è anche un indiziato per il successo in gara tra gli Under 25, poi Antonio Faiulo e a completare l’elenco delle Peugeot 208 sovralimentate i due molisani Riccardo Di Iuorio e Martina Iacampo. Tra le aspirate invece c’è Sara Carra inserita quest’anno nel progetto ACI Team Italia grazie al quale prende parte al Campionato Italiano Assoluto Rally Junior e che oltre a contendere il successo nel femminile alla campobassana, punta come già accaduto lo scorso anno a esprimersi su ottimi livelli anche nella classe, Gabriele Recchiuti protagonista lo scorso anno tra le R2 nel Tricolore WRC, Fabio Solitro, altro driver inserito nel Progetto Giovani dell’Automobile Club d’Italia al seguito del CIAR Junior e Mattia Mele atteso al salto di categoria dopo gli anni trascorsi in Racing Start. In A7 oltre a Fernando De Rosa su Renault Clio Williams, terzo di classe nel 2019, spicca il nome di Fioravante Totisco, gentleman della vecchia scuola casaranese che si rimette in gioco, per puro divertimento, dopo aver disputato la sua ultima gara nel 1988. Guiderà affiancato dal fratello Graziano, la sua Opel Manta 400, una vettura simile a quella che gli ha permesso di sfiorare il successo assoluto nel 1986. In A6 presente su Opel Corsa Gsi Luca Finguerra, vincitore della Coppa di Zona di categoria lo scorso anno. Mentre in N3 sfida aperta tra le Renault Clio Rs di Emiliano Martina, Michele Campagna, Michele Serafini, Paolo Guerra e del giovane Andrea Pisacane. In N2 invece come sempre occhi puntati su Paolo Garzia su Citroen Saxo. Nutrita come accade da diversi anni la schiera dei presenti in Racing Start. Tra le Plus in versione turbo i nomi da tenere in considerazione sono quelli tra le 1.6 di Antonio Dino Palma su Citroen Ds3 e tra le 1.4 di Nunzio Fanelli su Abarth 500 e di Gabriele Bruno su Fiat Grande Punto, detentore del titolo di categoria nel CRZ. Tra le aspirate invece c’è tra le 2.0 Marco Mariani su Renault New Clio Sport, anche lui detentore del titolo di categoria nella Coppa di Zona, tra le 1.6 Daniele Ferilli su Citroen Saxo e Simone Faiulo e Antonio Passaseo su Citroen C2, tra le 1.4 invece è presente Antonio Branca su Peugeot 106. Tra le altre Racing Start, in RS 2.0 c’è Francesco Lacatena su Renault Clio, in RS 1.6 Marco De Mitri e Luca Sarcinella su Citroen Saxo e Pierpaolo Calò e Gianfranco Manco su Peugeot 106. Con la Suzuki Swift Sport invece si schiera il detentore del titolo di categoria nel CRZ Flavio Bagnoli. Una nota anche per l’equipaggio ultimo a partire composto da due amici navigatori Marco Agagiù e Antonio Lifonso in gara su una Peugeot 106 di classe RS1.4.

Tutti i dettagli del 28°Rally Città di Casarano, l’elenco iscritti e il programma di gara sono visibili on line; sito: www.casaranorallyteam.it.

Foto allegata: (di Leonardo D’Angelo) Rally Città di Casarano 2019 Giuseppe Bergantino e Massimo Sansone su Ford Fiesta St di classe R5.

Casarano Rally Team prima tra le Scuderie a Foligno, a Silvestri il titolo di Raggruppamento nel Raceday


CASARANO (LE) - Si è concluso con un esito più che positivo l’intenso weekend di gare che ha visto impegnata su tre diversi fronti la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team. Un fine settimana che ha regalato alla compagine diretta da Pierpaolo Carra, grazie al duo composto da Emanuele Silvestri e Andrea Guerretti, il primo titolo stagionale ossia la vittoria di Raggruppamento C nel Challenge Raceday Rally Terra, la serie riservata agli amanti dei fondi a scarsa aderenza che ha chiuso la sua quattordicesima stagione con la disputa in provincia di Perugia del 1°Rally Città di Foligno. L’equipaggio romano-fiorentino ha cosi bissato il titolo colto sempre con i colori della squadra salentina nell’edizione precedente. Un titolo arrivato all’ultima gara, dopo una rincorsa durata un’intera stagione complice il ritiro avvenuto nella prova d’apertura il Rally delle Marche disputato a ottobre. Dalla gara seguente Silvestri e Guerretti non hanno sbagliato un colpo centrando tre successi in altrettanti appuntamenti e andando a bersaglio anche nelle power stage. Non era facile confermarsi, sia perché di fronte c’era una concorrenza qualificata, ma anche perché la coppia aveva cambiato vettura e categoria, passando dalla Mitsubishi Lancer Evo di classe N4 alla Citroen DS3 e alla Ford Fiesta (utilizzata a Foligno) di classe N5 Nazionale fornite dalla Power Brothers dei fratelli Colonna, vetture che si sono dimostrate altamente competitive e affidabili. Sugli sterrati tra Foligno e Nocera Umbra, l’equipaggio Casarano Rally Team ha fornito l’ennesima prestazione di livello, soffrendo in avvio per il fango e per la conseguente errata scelta di gomme per poi inanellare quattro vittorie di raggruppamento, coronate dal nono posto assoluto colto sulla ps4 che hanno di fatto sancito il recupero in classifica, la vittoria in gara e quindi la conquista del titolo. La classifica finale assoluta ha visto Silvestri e Guerretti concludere la competizione umbra al dodicesimo posto, ottavo tra gli iscritti al Raceday e ai vertici della N5. Ma le soddisfazioni per la Casarano Rally Team in quel di Foligno non si sono limitate alla riconferma del titolo nella serie sterrata. La squadra ha infatti colto anche la vittoria nella speciale classifica riservata alle scuderie. Merito, oltre che di Silvestri-Guerretti, delle belle prestazioni colte da “PinoPic navigato per la prima volta dall’esperto Gianfranco Rappa e da Christian Gabbarrini con alle note Alessandro Forni. Il pilota di Polizzi Generosa, alla sua seconda gara su terra, la prima a bordo Skoda Fabia di classe R5 preparata da DGR Sport ha stupito per gli ottimi tempi che lo hanno portato ad occupare per due terzi di gara l’undicesima posizione assoluta firmando la top ten sulla ps3. Purtroppo il peggioramento delle condizioni del manto stradale hanno spinto l’equipaggio siciliano ad adottare nel finale un atteggiamento più conservativo finalizzato a portare a termine la gara e ad accumulare ulteriore esperienza su questo tipo di fondo. Hanno chiuso la gara in quindicesima posizione assoluta, quattordicesima di classe. Molte erano invece le aspettative della vigilia per la performance di Gabbarrini che si presentava al via della gara di casa utilizzando per la prima volta la Mitsubishi Lancer Evo9 di classe N4 preparata anch’essa da Power Brothers. Dopo un promettente avvio con la vittoria di raggruppamento nella speciale d’apertura, il driver folignate è rimasto vittima della sfortuna con la vettura che ha accusato un vistoso calo di potenza dovuto a un problema al sistema di sovralimentazione. Un inconveniente che si è protratto per tutta la gara e che inevitabilmente ne ha condizionato le prestazioni. Sull’ultima ps quando mancavano poco più di 500 metri al traguardo, la turbina è esplosa costringendo Gabbarrini e Forni a procedere con un andatura sotto i 30 km/h. Alla fine, seppur con tanta fatica, l’equipaggio umbro-emiliano è riuscito a raggiungere la pedana d’arrivo di Piazza della Repubblica in diciassettesima posizione assoluta (seconda di classe N4, terza di Raggruppamento C e decima tra gli iscritti al Raceday) accolto da un bagno di folla di tifosi, amici e sostenitori. Uno scenario inatteso e che ha particolarmente emozionato il pilota di casa.

