Visualizzazione post con etichetta Milan. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Milan. Mostra tutti i post

Serie A: il Milan vince a Cagliari e torna solo al vertice

(via Ac Milan)

CAGLIARI - I rossoneri tornano al vertice dopo essere passati in vantaggio al 6' grazie a un rigore trasformato da Ibrahimovic, che raddoppia nel secondo tempo. I tre punti conquistati sul campo del Cagliari permettono al Diavolo di ritornare a +3 sull'Inter.

Il Milan affetto da pareggite: 2-2 col Genoa

(via Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Nuovo pareggio per il Milan, che deve fare i conti con molti assenti in difesa, contro il Genoa. Dopo un primo tempo in cui il Diavolo ha cercato la via del gol con la punizione di Calhanouglu e un'azione personale di Rebic salvato da Perin, la ripresa si apre con il gol di Destro al 47', bravo a farsi trovare pronto per il tap-in vincente dopo la prima conclusione di Shomurodov, che ha trovato un Donnarumma reattivo. Dopo qualche minuto arriva il pareggio di Calabria che al 52' calcia al limite dell'area rossoblu sul secondo palo, dove Perin non può arrivarci.

La partita non smette di regalare emozioni ed è così che al 60' il Genoa ritorna in vantaggio ancora con Destro, che non trovava una doppietta da tre anni, bravo a schiacciare di testa il cross perfetto di Ghiglione. Sul finale di partita il Diavolo riagguanta il risultato con Kululu all'83. La rete nasce dal calcio d'angolo di Calhanouglu, su cui Romagnoli fa da sponda per il suo compagno di reparto che realizza il 2-2.

Juventus, Milan e Verona: 7 punti per ricordare Paolo Rossi


NICOLA ZUCCARO - Dopo il Como, il Lanerossi Vicenza e il Perugia, anche la Juventus, il Milan e l'Hellas Verona hanno onorato Paolo Rossi con dei risultati positivi nelle rispettive gare valide per l'undicesima giornata della Serie A 2020-2021. Per l'ordine cronologico relativo alle squadre precedentemente menzionate e delle quali Rossi indossò le rispettive casacche, la priorità spetta alla Juventus. 

Dopo la prima militanza dal 1973 al 1975, Rossi tornò alla Vecchia Signora nel 1981 e vi restò fino al 1985. La Juventus lo ha onorato a Marassi con il 3-1 inflitto al Genoa. Non con una vittoria, ma con un pareggio per 2-2, il Milan lo ha onorato per la sua militanza rossonera nella stagione sportiva 1985-1986. 

Dulcis in fundo, l'Hellas Verona. Al termine del campionato 1985-86, Rossi concluse la carriera con gli scaligeri vittoriosi per 2-1 sulla Lazio nell'anticipo disputatosi sabato 12 dicembre all'Olimpico di Roma. Nello stadio capitolino Pablito fu anche protagonista con la maglia azzurra per la tripletta rifilata al Messico nell'amichevole disputatasi il 4 febbraio 1984 e terminata 5-0 a favore dell'Italia.

Hernandez salva il Milan: 2-2 contro il Parma

(via Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan, ancora privo di Ibrahimovic, dovrà fare a meno anche di Gabbia che dopo 2' è messo ko per un contrasto di Cornelius. Al suo posto esordisce in campionato Kululu. Al 13' passa in vantaggio il Parma con Hernani che, servito da Gervihno, di piatto destro batte Donnarumma. Il Milan non si disunisce e aumenta il suo volume di gioco e al 23' si vede annullare il gol di Castillejo per un fuorigioco millimetrico. Sul finale di tempo la porta di Sepe risulta stregata per i rossoneri con Diaz e due volte Calhanouglu prendono il palo su azione e su punizione del turco.

Nella ripresa è la traversa a fermare Calhanouglu e la beffa per i padroni di casa arriva al 56' quando sulla ripartenza i ducali trovano il 2-0 con Kurtic servito dal cross di Hernani. Gli uomini di Pioli non ci stanno e al 58' accorciano le distanze con Theo Hernandez che svetta di testa su calcio d'angolo di Calhanouglu. Il pareggio arriva nei minuti di recupero con Sepe che respinge la conclusione di Rebic su cui si fionda Theo Hernandez che di sinistro realizza il definitivo 2-2.

Europa League: il Milan batte lo Sparta Praga ed è primo nel girone

(Ac Milan via Fb)
PRAGA - I rossoneri espugnano anche Praga e conquistano il primo posto nel girone H dell'Europa League andando ai sedicesimi di finale. Il vantaggio è arrivato grazie all'azione individuale di Hauge. Rosso a Plechaty per un fallo su Leao.

