Malagò: "Il calcio si deve adeguare a quella che è la realtà: non può andare avanti da solo"

(Ansa)
"Il calcio si deve adeguare a quella che è la realtà sotto gli occhi del paese, non può andare avanti da solo. Si deve navigare il più possibile a vista cercando di fare una programmazione" ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Malagò a Tgcom24 riguardo lo sconvolgimento del calendario legato all'emergenza coronavirus.

"Su questo tema ho già espresso un’opinione. Il calcio non può pensare di giocare una partita per conto suo, ci si deve adeguare a quelle che sono delle realtà oggettive del Paese e si deve navigare il più possibile a vista e al tempo stesso cercando di fare una programmazione che se non si può fare col pubblico, non se in alcune zone d’Italia o ovunque, lo preveda. Questa è la realtà. Io non ho titolo per parlare del calcio, penso di averlo sullo sport, non posso fare un discorso per una sola disciplina anche se è la più importante e la più ricca, e non considerare gli altri sport".

"Olimpiadi Tokyo 2020? Ho un unico riferimento, che è il Cio" ha dichiarato ancora Malagò "Parlo quotidianamente con Losanna, non c’è nessuna controindicazione da parte del Cio. Poi se gli organi istituzionali del Giappone dicono altro io, come Presidente del Coni, devo comunque basarmi su quello che mi dice il Cio. Non posso fare un discorso solo su una disciplina e non tener conto delle altre. Credo che tutte le discipline debbano avere la stessa considerazione".

0 commenti:

Posta un commento