Ampie soddisfazioni sono anche arrivate dall’edizione d’esordio del Rally Costa del Gargano disputato sulle strade dell’omonimo promontorio, dove l’equipaggio composto da Gianluca D’Alto e Mirko Liburdi, alla guida della Skoda Fabia R5 preparata e gestita dalla pistoiese Autosole 2.0, ha colto il secondo posto assoluto. Un risultato che non è mai stato in discussione e che la coppia campano-laziale ha legittimato con una condotta di gara costante e accorta, anche se finalizzata essenzialmente alla preparazione del Rally Città di Casarano, gara che tra due settimane aprirà la Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona, serie che l’equipaggio Casarano Rally Team ha fatto propria nel 2019.

Meno esaltante dal punto di vista dei risultati ma estremamente formativa dal punto di vista dell’apprendimento e dell’esperienza si è invece rivelata la trasferta ligure in occasione del 69°Rallye Sanremo, secondo atto della massima serie tricolore e prova d’apertura del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior, serie nella quale la formazione casaranese schiera quest’anno il tandem Sara Carra-Giovanni Barbaro e Guglielmo De Nuzzo-Fabio Grimaldi che hanno esordito alla guida delle nuove Renault Clio RSR di classe Rally5 messe a disposizione da Motorsport Italia attraverso ACI Team Italia, il progetto giovani promosso dalla Federazione Sportiva ACI. I due equipaggi hanno sfruttato questo primo atto del tricolore Junior, rivelatosi particolarmente insidioso, per instaurare il miglior feeling con la “milletre” della casa francese. De Nuzzo ha concluso la gara al sesto posto tra gli Junior, giungendo ventitreesimo assoluto anche se può recriminare per una pietra in traiettoria che sulla ps7 gli ha causato una leggera toccata, episodio che in termini di classifica gli ha fatto perdere due posizioni. Sara Carra ha invece concluso le sue fatiche giungendo ottava tra gli junior, prima in solitaria nel Femminile, undicesima tra gli Under 25 e trentacinquesima assoluta.

Nella fotografia allegata: (di PhotoZini) Emanuele Silvestri e Andrea Guerretti su Ford Fiesta N5 Naz. sul palco d’arrivo del 1°Rally Città di Foligno

La Casarano Rally Team con Luigi Bruccoleri nell'International Rally Cup

(ph: L.De Marianis)

CASARANO (LE) - Luigi Bruccoleri è pronto ad affrontare una stagione 2022 di forte impatto. Il pilota siciliano, da anni protagonista sulla scena nazionale, dopo la significativa esperienza da scalatore e da pistard, conferma la sua ispirazione da rallysta, gettando le basi per un’annata di grande impegno ed allo stesso tempo in grado di fornire ampie soddisfazioni. L’alfiere agrigentino, reduce da una stagione 2021 che lo ha visto sempre tagliare il traguardo nelle cinque gare disputate, cogliendo anche importanti risultati come il secondo posto assoluto al Rally Città di Casarano, ha programmato la sua partecipazione all’International Rally Cup, serie al suo ventunesimo anno di disputa, strutturata su quattro appuntamenti il primo dei quali è previsto nell’imminente fine settimana con la disputa in provincia di Grosseto del 46°Trofeo Maremma. Difenderà i colori della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team, consolidando così un reciproco rapporto di fiducia, stima, collaborazione e amicizia anche extra sportiva, iniziato da oltre un anno.

La vettura con cui correrà Bruccoleri, tanto in questa occasione, quanto nelle gare successive del campionato, è la Skoda Fabia R5 preparata da Step Five Motorsport, squadra capitolina con cui collabora con forte soddisfazione da alcuni anni. L’obiettivo è quello di ritagliarsi uno spazio di rilievo nella serie dedicata ai rally tricolori su asfalto a tipologia internazionale. Le premesse per ben figurare ci sono, anche se bisogna comunque tener conto che per il trentottenne siculo si tratta di gare alle quali parteciperà per la prima volta. Un contributo importante per la ricerca dei migliori risultati arriverà dall’esperienza e dalla professionalità della sua nuova compagna d’abitacolo, la navigatrice veneta Cristina Caldart.

“Sarà un’incognita completa – commenta Luigi Bruccoleri – mi affaccio per la prima volta in questo campionato e in gare a me del tutto sconosciute. Il contesto è molto impegnativo per l’alto livello dei concorrenti al via. Strada facendo vedremo cosa succederà, sono comunque fiducioso. Confido sulla buona conoscenza della vettura con la quale ho avuto sempre un buon feeling per far bene e per raggiungere il miglior risultato possibile”.