Il Milan vince ancora, 2-1 alla Samp

(credits: Ac Milan via Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan si conferma primo in classifica, battendo la Sampdoria per 1-2. A decidere il match sono un gol per tempo. In un primo tempo bloccato, i rossoneri, che ritrovano Pioli in panchina, vanno in vantaggio al 44' per un calcio di rigore che l'arbitro Calvarese fischia per un tocco di mano in area di Jankto su colpo di testa di Theo Hernandez. Dal dischetto Kessié non sbaglia e spiazza Audero per lo 0-1.

Il secondo tempo è un po' più divertente, con il tecnico Ranieri che cerca di rianimare il centrocampo blucerchiato con l'ingresso di Daamsgard ed Ekdal, ma a trovare la via della rete è ancora il Milan al 77' con il neo entrato Castillejo, che servito da Rebic, tocca il primo pallone che vale lo 0-2.

Quando la partita sembrava non avesse più nulla da dire, all'82 Ekdal con un'acrobazia colpisce di testa il cross su calcio d'angolo di Candreva. Dopo 4' di recupero il Milan espugna il Marassi di Genova e mantiene saldamente il primato in classifica.

Il Milan travolge il Celtic: 4-2 a San Siro

(Ac Milan via Fb)
PIERO CHIMENTI - Vittoria convincente del Milan, che ritrova in panchina il tecnico Pioli, contro un modesto Celtic. Gli scozzesi si trovano sorprendentemente in vantaggio al 7' con Rogic, che approfitta di un controllo errato di Krunic in fase di disimpegno, per entrare in area e battere di sinistro Donnarumma.

Il Diavolo va in confusione anche a causa dell'infortunio di Kjear, e subisce lo 0-2 con Edouard che beffa Donnarumma con un morbido pallonetto. I rossoneri riprendono a spingere ed accorciano le distanze al 24' con una punizione di Calhanouglu che non lascia scampo a Barkas. Appena un paio di minuti è Castillejo bravo a prendere un pallone in area e su rimpallo battere il portiere celtico.

La ripresa si apre con Hauge che in azione solitaria entra in area e realizza di giustezza il 3-2. Il poker che spegne le pur misere velleità ospite porta la firma di Diaz che al 82', su assist di Hauge, realizza il 4-2 col tocco sotto. I rossoneri con questa vittoria strappano il pass per i sedicesimi di Europa League, rendendo così l'ultimo match contro lo Sparta Praga una pura formalità.

La fuga del Diavolo: +5

PIERO CHIMENTI - Il Milan, privo di Ibrahimovic, sa ancora vincere. Nel match del San Siro contro la Fiorentina vince 2-0 con i gol di Romangnoli e Kessiè nel primo tempo. La prima rete dei rossoneri è firmata da Romagnoli che al 17', approfittando della spizzata di Kessiè su calcio d'angolo di Diaz, firma l'1-0. I padroni di casa continuano a proporsi in vantaggio, trovando al 27' l'occasione di raddoppiare, con l'arbitro Abisso che fischia il calcio di rigore, per il fallo in area di Pezzella su Saelemakers. Dal dischetto Kessié spiazza Dragowski per il 2-0. 

Sul finire del tempo, il Milan ha l'opportunità di siglare la terza marcatura per un'ingenuità nella propria area di rigore di Caceres, che trattiene per la maglia Theo Hernandez. Dal dischetto questa volta è bravo l'estremo difensore viola a deviare la conclusione di Kessié, lasciando il risultato bloccato sul 2-0. Nella ripresa il Milan gestisce il vantaggio, con la Fiorentina che non riesce a creare occasioni di nota.

Milan fermato dal Lilla 1-1

(Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI -
Il Milan, privo di Ibrahimovic fermo ai box per infortunio, non va oltre il pareggio nel match di ritorno in Europa League, contro il Lille. Dopo un primo tempo equilibrato in cui Hauge spreca il possibile vantaggio, il Diavolo trova ad inizio ripresa il vantaggio con Castillejo, che servito da Rebic realizza lo 0-1.

La parità viene raggiunta dai francesi al 65' quando David, su cross di Araujo, tocca in area per Bamba che batte Donnarumma per il definitivo 1-1. Il Milan rimane al secondo posto con 7 punti e avrà l'opportunità di strappare il pass per i sedicesimi nel prossimo match, che si disputeranno al San Siro contro Celtic e Sparta Praga.

Napoli-Milan 1-3: colpaccio dei rossoneri, Ibrahimovic show

(credits: Ac Milan via Fb)
STELLA DIBENEDETTO - Colpaccio del Milano che, in trasferta al San Paolo, batte il Napoli 3-1 grazie alla doppietta di Ibrahimovic e alla rete di Hauge. Una vittoria importante per i rossoneri nel segno del bomber svedese che, a 39 anni, è ancora uno dei migliori nel suo ruolo.

