Visualizzazione post con etichetta Milan. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Milan. Mostra tutti i post

Coppa Italia: il Diavolo condanna Sheva

(via Ac Milan fb)
PIERO CHIMENTI
- Dopo il roboante 2-5 della Fiorentina ai danni del Napoli, con l'esordio col gol del pistolero Piatek la Coppa Italia vede anche la vittoria del Milan ai danni del Genoa per 3-1. Nel primo tempo c'è un Genoa pericolo che trova il vantaggio già al 17' con Ostigard che, su corner di Portanova, insacca di testa il gol del vantaggio.
 
Nella ripresa c'è il ritorno del Diavolo, con Giroud che trova il vincente colpo di testa al 74' su cross di Theo Hernandez, che condanna il Grifone ai supplementari. Il Milan, rianimato dal gol del pari, assedia i rossoblu nella propria metà campo, trovando il vantaggio con Leao al 101', inventando una traiettoria su cui Semper non può farci nulla. 

A chiudere ogni discorso qualificazione ci pensa Saelemaekers al 112' che, servito da Theo Hernandez, deve solo spingere in porta il pallone del 3-1, col piattone. Vittoria di carattere quella del Milan, preoccupato per l'infortunio di Tomori, che evidenzia i limiti tecnici della squadra di Shevchenko, probabilmente alla sua ultima gara sulla panchina genoana.

Serie A, il Milan piega la Roma: finisce 3-1

(via Ac Milan fb)
MILANO - La squadra di Pioli dopo 8 minuti è già in vantaggio grazie alla rete su rigore di Giroud. Poi nel finale Ibrahimovic sbaglia un altro tiro dal dischetto. I giallorossi terminano il match in nove uomini. Il Milan in classifica è a un punto di distanza dall'Inter capolista, che però ha una partita da recuperare.

Vince il Milan, cade il Napoli: i risultati della Serie A

(via Ac Milan fb)
MILANO - La squadra di Pioli batte l'Empoli 4-2 e resta in scia dell'lnter: i nerazzurri sono a +4. Sorte diversa per il Napoli che perde in casa con lo Spezia e scivola a -7 dalla vetta.

Serie A: Ibra salva il Diavolo, è 1-1 alla Dacia Arena

(via Ac Milan fb)

PIERO CHIMENTI
- Finisce 1-1 la sfida alla Dacia Arena tra Udinese e Milan. L'Udinese del neo tecnico Cioffi approfitta di un Diavolo stanco e con poche idee, passando in vantaggio già al 17' con Beto. L'attaccante portoghese approfitta dell'errore di Bennancer lanciandosi verso l'area rossonera e favorito dal rimpallo di Tomori realizza l'1-0. 

Nella ripresa lo spartito non cambia, nonostante Pioli cerchi di animare la squadra con i cambi. I rossoneri raggiungono il pari al 92' con Ibrahimovic. L'attaccante svedese, su cross di Castillejo, approfitta di un'incomprensione della retroguardia friulana per segnare in semi rovesciata.

Champions: Milan fuori, Inter sconfitta a Madrid

MILANO - I nerazzurri, già qualificati agli ottavi, non riescono a scavalcare il Real che, grazie alle reti di Kroos e Asensio, mantiene il primo posto nel girone.

A San Siro il Milan, senza Rebic e Leao, si arrende al Liverpool ed esce dalle coppe europee.

Serie A: il Milan vince ma si fa male Kjaer, pareggio del Sassuolo con il Napoli

(via Us Sassuolo fb)
ROMA - Al Mapei il Sassuolo pareggia negli ultimi minuti di partita contro il Napoli grazie a un gol di Ferrari. Preoccupazione invece in casa del Diavolo dove, nonostante la vittoria contro il Genoa, Kjaer si fa male al primo minuto ed esce in barella.

Serie A: il Sassuolo stende il Milan

(via Us Sassuolo fb)

PIERO CHIMENTI
- Il Milan subisce la seconda sconfitta consecutiva, la prima in casa, per mano del Sassuolo. A passare in vantaggio sono proprio i rossoneri con Romagnoli che al 21', da calcio d'angolo, colpisce di testa battendo Consigli. Il vantaggio dura pochi minuti quando Raspadori innesca Scamacca che fa partire un tiro da 20 metri su cui il rientrante Maignan non può far nulla. Al 33' il Sassuolo passa sorprendentemente in vantaggio per uno sfortunato autogol di Kjaer, dopo una conclusione di Scamacca che sbatte sulla schiena del danese beffando il proprio portiere. 