Per quanto riguarda la competizione di questo fine settimana con partenza e arrivo da Follonica, sabato nel pomeriggio andranno in scena le prime due prove speciali (Gavorrano di 8,04 km da ripetere due volte), mentre il clou è previsto per la giornata successiva con i restanti sei tratti cronometrati (triplice transito sulle prove di Tatti di 14,93 km e di Montieri di 11,17 km).

Casarano Rally Team attesa a un doppio impegno tra Lazio e Sicilia


CASARANO (LE) - Non conosce pause in questo avvio di stagione l’attività della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team. La squadra diretta da Pierpaolo Carra si appresta infatti ad affrontare l’ennesimo fine settimana all’insegna dell’agonismo e delle emozioni, con un impegno spalmato su due fronti e che vedrà schierati quattro equipaggi, di cui tre al debutto con il team salentino al Rally Day Valle della Guardia ai quali si somma la presenza di un altro portabandiera al Rally Cefalù Città Turistica. Entrambe le manifestazioni sono alla loro prima edizione e rappresentano anche l’appuntamento di apertura della stagione rallystica rispettivamente nel Lazio e in Sicilia.

In provincia di Palermo il sodalizio casaranese affiderà le proprie insegne a “PinoPic” alias Giuseppe Picciuca, che dopo un 2021 che lo ha visto alla guida di vetture del marchio Volkswagen, ritroverà il volante della Skoda Fabia R5 curata tecnicamente e messagli a disposizione dal Team DGR Sport. Il veloce driver di Polizzi Generosa che lo scorso anno non ha seguito un programma ben definito ma si è comunque messo in luce con prestazioni altisonanti sia al Rally Città di Casarano, concluso al sesto posto assoluto, che nella sua gara di casa il Rally Targa Florio, punterà ad un risultato di prestigio pur dovendosi confrontare con una qualificata e agguerrita concorrenza. Ad affiancarlo in abitacolo ci sarà la giovane copilota lucchese Miriana Gelasi, alla sua quinta esperienza su una vettura da assoluto.

Il secondo fronte d’attacco per la compagine casaranese è nell’area meridionale della provincia di Frosinone, tra i comuni di Pofi e San Giovanni Incarico dove saranno schierati quattro equipaggi, tre dei quali sono new entry tra le fila della squadra salentina, tutti molto motivati e decisi a ben figurare nelle rispettive classi e nel ricordo di Battista Giammasi.

A fare da capofila sarà il giovanissimo figlio d’arte Michael Rendina, alla sua seconda gara su strada, la quarta in carriera, che per l’occasione salirà a bordo della muscolosa Renault Clio S1600 preparata da Lion Team. Una vettura che utilizzerà per la prima volta e che quindi lo obbligherà, confidando nel supporto dell’esperto navigatore iridato nel 2004, al fianco di suo papà Max Rendina, Mario Pizzuti, a carpirne i segreti, per poterla sfruttare al meglio strada facendo. La sua gara, senza disdegnare uno sguardo alla classifica, compresa l’Under 25, va comunque inquadrata in ottica test, utile quindi per ritrovare gli automatismi agonistici, accumulare esperienza e macinare chilometri in vista dei successivi impegni stagionali.

Classe numerosa e dall’alto contenuto tecnico la Rally4 dove cercherà di ritagliarsi un ruolo di primattore arginando i sicuri attacchi degli avversari e cogliendo l’occasione per rifarsi con gli interessi dopo il ritiro subito al Rally di Pico-Cassino dello scorso anno, Paolo Vallone il trentenne di Pico che in carriera vanta due ottimi piazzamenti nella top ten, ultimo al Rally Città di Monte San Giovanni Campano dello scorso anno e diverse vittorie di classe. Guiderà la Peugeot 208 Vti tecnicamente seguita dalla 7Racing Rally Team e sarà affiancato in abitacolo per la prima volta da un copilota donna ossia Michela Nardozi.

Stessa macchina, stesso preparatore e stesso palcoscenico per Tiziano Meresi che a distanza di sei anni dalla sua prima gara nelle vesti di pilota, torna ad impugnare il volante di una vettura da corsa sulle strade di casa. Sarà della partita in coppia con Fabrizio Carnevale, anche lui reduce da un lungo periodo di inattività, con il chiaro intento di godersi al meglio il weekend di gara puntando a raggiungere il traguardo.

Altra giovanissima presenza in classe N3 con l’esordio nelle vesti di pilota di Mattia Cipriani che messa in stand by l’attività di copilota che riprenderà a breve, approfitta della gara di casa per concedersi questo interessante fuori programma con l’auspicio che sia divertente. E se, da un lato, l’alfiere Casarano Rally Team, l’unico dei quattro al via ad aver già rappresentato i colori del sodalizio, avrà l’obbiettivo di divertirsi, dall’altro non si lascerà di certo sfuggire l’opportunità di portare a termine la gara mettendo a segno la migliore prestazione possibile anche tra gli Under 25.

La vettura di cui dispone è la Renault Clio Rs preparata da DGR Sport mentre al suo fianco, in quella che potrebbe sembrare un’ inversione di ruoli rispetto al Rally Città di Monte San Giovanni Campano dello scorso agosto, ci sarà il fratello maggiore Fabiano, detentore accanto a Carmine Tribuzio del titolo assoluto nella Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona.

Nella fotografia allegata: (di Top Video by Lello Abate) Michael Rendina e Mario Pizzuti su Renault Clio R1 in azione alla Ronde di Sperlonga 2021.

Francesco Marotta e la Casarano Rally Team pronti per il Formula Challenge del Levante atto d’apertura del tricolore di specialità


CASARANO (LE) - È pronta a sventolare la prima bandiera di partenza del Campionato Italiano Formula Challenge 2022. Il primo atto stagionale, dei sette previsti dal calendario, scatterà questo fine settimana dal Levante Circuit di Binetto in provincia di Bari, struttura chiamata ad ospitare la prima edizione del Challenge del Levante, manifestazione che si disputa in abbinata al Trofeo del Sud.

In questo contesto esclusivo la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team torna nuovamente dentro la sfida con l’obiettivo di recitare, come già accaduto lo scorso anno, un ruolo da protagonista grazie alle prestazioni di Francesco Marotta.