Il Milan parte subito forte e prova a sbloccare il risultato con Kjaer e Calhanoglu. Il vantaggio dei rossoneri, però, arriva con una perla di Ibrahimovic. Con un colpo di testa magistrale, lo svedese segna il decimo gol in sole otto giornate portando avanti i suoi. La reazione del Napoli non si fa attendere con Di Lorenzo che colpisce la traversa. I rossoneri, però, sono più propositivi e chiudono il primo tempo sull'1-0.

Nella ripresa, il Napoli prova ad acciuffare il pareggio ma è ancora Zlatan ad andare in gol su assist di Rebic. Lo svedese, in serata di grazia, trascina i suoi verso una vittoria importantissima. Il Napoli, però, nonostante il doppio svantaggio, non si arrende e prova a riaprire la partita. Il gol del 2-1 arriva così con Mertens. La rete del belga dà agli uomini di Gattuto la giusta spinta per credere nel pareggio, ma l'espulsione per il doppio giallo a Bakayoko consente al Milan di chiudere definitivamente la partita con Hauge , autore del definitivo 3-1. Il Milano, così, torna al primo posto in classifica.

Il Lille schianta il Milan

(credits: Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Nella terza giornata di Europa League, il Lille batte il Milan 3-0. In un match senza storia, in cui il Diavolo è apparso meno lucido rispetto alle ultime uscite, i francesi trovano il vantaggio con Yazici, furbo ad approfittare di una leggerezza di Romagnoli in area di rigore, e conquistare il calcio di rigore al 21'. Dal dischetto il turco spiazza Donnarumma per lo 0-1.

Nella ripresa cerca di dare impulso alla manovra offensiva facendo entrare Calhanouglu e Leao per Krunic e Castillejo apparso abulico, ma la manovra non decolla ed al 55' è il solito Yazic che calcia alla distanza approfitta di un'incertezza di Donnarumma, sul rimbalzo del pallone per il 0-2 del Lille. Gli ospiti non sembrano domi e al 58' Yazici realizza la sua tripletta approfittando di un corridoio centrale per calciare sul secondo palo, dove il portiere rossonero non può arrivarci.

Ibra show: il Milan riprende a correre

(credits: Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan vince 1-2 nel match delle 12.30 contro l'Udinese. Grande protagonista dell'incontro è Zlatan Ibrahimovic, ispiratore e decisivo della conquista dei tre punti. Ad aprire le marcature è Kessiè al 13' che, servito da Ibrahimovic, apre il piattone in area che supera Musso. Nella ripresa i friulani trovano il pari con il calcio di rigore di De Paul, per un presunto fallo in area di Romagnoli su Pussetto. Pioli non si accontenta del pari e lancia nella mischia Rebic e Delot, per Leao e Calabria, e i risultati si vedono con il Diavolo che riprende a spingere e all'83' Ibrahimovic inventa un'acrobazia che vale l'1-2.

Europa League: il Milan abbatte lo Sparta Praga

(Ac Milan via Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan, dopo il mezzo passo falso contro la Roma in campionato, torna alla vittoria al San Siro contro lo Sparta Praga. Ad aprire le marcature è Brahim Diaz, che dopo aver dialogato con Ibrahimovic infila Heca per l'1-0. Nella ripresa è Leao a realizzare il 2-0, bravo a ribadire in rete il pallone, dopo che la conclusione di Delot aveva centrato l'estero. Il terzino portoghese non sbaglia al 66' quando, lanciato da Bennancer, supera il portiere per il definitivo 3-0. I rossoneri adesso viaggiano a punteggio pieno nel Girone H, mettendo una serie ipoteca per il passaggio del turno di Europa League.

La Roma blocca la fuga del Milan

(Cgr /Tedeschi)
PIERO CHIMENTI - Il Monday night tra Milan e Roma non tradisce le aspettative con uno spumeggiante 3-3. Ad aprire le marcature è il Milan alla primo minuto di gioco con Ibrahimovic che, su scucchiaiata di Leao, supera Mirante con una zampata. Al 14' Dzeko, capitano della Roma, raggiunge il pareggio su corner di Pellegrini, con il vice Donnarumma Tatarusanu che salta a vuoto spalancando la porta al bomber bosniaco. 

La ripresa riparte con gli stessi effettivi per entrambe le squadre. Al 47' sono ancora i rossoneri a passare in vantaggio con Saelemaekers bravo a farsi trovare pronto in area per la deviazione su imbeccata di Leao. Al 69' l'arbitro Giacomelli fischia un rigore discutibile per gli uomini di Fonsaca: dopo un presunto contatto di Bennancer e Pedro. Sul dischetto dopo qualche minuto di protesta dei giocatori meneghini, Veretout riporta la partita in equilibrio per il 2-2.