Nella ripresa arriva il punto esclamativo sul match con Berardi. Matheus Henrique è bravo a rubare palla a Kessié per servire il pallone al proprio capitano neroverde che batte Maignan per il definitivo 1-3. Un brutto Milan che, oltre a subire la sconfitta casalinga per mano degli uomini di Dionigi, deve anche incassare il sorpasso per mano del Napoli che nel posticipo domenicale schianta la Lazio per 4-0 con la doppietta di Mertens, Zielinski e Ruiz.

Il Milan cade a Firenze: al Franchi rocambolesco 4 a 3

(via Acf Fiorentina)
PIERO CHIMENTI -
I rossoneri al Franchi 'non superano' la prova di Italiano incassando al Franchi la prima sconfitta stagionale. Pronti via, il Milan passa in vantaggio al 5' con Ibrahimovic ma lo svedese è in fuorigioco ed il gol è da annullare. Al 15' i Viola passano in vantaggio con Duncan che approfitta di un'incertezza di Tatarusanu, che perde il pallone dopo averlo bloccato. Sul finale di tempo Saponara punisce il Diavolo, inventando un arcobaleno su cui Tatarusanu non arriva. 

Nella ripresa i bomber si scatenano: al 60' Vhlaovic lanciato da Duncan supera il portiere rumeno per il 3-0, un minuto più tardi Ibra accorcia le distanze approfittando di un errore di Bonaventura per il 3-1. Qualche minuto più tardi lo svedese sigla la doppietta con un tapin su cross di Theo Hernandez che apre le speranze rossonere. È l'85' quando Vhlaovic realizza la doppietta che vale il 4-2, approfittando dello scippo del pallone di Nico Gonzalez su Theo Hernandez. 

Sembra tutto finito ma Ibrahimovic al 93' ha ancora la forza inventare una giocata, che vale il 4-3, favorito dalla deviazione involontaria di Venuti che beffa Terracciano. Il Milan contro la Fiorentina ha pagato l'assenza di Tomori, con Gabbia incerto come nella prima rete di Duncan non riuscito a fermare le offensive dei padroni di casa.

Serie A, pari tra Milan e Inter: i rossoneri raggiungono il Napoli

(via Inter fb)
MILANO - Solo un pareggio per il derby della Madonnina. Ha aperto il match Calhanoglu che è andato in rete su calcio di rigore. Il Milan recupera pochi minuti dopo grazie all'autorete di De Vrij. L'Inter resta a meno sette da rossoneri e partenopei.

L'Inter ferma lo Sheriff: ora gli ottavi sono più vicini

(via Inter fb)

LUIGI LAGUARANGELLA
- Con una vittoria convincente l'Inter sale al secondo posto del girone di Champions League e aggiunge un tassello importante per la qualificazione agli ottavi. Nella trasferta in Moldova Brozovic, Skriniar e Sanchez firmano il successo contro la rivelazione Sheriff. I nerazzurri dominano per l'intera gara, prima del vantaggio Dzeko e Lautaro mancano di precisione e fortuna per sbloccare il risultato. Il bosniaco, soprattutto nel primo tempo è sempre attivo nel creare spazi nella fase offensiva, l'argentino colpisce un palo ed è ossessionato nella ricerca della rete personale. 

Dimarco e Darmian sulle fasce garantiscono la giusta spinta, anche se Vidal disputa un'ottima gara, recuperando tantissimi palloni. Il cileno è tra i migliori di Inzaghi e da un suo passaggio Brozovic finta e tira in porta portando l'Inter in vantaggio, grazie ad un "coccodrillo" di Barella che lascia libero lo specchio. Mentre Lautaro continua a cercare il gol, Skriniar raddoppia. Dal calcio d'angolo dopo una doppia respinta del portiere lo sloveno ribadisce in rete.

Verso il finale Inzaghi cambia la coppia d'attacco inserendo Corra e Sanchez e quest'ultimo entra con tutta la fortuna che non ha Lautaro. Terzo gol, vittoria meritata, ma prima del fischio finale la testa di Traore accorcia le distanze per lo Sheriff. Girone ancora aperto con l'Inter che intravede la qualificazione.

Il Milan rimane aggrappato alla Champions

(via Ac Milan fb)

PIERO CHIMENTI -
Il Milan pareggia in casa contro il Porto, conquistando il primo punto in Champions. Partita complicata per i rossoneri che nel primo tempo sono in balia dei lusitani, che trovano subito il vantaggio con Luiz Diaz al 6'. L'attaccante colombiano, imbeccato in area da Grujic, con intervento su Bennancer, batte Tatarusanu per il vantaggio ospite. L'unico squillo del Diavolo arriva solo al 33' con Giroud che calcia da 25' chiamando Diogo Costa alla deviazione. 