La squadra salentina rilancia dunque la sfida tricolore riproponendo il proprio specialista di punta che sarà nuovamente alla guida della Peugeot 106 16v iscritta in classe S5 e preparata da Ferrara Motors. Per la compagine casaranese si tratta dunque di una riconferma di tutti quei tasselli di un mosaico che lo scorso anno ha segnato una nuova e marcata traccia agonistica, con il trentottenne pilota di Cavallino che ha tenuto aperti i giochi ed è rimasto in corsa per la conquista del titolo fino all’ultima gara, cogliendo quattro vittorie di gruppo in altrettanti appuntamenti di campionato, concluso poi al quarto posto. Si parte motivati dunque con Francesco Marotta che cercherà di fare tesoro dell’esperienza, condita da molteplici soddisfazioni accumulata lo scorso anno, per puntare nuovamente al massimo obiettivo, ossia lo scudetto tricolore.

“Finalmente si torna a correre! - dichiara l’alfiere salentino - Quest’anno lo facciamo sulla scorta di un 2021 molto positivo sotto tutti gli aspetti e con la voglia di riconfermarci ai vertici della classifica. Si annuncia una stagione molto combattuta con avversari di elevato livello, elementi che contribuiscono a garantire in ogni gara grande spettacolo e tanto agonismo. La vettura non ha subito grandi modifiche. Con Angelo Guzzetta abbiamo lavorato per perfezionare l’assetto. Sarà la mia prima esperienza sul circuito di Binetto e spero di riuscire a trovare sin da subito un ottimo feeling con il tracciato”.

La manifestazione entrerà nel vivo da domani, sabato 12 marzo con le operazioni di verifica tecnica previste dalle ore 12.30 alle 19. Domenica 13 a partire dalle ore 8.30 le prove di qualificazione con a seguire le tre manches di gara da tre giri ciascuna, con classifica finale stilata per somma dei tempi delle due migliori manches.

Nella fotografia allegata: (di Giovanni Cuna) Francesco Marotta su Peugeot 106 16v S5 in azione al Formula Challenge Terre Joniche edizione 2021.

Casarano Rally Team, forze spiegate al 3° Event Show Pista Salentina

(credits: G.Cuna)
CASARANO (LE) - Avviata la stagione motoristica al Rally Terra Valle del Tevere disputato lo scorso fine settimana per la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team è già tempo di scaldare nuovamente i motori per la prossima sfida in programma tra domani e domenica presso il Circuito Internazionale Karting Pista Salentina di Torre San Giovanni –Marina di Ugento chiamato ad ospitare la terza edizione dell’Event Show Pista Salentina, manifestazione atipica sperimentale valida quale prima prova del WSE Series 2022.

La compagine presieduta da Pierpaolo Carra non poteva che essere presente in maniera cospicua alla kermesse sportiva che segna l’avvio della stagione automobilistica pugliese, sia perché rappresenta per molti equipaggi una buona occasione per scrollarsi di dosso la ruggine accumulata nel lungo periodo d’inattività ma anche e soprattutto per potersi preparare al meglio, testando in alcuni casi la vettura in vista dei successivi e prestigiosi impegni, a cominciare dal 28°Rally Città di Casarano a calendario per il 23 e 24 aprile prossimi.

La pattuglia del team casaranese composta da tredici portacolori, (la rappresentativa più numerosa) sarà guidata dalla coppia formata da Fernando Primiceri coadiuvato alle note dalla figlia Giulia, che tornano alle corse a distanza di quasi un anno dalla loro ultima gara. Sfideranno le difficoltà del percorso con propositi di alta classifica a bordo di una Skoda Fabia di classe R5. Punta ad inserirsi nelle zone nobili della classifica assoluta anche Claudio D’Amico, vincitore nel 2011 della Ronde del Barocco Salentino, che cercherà di sfruttare al meglio l’alto potenziale di un Kart Cross, vettura monoposto con motore posteriore di derivazione motociclistica di 600 cc con cui ha avuto una prima presa di contatto in occasione di una recente sessione di test.

Saranno invece tre le presenze in classe R2B. Con le Peugeot 208 si schierano Matteo Carra, decimo assoluto, primo di classe e primo di Under 23 nel novembre scorso nel 1°Event Show Salento, che farà coppia per la prima volta con Cristian Quarta e Paolo Garofalo alla sua seconda esperienza al volante dopo gli esordi nelle vesti di navigatore, affiancato dal pilota ACI Team Italia, nonché vincitore del Rally Città di Casarano 2021 Guglielmo De Nuzzo. Su Citroen C2 Vts invece c’è il ritorno alle gare dopo qualche anno di stop di Riccardo Manzo con alle note Gianmarco Tondo. In gruppo N obiettivo vittoria per Mattia Primoceri, desideroso anche di riconfermarsi sui livelli dello scorso anno con gli ottimi piazzamenti nelle due prove della serie che lo hanno portato a conquistare il terzo gradino del podio nella prima edizione del WSE Series. Al suo fianco Gabriele Ciullo, la vettura è la Renault Clio di Classe N2000. Tra le N1600 invece trittico di Peugeot 106 capitanate da Simone Faiulo, vincitore di classe a novembre nel 1°Event Show Salento, navigato da Luca Giacomo Primiceri. Esordio assoluto invece per Alessandro Brigante in coppia con Stefano Gravante. Dopo il positivo esordio avvenuto al 1°Event Show Salento, Gaetano Manco affronta la sua seconda gara cambiando classe e vettura ma rimanendo fedele al suo compagno d’abitacolo Christian Stasi.

Paolo De Marco invece torna a vestire i panni del pilota dopo la parentesi novembrina al fianco di Paolo Garzia. Lettura delle note affidata a Federico Stefanelli. Tra le Racing Start ambizioni di vittoria per Antonio Branca su Peugeot 106 di classe 1.4 Plus, chiamato anche a dar seguito a quanto di buono fatto vedere nell’intero arco della scorsa stagione. Tra le due litri torna al volante a distanza di undici mesi Massimo Toma che porterà al debutto nelle vesti di navigatore il figlio Francesco, la loro vettura è la Seat Ibiza Gti. Tra le 1.6 invece si schiera Pierpaolo Calò su Peugeot 106 che alla sua seconda stagione agonistica cercherà di migliorare i positivi riscontri ottenuti nel corso del 2021. Sul sedile di destra siederà Pasquale Giaffreda.

