Calcio. Malagò: "Nel breve termine ci sarà un ridimensionamento anche nel valore di qualche cartellino e ingaggio"

(Ansa)

"A Mugello c’era un pubblico accettabile, così come a Misano e come ci sarà a Imola per i Mondiali di ciclismo. Per gli stadi invece non si è trovata una soluzione tra le istanze legittime e doverose da parte del mondo del calcio e le istituzioni: il nodo ruota attorno alle indicazioni del Cts" ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò. 

"Nel giro di qualche settimana si pensa di poter ottenere qualcosa, ma è difficile fare marketing e sinergia commerciale. I ricavi dei diritti tv non si possono cancellare, e questo aggiunge un problema a un problema. L’eventuale danno economico dei club di vertice per questa vicenda del Covid è stato stimato in 4 miliardi di euro. A cascata, però, si finisce all’associazionismo sportivo, che è la colonna vertebrale del nostro mondo. Se non c’è il mecenate di turno o viene meno la filiera sportiva, il ‘salta il banco’ vale per le società più grandi e piccole. Sono certo che nel breve termine ci sarà un ridimensionamento anche nel valore di qualche cartellino e ingaggio. Lo ritengo indispensabile, siamo figli delle dinamiche dei flussi finanziari che ci sono. Tutto quello che serve per migliorare lo stato delle cose è sempre positivo, discorso da trasportare anche per le proprietà straniere all’interno dei club italiani. E’ una partita che bisogna vedere come va a finire, come si dice oggi: vediamo i ‘decreti attuativi’ di questa materia" ha dichiarato ancora Giovanni Malagò ai microfoni di "Radio Anch’io Sport" su Rai RadioUno, in merito agli stadi di calcio ancora chiusi al pubblico.

0 commenti:

Posta un commento