Sibilia: "Il Var? E' uno strumento che aiuta, ma ci sono questioni da approfondire"

"E' uno strumento che aiuta, ma ci sono questioni da approfondire. Molti errori sono stati eliminati. Ci sono delle problematiche ancora da risolvere, ma mi sembra uno strumento necessario che deve essere migliorato anche rispetto all'approccio che c'è stato. C'e' necessita' di valutare meglio le azioni e comunque l'autonomia del giudice di gara e' fuori discussione" ha dichiarato il presidente della Lnd e vice presidente vicario della Figc Cosimo Sibilia intervenuto alla trasmissione 'Un Calcio Alla Radio' su Radio CRC, parlando della Var.

"I cori? Abbiamo dei regolamenti e vanno applicati, ma sospendere la gara e' una competenza esclusiva di chi e' preposto all'ordine pubblico. Se si mettono insieme 500 imbecilli a fischiare cosa facciamo? Blocchiamo le partite? Abbiamo avuto un incontro con il sottosegretario e il ministro che hanno pareri diversi. Salvini dice una cosa e Giorgetti un'altra. Violenza su arbitri? Vedendo i numeri sono diminuite, ma e' chiaro che gli episodi di violenza sui campi di calcio vanno azzerati. Tolleranza zero verso la violenza, ma con i grandi numeri diventa una questione che si deve approfondire. Quando voi parlate dell'eta' degli arbitri considerate che un arbitro inizia a 16 anni, quindi quando si va ad arbitrare sui campi di seconda divisione stiamo parlando di un arbitro nemmeno ventenne. Nicchi ha detto che i nostri arbitri devono maturare perché il nostro campionato li aiuta, ma servono anche arbitri di maggiore esperienza. Sono giovanissimi e bisogna aiutarli e supportarli. Dobbiamo capire che anche l'arbitro può sbagliare. Una dei nostri primi provvedimenti e' stato l'inasprimento delle sanzioni. Abbiamo punito chi colpisce l'arbitro. Continua una diminuzione degli episodi per quanto riguarda la violenza sugli arbitri, anche se vanno azzerate. Abbiamo bisogno di  una collaborazione con tutti, anche con i media".

0 commenti:

Posta un commento