Casarano Rally Team in otto per l’ultimo ballo del 2021


CASARANO (LE) - È in programma nella giornata di domani, sabato 18 dicembre, la tredicesima edizione della Ronde di Sperlonga, manifestazione divenuta negli anni una classica irrinunciabile, di quelle che ben si prestano a fare gruppo per chiudere al meglio una stagione e dove la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team conta anche quest’anno di recitare un ruolo da protagonista, schierando una pattuglia ben nutrita, composta da otto agguerriti equipaggi pronti ad elevarsi nelle rispettive classi di appartenenza come anche nell’assoluta. E alle posizioni nobili della classifica generale punta Luigi Bruccoleri che in terra pontina vi ha già corso nell’edizione precedente della gara (2019) conquistando un ottimo terzo posto assoluto.

Al suo quinto impegno stagionale, il veloce driver agrigentino tornerà ad impugnare il volante della Volkswagen Polo Gti R5 della Step Five Motorsport, vettura che ha già utilizzato con soddisfazione in occasione del Rally del Salento. A condividere con lui l’abitacolo il navigatore lucchese di Camaiore Massimo Moriconi che in carriera vanta diverse vittorie e numerosi piazzamenti di prestigio e che in questa stagione ha affiancato anche Claudio Arzà. Promette battaglia ed ha intenti simili anche Gianluca D’Alto, che la gara la conosce abbastanza bene per averla disputata spesso, sfiorando in più occasioni il podio assoluto. Nel corso di questa stagione il pilota salernitano ha prevalentemente corso con la Vw Polo ma a Sperlonga si presenterà al via sulla Skoda Fabia Evo2 di classe R5, di recente acquisizione in casa EvoRally. Lettura delle note e informazioni tecniche di guida affidate al navigatore di Ceccano Mirko Liburdi.

Trasferta all'insegna del divertimento senza comunque distogliere lo sguardo da un possibile buon piazzamento per altri due equipaggi siciliani ossia Giacomo Bruccoleri, papà di Luigi, navigato da Gianfrancesco Rappa, che quest’anno ha affiancato Simone Campedelli nel Tricolore Terra, in gara su Skoda Fabia R5 del Team Step Five Motorsport e per l’accoppiata composta da Gandolfo Picciuca e dal più noto figlio Giuseppe, in arte “PinoPic” che dopo tante e soddisfacenti gare disputate con il volante tra le mani, si ritroverà in questa occasione a gestire tutti gli aspetti legati alla navigazione. La loro vettura sarà la Peugeot 208 Rally4 iscritta in classe RC2 e messa loro a disposizione dal team GF Racing.

Prima esperienza su una Renault New Clio Sport di classe R3C (by Ferrara Motors) per il casaranese Matteo Carra che cercherà di ben figurare tra le vetture a due ruote motrici ma anche di cogliere un importante piazzamento nella classifica riguardante i primi conduttori Under 25. Ad affiancarlo il giovane fiorentino Simone Brachi che in tre anni di attività ha acquisito una buona esperienza in gare importanti e al fianco di giovani e promettenti piloti quali Giovanni Baruffa e Francesco Lovati. Le atre tre presenze Casarano Rally Team fanno tutte riferimento alla affollata e competitiva classe R2B e saranno capitanate dal giovanissimo Andrea Pisacane che reduce dalla bella prestazione colta al Rally Porta del Gargano, dove ha firmato il successo tra gli Under 25 e il quarto posto di classe N3, esordirà alla guida della Peugeot 208 Vti della GF Racing. Nuovo anche il compagno di avventura del driver leccese, che non sarà Enrico Lenti come da elenco iscritti, ma il campobassano Gianluigi Petrone. 

Dietro di loro, su identica vettura, ma preparata da Ferrara Motors, partirà l’equipaggio composto dalla casaranese vincitrice del titolo femminile nel Campionato Italiano R1 e nella Coppa Rally ACI Sport di Settima Zona, Sara Carra e dalla lombarda Elisabetta Franchina, reduce la settimana scorsa dal decimo posto assoluto colto al Prealpi Master Show, al fianco di Jader Vagnini. Lo schieramento della compagine salentina si completa con una new entry, quella di Francesco Perniconi che ritroverà tra le mani la Ford Fiesta Rally4 che ha già utilizzato ad inizio anno ad Adria e che ha poi permesso a Vincenzo Massa di vincere il titolo tricolore per le Classi R2 nel CIWRC. Il pilota romano dopo l’esperienza del Rally Città di Casarano, farà nuovamente coppia con il cuneese Francesco Pezzoli che quest’anno ha affiancato Marco Signor nel Campionato Italiano Rally e Giovanni Manfrinato nel Tricolore Terra.

Pioggia di Coppe per la Casarano Rally Team

(credits: G.Cuna)

CASARANO (LE) - Anche l’ultimo fine settimana di novembre regala grosse soddisfazioni alla Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team che ha schierato quattro suoi portacolori tutti al traguardo e tutti sul podio in due distinte manifestazioni.

Lungo i 1350 metri del percorso di gara disegnato sul miniautodromo Pista Fanelli di Torricella in provincia di Taranto, è andata in scena l’edizione numero cinque del Formula Challenge Magna Grecia, gara valida quale quarto e penultimo appuntamento del Campionato Italiano di specialità e dove la squadra diretta da Pierpaolo Carra ha saputo esprimersi nel complesso su ottimi livelli centrando il terzo posto nella classifica di Scuderia (un errore nella classifica ufficiale la riporta quinta con due piloti classificati, ma in realtà non è stato sommato il tempo del terzo pilota messo in classifica separatamente al decimo posto). Al termine di una gara condotta con costanza e solidità Paolo Garzia alla guida della sua Citroen Saxo Vts ha centrato la vittoria tra le vetture di gruppo N e di conseguenza nella classe 1600 riscattando così l’opaca prestazione della settimana scorsa allo Slalom Selva di Fasano. Il pilota di Parabita ha realizzato il suo tempo di classifica, che lo ha visto posizionarsi in termini assoluti al tredicesimo posto, nelle prime due manche riuscendo a siglare il suo miglior riscontro cronometrico di giornata nel corso della prima tornata chiusa sotto ai cinque minuti. Ininfluente ai fini della classifica il ritiro avvenuto nel corso della terza manche per via di un problema alla pompa della benzina. 