Nella ripresa nel Milan entra Kalulu per Calabria, uscito per un leggero malore sul finire del tempo. Il terzino francese al 61' propizia il pareggio per i rossoneri, alimentando l'azione nata su punizione di Bennancer rimettendo in area il pallone, trovando così la fortunosa deviazione di Mbemba nella propria porta. Finisce 1-1, un pareggio inutile per il Milan la cui qualificazione adesso è appena ad un filo. Il Diavolo sarà chiamato a fare risultato contro il Liverpool e l'Atletico Madrid.

Il Milan conquista Bologna

(via Ac Milan fb)
PIERO CHIMENTI - Un brutto Milan espugna il Dall'Ara di Bologna. Nel primo tempo gli uomini di Mihajlovic partono bene cercando di mettere in pericolo con Arnautovic la porta difesa da Tatarusanu, ma al 16' è il Diavolo a passare in vantaggio con Leao che da posizione defilata calcia in porta e trova la fortunosa deviazione di Medel. Il Milan sembra padrone del campo e, approfittando dell'espulsione di Soumaoro al 20' per fallo su Krunic, trova il raddoppio al 35' con un tiro violento di Calabria.

Nella ripresa i rossoneri si spengono, così il Bologna ne approfitta accorciando al 49' grazie all'autogol di Ibrahimovic su calcio d'angolo di Dominguez. Al 52' succede l'inaspettato: i felsinei, seppur in inferiorità numerica, trovano il pareggio con Barrow, che lanciato da Soriano batte Tatarusanu per la gioia dei tifosi di casa. Al 58' arriva una nuova espulsione tra le via rossoblu, per il fallo di Soriano su Ballo-Tourè.

I padroni di casa non demordono e difendono come possono il loro 'fortino', ma si devono arrendere al 84' quando una bordata di Bennancer batte Skorupski per il definitivo sorpasso. A mettere il punto sull'incontro ci pensa Ibrahimovic che realizza il 2-4 con destro dal limite. Partita da dimenticare per il Milan, che della brutta prestazione portata in scena al Dall'Ara deve salvare i tre punti conquistati, preziosi per volare in classifica in attesa di Roma-Napoli.

Champions: Milan ko anche col Porto. Inter, missione compiuta contro lo Sheriff

(via Inter fb)
Dopo le vittorie contro Shakhtar e Real, i moldavi dello Sheriff si arrendono ai nerazzurri di Inzaghi. Va peggio per il Milan, che al Dragão cercava i primi punti nel gruppo B, fermato dalla rete di Luis Diaz.

Serie A: il Milan batte il Verona in rimonta e va momentaneamente in testa

(via Ac Milan fb)

MILANO - Il Diavolo batte il Verona rimontando dallo 0-2 al 3-2. Un successo proietta momentaneamente i rossoneri in testa alla classifica a quota 22 punti, a +1 sul Napoli e a +5 sull'Inter. Di seguito la classifica aggiornata:

Milan 22*

Napoli 21

Inter 17*

Roma 15

Lazio 14*

Fiorentina 12

Juventus 11

Atalanta 11

Bologna 11

Empoli 9

Torino 8

Verona 8*

Udinese 8

Sassuolo 7

Spezia 7*

Sampdoria 6

Genoa 5

Venezia 5

Salernitana 4*

Cagliari 3

* Una partita in più

Anfield amaro per il Diavolo


PIERO CHIMENTI -
Esordio amaro il Champions League, dopo 7 anni di assenza, per il Milan che esce sconfitto contro il Liverpool, all'Anfield Road per 3-2. Ad inizio partita, gli uomini di Pioli subiscono la pressione dei Reds che, già nei primi minuti, inanellano calci d'angolo, fino al meritato vantaggio che arriva al 9'. Il gol porta la firma di Alexander-Arnold, che nella sua incursione in area, su suggerimento di Salah, calcia di destro trovando la sfortunata deviazione di Tomori, che beffa Maignan che vale l'1-0. 

Il Liverpool continua arrembante a mettere in allarme la retroguardia del Milan, e al 12' conquista il calcio di rigore per un presunto fallo di mano di Bennancer che potrebbe indirizzare pesantemente l'incontro. Dal dischetto il portiere Maignan ipnotizza Salah respingendo il calcio di rigore ed è reattivo nel tap in di Jota. Sul finale di tempo il Diavolo si fa intravedere dalle parti di Alisson, fino al trovare il pareggio al 42' il pareggio di Rebic, che sulla verticale di Leao batte da due passi il portiere brasiliano con un preciso diagonale che vale l'1-1. Al 44' arriva addirittura il sorpasso rossonero, con Diaz bravo a ribadire in porta la conclusione di Theo Hernandez, che aveva trovato il salvataggio disperato di Robertson. 

