Europa League, Gattuso: "Col Betis ci giochiamo tanto"

MILANO - "Ci giochiamo tanto, la testa è solo a questa sera, non si pensa a nient'altro" ha dichiarato l'allenatore del Milan, in vista della sfida di Europa League col Betis.

"La sconfitta all'andata ha complicato il nostro cammino e ci troveremo davanti una squadra che può cambiare modulo ma ha una sua identità e che può farci male. Serve una grande partita a livello tattico, essere bene organizzati. Due settimane fa, pur non giocando una grande partita, abbiamo avuto le nostre occasioni. La prestazione è stata però al di sotto di quanto possiamo fare. Reina è un maestro in questo senso: nei momenti di difficoltà riesce a compattare lo spogliatoio, non è uno che parla per aprire la bocca ma dice cose sensate. Siamo fortunati, per un allenatore è bello avere giocatori come Reina e altri che quando li chiami si fanno sempre trovare a disposizione. Le vittorie ti fanno allenare meglio, la palla pesa meno, c'è un bel clima, c'è entusiasmo, si lavora in modo più tranquillo. Più pressione o entusiasmo per una settimana con Betis e Juve? Ogni volta che giochiamo siamo il Milan, abbiamo gli occhi addosso di tutti e giocheremo contro squadre che hanno una loro identità. Il Betis mi preoccupa, in Liga sta facendo fatica ma se gli dai campo ti può fare male. Suso è cambiato a livello mentale. Prima, quando lo levavi dal suo orticello, cominciava a preoccuparsi, a ragionare tanto. Ora viene a giocare non solo nella sua posizione, gli piace giocare da mezza punta o da secondo attaccante. E' cambiato molto, si diverte non solo a fare le cose che sa fare. Se è migliorato è merito suo ma ha ancora tanti margini di crescita. Higuain sta lavorando, non sappiamo se ce la farà. Vediamo in questi giorni. Calabria ha cominciato a correre e siamo fiduciosi, ci lascia ben sperare mentre Bonaventura non è ancora al massimo, ha ancora fastidio al ginocchio ed è quello che sta meno bene dei tre".

0 commenti:

Posta un commento