Ennesima prestazione da incorniciare anche quella ottenuta da Francesco Marotta che fin dalle prove ufficiali mette in chiaro le sue intenzioni e dopo le prime due manche in cassaforte il primato nel Gruppo Speciale Slalom e nella classe S5. Al volante della Peugeot 106 16v preparata da Ferrara Motors, il pilota di Cavallino fa tutto ciò che è nelle sue possibilità realizzando il suo miglior riscontro nel corso della prima manche e centrando la top ten assoluta nella terza. Chiude la gara in quindicesima posizione assoluta. Ma nonostante la quarta doppia vittoria (gruppo e classe) in altrettanti appuntamenti di campionato, anche in questa occasione Marotta mette insieme nella corsa scudetto un magro bottino punti che lo allontana dalle primissime posizioni occupate fino a dopo il terzo round. Come già accaduto domenica scorsa a Sarno anche in questa circostanza a penalizzarlo è stato l’esiguo numero di partenti nella classe. Ha invece faticato più del dovuto nel prendere le debite misure ai birilli Daniele Ferilli, attardato in classifica proprio a causa delle penalità subite nel corso della prima e della terza manche. Al volante della Citroen Saxo Vts 16v il driver di Casarano ha ottenuto la sua miglior prestazione in gara due, che sommata al tempo realizzato nella manche conclusiva hanno determinato la ventiseiesima posizione nella classifica finale assoluta e la conquista del terzo gradino del podio nel gruppo Racing Start Plus e nella classe 1.6.

Sono tanti i sorrisi sui volti degli appartenenti alla Casarano Rally Team anche dopo la sesta edizione del Tindari Rally disputato in terra di Trinacria, e dove a rappresentare il sodalizio salentino è stato Davide Ardiri assistito alle note da Giuseppe Buscemi. L’equipaggio messinese-agrigentino si è reso autore di una grande prova che lo ha portato a rimontare diverse posizioni perse a seguito dell’errata scelta di gomme sulla ps3. In gara sulla Renault New Clio Sport della LB Tecnorally, Ardiri e Buscemi hanno ultimato la gara cogliendo il decimo posto assoluto, aggiudicandosi la classe R3C e giungendo quinti tra gli equipaggi in gara su vetture a due ruote motrici, centrando quindi gli obiettivi che si erano prefissati e concludendo nel migliore dei modi la stagione agonistica numero quindici del driver originario di Sant’Angelo di Brolo.

Da Monza a Moncalvo da Sarno a Fasano, una girandola di emozioni per la Casarano Rally Team

(credits: M.Ponti)

CASARANO (LE) - Quello appena lasciato alle spalle è stato l’ennesimo weekend di super lavoro ma al tempo stesso carico di soddisfazioni per la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team che con cinque suoi portacolori, tutti “piazzati” ha preso parte a quattro distinte manifestazioni dislocate lungo tutto lo stivale. 

In Lombardia è andato in scena l’ACI Rally Monza, gara che ha fatto calare il sipario sull’edizione 2021 del Campionato del Mondo Rally  e sulla quinquennale stagione delle WRC Plus, le vetture più performanti che dal prossimo anno lasceranno il posto alle Rally1, ossia le vetture ibride. Presente in gara Guglielmo De Nuzzo, che dopo la positiva stagione nel Campionato Italiano Rally Junior conclusa al quinto posto,  ha fatto il suo debutto sulla scena iridata pilotando per la prima volta e con a fianco Gabriele Zanni, Campione Italiano Junior alla destra di Giorgio Cogni, la Peugeot 208 Vti di classe RC4 messagli a disposizione del Team Sportec. L’accoppiata salentino-camuna ha interpretato al meglio delle loro possibilità la gara brianzola chiudendo la prima giornata con uno splendido quarto posto di categoria. I buoni riscontri cronometri fatti segnare nel corso della prima tappa  avevano portato De Nuzzo e Zanni ad occupare anche il terzo gradino del podio, perso proprio sull’ultima ps di giornata per via di un piccolo errore nell’affrontare un’ inversione. La seconda tappa si è aperta in maniera più prudente, ma un problema alla frizione prima e la rottura di una candela poi, gli hanno tolto la possibilità di continuare a esprimersi sui livelli della prima frazione, facendoli precipitare nei bassi fondi della classifica. Rientrati in gara con il SuperRally, hanno affrontato l’ultima tappa con il solo obiettivo di accrescere il proprio bagaglio di esperienza,  tagliando il traguardo in cinquantatreesima posizione assoluta e al nono posto di classe.

A Moncalvo, sulle colline astigiane, in occasione della ventiquattresima edizione della Ronde Colli del Monferrato e del Moscato, i colori Casarano Rally Team sono stati rappresentati da Gabriele Lanza che ha fatto coppia per la prima volta con il navigatore pavese Lorenzo Valmori. Alla guida della sua fida Peugeot 106 S16 preparata dalla World Motors, il driver genovese ha saputo aggirare le insidie di un percorso bello ma a tratti molto impegnativo, mantenendo un passo costante per tutta la durata della gara e avendo nel mirino il quarto posto di classe N2/ProdS2. Complice però la fanghiglia, l’umidità scaturita dalla nebbia e il buio calato sul quarto passaggio della prova che dal paese di Castelletto Merli portava fino a Moncalvo, l’equipaggio ha preferito non prendere eccessivi rischi ultimando la gara al sesto posto di classe, quarantesimo assoluto.