Nella ripresa le due squadre riprendono la contesa con gli undici iniziali con il Liverpool che trova subito il pareggio con Salah che, dopo aver scambiato con Origi, insacca con una zampata di esterno su cui Maignan rimane immobile. Al 69' arriva il definitivo 3-2 del Liverpool che porta la firma di Handerson, che su azione di calcio d'angolo è bravo ad approfittare di un pallone messo fuori area da Rebic, facendo partire una conclusione di destro che fa impazzire di gioia i propri tifosi. I rossoneri accusano il colpo, faticando a tessere nuovamente gioco offensivo degno di nota. L'ultimo squillo è di Diaz, che nei minuti di recupero fa partire una conclusione dal limite dell'area che si spegne appena sopra della traversa.

Atalanta-Milan 0-2: rossoneri di nuovo in Champions dopo 7 anni

(via Ac Milan fb)
STELLA DIBENEDETTO - Dopo sette anni di assenza, il Milan, nella prossima stagione, tornerà a giocare la Champions League grazie alla vittoria sull’Atalanta maturata al novantesimo dell’ultima giornata di campionato. I rossoneri battono in trasferta i bergamaschi 2-0 con una doppietta di Kessiè che non sbaglia dal dischetto per ben due volte, la prima nel finale del primo tempo e il secondo nel recupero della partita.

Al Milan serviva una vittoria che è arrivata per la gioia dei tifosi rossoneri che, da anni sognavano il ritorno in Champions. I rossoneri provato a sbloccare il risultato con diverse azioni nel corso del primo tempo. Per esultare, però, devono aspettare il 43 quando Theo Hernandez viene steso da Maehle. Mariani indica il dischetto sul quale si presenta Kessiè che non sbaglia immobilizzando Gollini con un’esecuzione perfetta. La prima frazione di gara termina con il Milan in vantaggio.

Nella ripresa, i rossoneri provano a chiudere in fretta la pratica, ma l’Atalanta non molla e i rossoneri sono costretti a soffrire fino al termine del match. Il gol del 2-0 e di conseguenza della tranquillità, infatti, arriva solo in pieno recupero. Al 90’ il Milan conquista il secondo calcio di rigore della partita mentre l’Atalanta resta in dieci uomini per l’espulsione di De Roon. Sul dischetto si presenta ancora Kessiè che non sbaglia regalando ai suoi la vittoria e la qualificazione alla prossima Champions League.

Milan, match point fallito: la Champions si decide all’ultima

(via Ac Milan Fb)
MILANO - Il Diavolo si fa male da solo e fallisce il più facile dei match point per la Champions. A San Siro col Cagliari finisce 0-0 e i rossoneri si mangiano le mani perché una vittoria avrebbe dato la certezza aritmetica di chiudere fra le prime quattro in classifica. Le sorti europee rossonere si decideranno quindi all’ultima giornata, quando i rossoneri faranno visita all’Atalanta.

Il Milan espugna il Franchi

(via Ac Milan Fb)

PIERO CHIMENTI -
Vittoria importante per il Milan, a Firenze ai danni di una buona Fiorentina per 2-3. A passare in vantaggio è il Diavolo al 9' con Ibrahimovic, imbeccato da un preciso lancio di Kjear. Appena qualche minuto e la Viola ritrova il pari con un punizione potente di Pulgar che beffa Donnarumma. 

Nella ripresa sono ancora i padroni di casa a trovare la via del gol con Ribery che al 51', servito da Vlahovic, beffa Donnarumma per 2-1. Appena il tempo di festeggiare che il Milan ritrova il pari al 57' con Diaz, che su corner di Calhanouglu si fionda sul primo palo dopo una spizzata fortunosamente di Kjear. 

Il 2-3 porta la firma di Calhanouglu che, servito da Kessiè, calcia una rasoterra che si ferma sul secondo palo dove Terracciano, subentrato a Dragowsky per infortunio, non può arrivarci. Il Milan con questa vittoria si conferma come unica antagonista dall'Inter che comunque ha una partita in meno da recuperare contro il Sassuolo.

Milan-Man United 0-1, rossoneri fuori dall'Europa League

(via Ac Milan fb)
MILANO - Milan-Manchester United 0-1 (0-0) nel ritorno degli ottavi di finale di Europa League. Rossoneri eliminati in virtù anche dell'1-1 maturato nella partita di andata in Inghilterra. Decide un gol di Paul Pogba ad inizio ripresa.

Serie A: il Napoli sbanca San Siro e il Milan vede l'lnter scappare

(via Ssc Napoli Fb)
MILANO - Dura sconfitta dei rossoneri e i cugini scappano a +9. Più che lo scudetto gli uomini di Pioli ora devono guardare alla corsa Champions.

E proprio in ottica Champions fondamentali tre punti per i partenopei.