Il match, nonostante manchi poco al fischio finale, ha ancora molto da dire e così al 79' gli uomini di Pioli si vedono fischiare un calcio di rigore a favore per un presunto contatto tra Calhanouglu e Mancini. Dal dischetto Ibrahimovic non sbaglia e riporta in avanti il Milan per il 3-2. All'84' arriva il definitivo 3-3 su zampata di Kumbulla che, su calcio d'angolo di Veretout, approfitta di un liscio di Ibra per rianguantare il pareggio. Finisce in parità il match con tanti gol e altrettanti mugugni sul mancato intervento del Var nei due episodi decisivi.

Milan, Donnarumma e Hauge positivi al Coronavirus


MILANO - Tegola in casa rossonera a poche ore dal match contro la Roma. Il portiere, il giovane attaccante norvegese e 3 membri dello staff sono risultati positivi al tampone. Esito negativo per gli altri giocatori allenati da Mister Pioli.

Europa League: vince la Roma, sconfitta per il Napoli

(credits: Ac Milan Fb)
GLASGOW - Ottimo il debutto della squadra di Pioli in Europa. Nonostante un Ibrahimovic un po' fiacco, i rossoneri portano a casa la vittoria contro i britannici, rimanendo imbattuti dall'8 marzo.

Leao sbriga la pratica Spezia: 3-0 per il Diavolo

(credits: Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan vince 3-0 il match contro lo Spezia. Dopo un primo tempo equilibrato con ritmi non molto elevati, ci pensa Leao al 57' su punizione di Calhanouglu, entrato nel secondo tempo per Colombo a battere il portiere Rafael di prima intenzione. Al 76' Theo Hernandez firma il 2-0, dopo una progressione che ha lasciato sul posto Agudelo, con un diagonale sul secondo palo che non lascia scampo al portiere spezino. Al 78' Leao sigla la sua doppietta personale su azione iniziata da Saelemaekers, con servizio di testa da Kessié che ha permesso all'attaccante portoghese di siglare a due passi il definitivo 3-0, che fa volare i rossoneri in testa alla classifica a punteggio pieno, in attesa del Derby della Madonnina che si disputerà dopo la sosta della nazionale.

Europa League: insidie per Napoli e Milan

PIERO CHIMENTI - A Nyon è andato in scena il sorteggio dei gironi per l'Europa League, che vede protagonisti Roma e Napoli, posti in prima fascia, e il Milan in terza. L'urna premia la Roma, inserita nel Girone A con Young Boys, Cluj e CSKA Sofia. L'insidia per il Napoli, nel Girone F, viene dal Real Sociedad e dall'Az Alkmaar. Chiude il girone il Rijeka. Non gioisce il Milan, che per il suo ritorno in Europa è stato inserito nel Girone H con Celtic, Sparta Praga e Lille.

Milan ai gironi di Europa League dopo 24 rigori

(credits: Ac Milan Fb)

MILANO - Il Diavolo segna per primo ma si fa rimontare dai Portoghesi di Rio Ave. Ai supplementari con un gol per parte la vittoria arriva dopo una lunghissima serie di calci di rigore, grazie alla provvidenziale parata di Donnarumma. Finisce 11 a 10 per i rossoneri.

Il Milan piega il Bodoe: ad attenderlo il Rio Ave

(credits: Ac Milan Fb)
PIERO CHIMENTI - Il Milan, con l'attacco spuntato per le assenze di Ibrahimovic e Rebic, vince a fatica contro il Bodoe per 3-2. Pioli decide di non snaturare il tema tattico della squadra, sostituendo lo svedese con il giovane attaccante Colombo. A passare in vantaggio però sono gli ospiti che al 15' trovano il gol con Junker con una girata mancina, che batte Donnarumma, su suggerimento di Hauge. Neanche il tempo di esultare, che il Milan trova il pari con Calhanouglu, grazie ad una conclusione mancina che non lascia spazio al portiere avversario. Il giovane Colombo premia la fiducia di Pioli al 32' insaccando da due passi il pallone del 2-1, su suggerimento di tacco di Calhanouglu.

Nella ripresa è ancora il Diavolo a trovare la via del gol con un ispirato Calhanouglu che, su calcio d'angolo di Castillejo, calcia di prima intenzione col destro, all'angolo dove l'estremo difensore norvegese non può arrivare. Il Bodoe non si vuol dare per vinto e trova il 3-2 con 55' con Hauge che trova un destro potente su cui Donnarumma non può farci niente. Gli uomini di Pioli, superata la pratica Bodoe, dovranno affrontare il prossimo 1° ottobre i portoghesi del Rio Ave, per una sfida che aprirà le porte della fase a gironi.