Le soddisfazioni per la squadra salentina non si sono limitate ai rally, la compagine diretta da Pierpaolo Carra ha raccolto un nuovo doppio successo di gruppo e classe nel Campionato Italiano Formula Challenge che per il suo terzo appuntamento stagionale, ha nuovamente fatto tappa in occasione del 15°Trofeo Natale Nappi-Memorial Marco Casillo, sul Circuito Internazionale Napoli di Sarno in provincia di Salerno. A issare la bandiera Casarano Rally Team sui due gradini più alti del podio è stato Francesco Marotta che a bordo della Peugeot 106 16v preparata da Ferrara Motors, iscritta nel Gruppo Speciale Slalom Classe S5, ha nuovamente sbaragliato la concorrenza dettando legge sin dalle prove ufficiali, riuscendo a imprimere malgrado due piccole divagazioni, un gran ritmo in tutte e tre le manche e migliorando progressivamente i propri tempi sul giro. 1.09”833 il suo best lap di giornata realizzato nel corso della terza tornata della manche conclusiva. Riscontri che confermano un valore certamente alto e  un feeling con la vettura  oramai diventato importante. In classifica assoluta si è piazzato undicesimo mancando la top ten per quattro decimi di secondo. Il risultato ha  consentito a Marotta di muovere ulteriormente la classifica di campionato, seppur in maniera meno cospicua rispetto ai suoi diretti contendenti, avvantaggiati da un maggior numero di partenti nelle loro categorie. Il driver di Cavallino è al momento quarto in classifica  con 16,5 punti, staccato di un solo punto e mezzo dalla vetta e questo fine settimana sulla Pista Fanelli di Torricella nel penultimo round del tricolore cercherà di sferrare un nuovo attacco per cercare di ricucire lo strappo.

Risultati importanti anche quelli colti nella settima edizione dello Slalom Trofeo Selva di Fasano disputato su un tratto di strada della più blasonata cronoscalata Coppa Selva di Fasano. Nell’appuntamento brindisino che ha chiuso il Trofeo Italia Slalom Sud e la Coppa Slalom Zona 4,  Cosimo Antonio Sergi ha colto il doppio secondo posto nel gruppo E2 Silhouette e nella classe 1.150, portando la sua Fiat 126 Proto in undicesima posizione assoluta. Dopo gli errori nelle prove ufficiali e nella seconda manche, dove ha abbattuto alcuni birilli e il ritiro subito nella prima per via dell’improvvisa apertura del cofano, l’alfiere casaranese si è riscattato in gara tre coprendo i 2520 metri del percorso in 2’21”25 rimanendo staccato dalla top ten per meno di mezzo secondo. Gara per certi versi fotocopia, pesantemente condizionata dagli errori quindi, anche quella di Paolo Garzia al volante della  Citroen Saxo Vts che dopo l’abbattimento dei birilli nelle prove e  nelle prime due salite,  si è rifatto nella manche conclusiva siglando il tempo di 2’26”39 che gli è valso il diciottesimo posto assoluto e la conquista del doppio terzo posto in gruppo N e in classe N1600.

QUESTO FINE SETTIMANA NUOVO DOPPIO IMPEGNO AL TINDARI RALLY E AL FORMULA CHALLENGE MAGNA GRECIA

Se quello appena concluso è stato un fine settimana caratterizzato dalla presenza su più fronti, anche il prossimo si annuncia non meno impegnativo. La squadra salentina sarà infatti presente al 6° Tindari Rally  in programma in provincia di Messina  e alla 

quinta edizione del Formula Challenge Magna Grecia, quarto e penultimo  appuntamento del tricolore di specialità in programma sulla Pista Fanelli di Torricella in provincia di Taranto. Sulle leggendarie strade al confine tra i Nebrodi e i Peloritani sarà al via Davide Ardiri che sulle strade di casa ritroverà la Renault Clio R3C preparata da La Barbera, che in passato gli ha regalato belle soddisfazioni, tra cui il secondo posto al Nebrodi 2018. Alla sua seconda gara stagionale dopo il positivo esordio in R5 avvento al Rally Terra di Argil, Ardiri cercherà una prestazione d’effetto puntando a ben figurare tra le vetture a due ruote motrici e a farsi strada tra i pretendenti alla top ten assoluta. Obiettivi finalizzati anche a sfatare una tradizione negativa che lo ha visto costretto al ritiro nelle sue due precedenti partecipazioni (2016 e 2018). Ad affiancarlo in abitacolo ci sarà l'esperto navigatore agrigentino Giuseppe Buscemi che in carriera vanta prestigiosi risultati tra cui la vittoria al Rally Terre del Paltani 2015 al fianco di Giuseppe Tripolino.

Sul versante orientale della provincia di Taranto la squadra è invece attesa a una nuova prestazione di forza. Oltre al già citato Marotta che cercherà di dar seguito alla striscia positiva di risultati e al tempo stesso di scalare la classifica di campionato, dovrebbe essere nutrita la presenza dei suoi compagni di colori anche se la lista definitiva è ancora in via di ufficializzazione.

Mondiale Rally: Ogier suona l'ottava a Montecarlo

NICOLA ZUCCARO - Sebastian Ogier non ha rivali a Montecarlo e si aggiudica per l'ottava volta l'appuntamento che apre, come da tradizione, il Mondiale Rally. Sulle strade del Principato, il pilota transalpino e 7 volte campione del mondo ottiene anche la 50esima vittoria in carriera, a bordo della sua Toyota, precedendo il compagno di team Elfyn Evans di 32.6 secondi e il belga Thierry Neuville di 1' 13" 05"'.

Cancellato il Rally di Svezia

STOCCOLOMA - Il rally di Svezia del prossimo febbraio, seconda tappa del World Rally Championship, è stato cancellato per le restrizioni legate alla pandemia. Lo hanno annunciato oggi gli organizzatori dell’evento.

Rally: due podi in due gare per i-Drive Racing Team


Non poteva esserci debutto migliore per I-Drive Racing Team. Sul circuito di Varano dè Melegari, la squadra di Cernusco Lombardone ha ottenuto due splendidi podi con entrambi i piloti: Stefano Fecchio, che ha disputato gara due ed ha ottenuto un secondo posto di categoria, terzo di divisione, Paolo Corradin, protagonista della prima manche, dove ha ottenuto il terzo posto di categoria. Un risultato fantastico, raggiunto già nella gara del debutto: I-Drive Racing Team era infatti alla prima gara assoluta, dopo aver passato l’inverno a preparare la vettura, con la quale ha disputato solamente due sessioni di test, nelle scorse settimane.

Il weekend di Varano è iniziato nel migliori dei modi già nelle qualifiche, con Stefano Fecchio autore del terzo tempo di categoria, quarto tempo assoluto della seconda divisione.
In gara uno a scendere in pista è stato Paolo Corradin: già allo start il pilota varesino è partito molto bene ed ha iniziato una gran lotta per il secondo posto con altri quattro avversari. La lotta è durata per tutta la gara, rendendo la manche molto tirata ed incerta fino alla fine. I quattro piloti si sono scambiati più volte la posizione, battagliando ad ogni curva e ad ogni staccata, fino alla bandiera a scacchi. Corradin è riuscito a mantenere la terza posizione di categoria, facendo registrare anche il giro di più veloce della gara, non solo di categoria ma assoluto.
Nella seconda gara a scendere in pista è stato il pilota milanese Stefano Fecchio, al debutto nelle gare su pista. Fecchio si è dimostrato molto veloce, disputando una gara magistrale, issandosi subito in seconda posizione di categoria ed amministrando il risultato fino a sotto la bandiera a scacchi, ottenendo anche il terzo posto di divisione.
Entusiasta Luca Bonfanti, team manager della squadra, al termine della giornata: "Siamo davvero molto contenti per questo week end, debutto migliore non avremmo potuto sognarlo. Sapevamo di avere a disposizione una vettura competitiva, grazie anche ai test effettuati alcune settimane fa. Non avrei però pensato di poter tornare a casa con un secondo ed un terzo posto di categoria ed anche il giro veloce assoluto in gara uno. I nostri piloti sono stati fantastici, disputando due gare praticamente perfette. In gara uno Corradin è stato incredibile, è rimasto in lotta fino alla fine con quattro avversari, con i quali ha ingaggiato un duello pazzesco, ma leale. Devo dire che dal muretto box ho rischiato un infarto, la gara mi sembrava lunghissima, come se durasse ore, non finiva più! Paolo è stato davvero eccezionale a riuscire a portare a casa il terzo posto di categoria con una gara intera disputata all’attacco, dove è riuscito ad ottenere anche il giro più veloce! In gara due sono riuscito a stare più tranquillo al muretto box grazie a Fecchio che, nonostante fosse al debutto assoluto in una gara ufficiale, ha amministrato il secondo posto come se fosse un pilota veterano. Vedere entrambi i nostri piloti salire sul podio è stata una emozione incredibile, peccato solo che a causa del Coronavirus non sia stato possibile avere il pubblico in pista. Fortunatamente la corsa è andata in diretta sul canale SKY 228, i nostri sponsor e tanti amici hanno potuto assistere alle gare comodamente da casa. Ora ci sarà un lungo stop in vista della prossima gara, noi però non staremo fermi, abbiamo già pianificato alcuni test perché vogliamo fare progredire la macchina e l’affiatamento della nostra squadra. Non dimentichiamoci che eravamo solo alla prima gara e vogliamo sicuramente migliorarci. Devo ringraziare tutti quelli che ci hanno consentito di ottenere questi risultati, a partire dai piloti, Stefano Fecchio e Paolo Corradin, ai membri della squadra, ai partner tecnici che ci supportano come gli sponsor, senza i quali non potremmo gareggiare. Questo risultato va condiviso con tutti!".

Rally: ripartenza con il sorriso per Mancin a Magione

(Gaetani Racing)
RIVA (RO). Il mondo della velocità in salita si è finalmente rimesso in moto, seppur in un contesto del tutto anomalo, come la pista, e senza il calore del proprio pubblico. I segni lasciati dal Coronavirus sono ancora ben presenti ma, nonostante questo, l'Individual Races Attack, andato in scena Domenica scorsa sul circuito di Magione, ha dato buoni riscontri, con una cinquantina di iscritti che si sono dati appuntamento sul tracciato perugino.

Una festa che, oltre ad essere stata strozzata dalle prescrizioni sanitarie, è stata funestata dalla scomparsa, per un malore quando si trovava nel paddock, di Pasqualino Amodeo.

"Le mie più sentite condoglianze per la scomparsa di Pasqualino Amodeo" racconta Mancin "così come da tutta Gaetani Racing. Un pilota, un collega, che ci ha salutato vivendo sino all'ultimo momento la propria passione, quella per il mondo dei motori. Ciao Pasqualino".

Michele Mancin, presentatosi ai nastri di partenza con la Ferrari 458 Evo di Gaetani Racing, si ritrovava a lottare in una classe ridotta a soli tre partenti ma con due termini di paragone importanti: Roberto Ragazzi e Maurizio Pitorri, entrambi sulle più evolute Ferrari Challenge 488.

Ecco quindi che il terzo gradino del podio in classe GT Cup, contornato dal quattordicesimo posto nella classifica generale, sono da considerarsi un risultato più che positivo, in virtù della progressione messa in campo dal pilota di Rivà, al debutto assoluto in quel di Magione.

Una prima sessione di prove libere, nella giornata di Sabato per prendere confidenza con il tracciato, veniva seguita dall'unica manche di libere, complice il malore accusato da Amodeo, ed il polesano iniziava a trovare le giuste misure con staccate e traiettorie di percorrenza.

In gara 1 Mancin cambiava decisamente ritmo, migliorando il proprio parziale di una decina di secondi, pur restando a debita distanza dal duo di testa.

Nella successiva tornata il portacolori della scuderia patavina migliorava ulteriormente, abbassando di due secondi il proprio score, confermando che la strada presa è quella giusta.

"Non avevo mai corso in pista con la Ferrari 458 Evo" sottolinea Mancin "e non avevo mai visto prima il circuito di Magione. Era tutto nuovo quindi l'obiettivo era quello di togliersi la ruggine con la rossa e cercare di migliorare, con costanza, ma senza rischiare più del dovuto. Siamo scesi qui perchè il desiderio di ripartire era davvero tanto. Il risultato che abbiamo ottenuto ci appaga perchè siamo consapevoli di non poter competere oggi con nomi del calibro di Ragazzi e Pitorri, sia dal lato tecnico ma soprattutto per la differenza di esperienza di guida. La Ferrari 458 Evo è stata perfetta così come tutto il team, da Luca Gaetani a tutto lo staff di meccanici. L'unico neo riguarda il lato emotivo. Correre senza pubblico, quando siamo abituati a centinaia di appassionati che fanno il tifo per noi, è davvero triste. Diventa tutto più freddo. Anche le premiazioni, con un pilota alla volta che saliva a ritirare la coppa, lasciano molto amaro in bocca. Purtroppo dobbiamo portare pazienza ed affrontare questa situazione. Almeno ci siamo ritrovati, tra piloti ed addetti ai lavori, e questa è stata un'emozione indescrivibile".